5 Dicembre 2021

Lewis Carroll: la poiesis di Alice, fino alla “Fantasmagoria e altri poemi”

Roberta De Tomi

Tempo di lettura: 6 minuti

 

 

 

“In su’ vespri giocondi, dolcemente
Sul lago tranquillissimo voghiamo,
Da delicate mani facilmente
Sono mossi i remi, e alla ventura andiamo.”

Siamo in un Meriggio Dorato, cullati dalla corrente dell’Isis (il Tamigi) che scorre placido. Un giovane professore di matematica è in gita con tre bambine: Edith, Alice e Lorina. Sono le figlie di Henry Liddell, eminente grecista, nonché rettore della Christ Church, la scuola in cui il professore, Lewis Caroll (Daresbury 1832 – Guildford1898) insegna, senza troppo entusiasmo.Lewis Carroll
Carroll, al secolo Charles Lutwidge Dodgson, preferisce seguire il suo ingegno che lo porta a occuparsi di una molteplicità di attività. È fotografo, logico, inventore, amante di tutte le arti, ma il grande pubblico lo conosce soprattutto come scrittore. E anche qui, la sua versatilità si conferma come nota distintiva, tra poesia e prosa. Alla base del suo scrivere c’è la Poesia, intesa nel senso stretto del termine (dal greco ποίησις, poises, con il significato di “creazione”).
Una poesia di cui ha ampia cognizione, in quanto genere letterario che presenta codifiche precise, in equilibrio tra forma e contenuto. Poesia che è emozione veicolata da un uso straordinario del linguaggio e da immagini geniali.

Meriggio Dorato” costituisce il proemio di Alice nel paese delle meraviglie (1865). Un ‘atto di poesia’ che è anche il racconto della genesi del romanzo che ha scardinato diverse ‘certezze letterarie’.

alice Liddell
Alice Liddell as the Beggar Maid [1858]

Il capolavoro carrolliano è nato durante una gita in barca, come narrazione rivolta alle sorelle Liddell. Nei mesi successivi viene sviluppato nella forma che conosciamo, con ipotesi di titolo diversi. Addirittura Carroll aveva pensato a un “Paese delle Fate”, ma forse non avrebbe reso il senso dell’assurdo che pervade il racconto, pur facendoci toccare con mano la magia. Magia che si esplica attraverso la febbrile creatività di Carroll.

Alice nel paese delle meraviglie è un grande gioco che rovescia le regole della Società vittoriana.
Non è un caso che, improvvisamente, Alice non riesca a declamare correttamente i poemetti edificanti che ha memorizzato a scuola. Carroll si burla della morale dell’epoca in cui vive, dando al lettore il compito di cogliere i significati più sottili dei suoi intenti.

Blue plaque, Lewis Carroll
Blue plaque, Lewis Carroll

Ogni parola è pervasa dalla poesia: è nelle scelte poetiche, nel rovesciare situazioni, nel senso dell’assurdo che confina con l’onirico.
C’è poesia persino nei numeri: Carroll ci fa capire che la poesia è come la matematica, in quanto dotata di una propria logica, anche laddove sembra non averla. Pensiamo a quando, nel secondo capitolo, Alice inizia a sbagliare i calcoli. In realtà Carroll reinventa la matematica dando un ritmo particolare alla situazione, una scansione che nasce dalla confusione della bambina.

Facciamo un salto in avanti e arriviamo ad Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò (1871), un seguito più introspettivo del precedente, basato su una partita a scacchi. Qui i significati diventano più complessi, insieme a situazioni piene di elementi simbolici in cui ravvisiamo la perdita di identità di Alice, di nuovo ricercatrice archetipica in un mondo rovesciato. La poesia raggiunge un alto apice nell’acrostico presente nel dodicesimo e ultimo capitolo.

A boat beneath a sunny sky,
Lingering onward dreamily
In an evening of July–

Children three that nestle near,
Eager eye and willing ear,
Pleased a simple tale to hear–

Long has paled that sunny sky:
Echoes fade and memories die.
Autumn frosts have slain July.

Still she haunts me, phantomwise,
Alice moving under skies
Never seen by waking eyes.

Children yet, the tale to hear,
Eager eye and willing ear,
Lovingly shall nestle near.

In a Wonderland they lie,
Dreaming as the days go by,
Dreaming as the summers die:

Ever drifting down the stream
Lingering in the golden gleam
Life, what is it but a dream? *

Se si congiungono le iniziali dei versi verticalmente, leggiamo Alice Plesance Liddell.
Un omaggio alla musa ispiratrice? O qualcosa di più? Carroll non smette di stupirci.

I romanzi sono una fucina di poesia che Carroll ha espresso anche in successivi giochi di parole (metagrammi etc.) di cui è stato creatore brillante.
E’ autore anche di Phantasmagoria, un poema edito nel 1869, oggi poco conosciuto dal grande pubblico dei lettori. Strutturato in sette canti, tratta dall’incontro tra un certo Tibbet e un fantasma.
Dal dialogo tra i due, si scopre che i fantasmi non sono così diversi dagli esseri umani. Phantasmagoria non manca di una ritmica che conferisce una leggerezza un po’ fatata alla metrica, ben scandita da chi sa ‘maneggiare la materia’. A questo poema se ne aggiungono altri 17 che costituiscono la raccolta Phantasmagoria and other poems. Da qui troviamo altre edizioni dell’opera poetica carrolliana, illustrate e non.
Leggere questi componimenti può essere d’interesse per chi vuole approfondire la poiesis di Lewis Carroll che, ricordo, è anche autore di opere quali “La caccia allo Snark” (1876, poemetto epico di cui faccio notare il richiamo allo shark, squalo in inglese, qui identificato con una creatura bizzarra) e “Sylvie e Bruno” (1889).

* Nota 1
Una barca sotto un cielo soleggiato,
Indugiando sognante
In una sera di luglio…

Tre bambine che si annidano vicino,
occhio impaziente e orecchio volenteroso,
Sono contente di sentire una semplice storia…

A lungo ha impallidito quel cielo soleggiato:
Gli echi svaniscono e i ricordi muoiono.
Le gelate autunnali hanno ucciso luglio.

Ancora lei mi perseguita, come un fantasma,
Alice che si muove sotto i cieli
Mai visto da occhi svegli.

Bambine ancora, il racconto da ascoltare,
occhio impaziente e orecchio volenteroso,
amorevolmente si annideranno vicino.

In un paese delle meraviglie giacciono,
Sognando mentre i giorni passano,
Sognando mentre le estati muoiono:

Sempre alla deriva lungo la corrente
Indugiando nel bagliore dorato
La vita, cos’è se non un sogno?

(Trad. di Roberta De Tomi)

Cover: Inghilterra, particolare di una vetrata commemorativa di Lewis Carroll



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roberta De Tomi

Roberta De Tomi

Ti potrebbe interessare:

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

  • lotus

    Parole a capo /
    Giovanni Drogo: Haiku di vita quotidiana

  • Addio Sandy!

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi