Tempo di lettura: < 1 minuto

Quanti professori avete incontrato nel vostro percorso di istruzione? E che ricordo ne conservate?
Sebbene capiti a tutti di dimenticare molti dei propri insegnanti, al punto da faticare a ricordarne persino il nome, è possibile tuttavia anche serbarne il ricordo a lungo, a volte per tutta la vita.
I più fortunati hanno incontrato almeno un insegnante che ricordano con gioia, con affetto, perché ha contribuito a renderli le persone che sono diventate. Ognuno in un modo diverso, secondo la propria personalità e sensibilità. Ma sono proprio loro ad aver colto il senso profondo e ultimo di un mestiere tanto delicato.
Le nozioni col tempo si dimenticano, la memoria ci abbandona e con lei date, nomi e regole algebriche. Ciò che invece non è possibile dimenticare è ciò che gli insegnanti dovrebbero avere più a cuore: insegnare a pensare. Perché chi pensa decide, sceglie, cresce e trova, consapevolmente, il proprio posto nel mondo.

“Io non posso insegnare niente a nessuno, io posso solo farli pensare”
Socrate

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
IL MAESTRO E IL GIOVANE ESORDIENTE
La corrispondenza tra Leonardo Sciascia e Vincenzo Consolo
LA PAURA NERA:
una strega che ci ruba l’umanità
INCERTI TRA PASSATO E PRESENTE
Da Gutenberg a Galileo: la nostra eterna diffidenza verso il Nuovo
Come un pensiero

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi