Home > COMUNICATI STAMPA > Liceo Ariosto e RemTech: Ferrara in prima fila su cambiamenti climatici e difesa del suolo

Liceo Ariosto e RemTech: Ferrara in prima fila su cambiamenti climatici e difesa del suolo

da: organizzatori

C’è un filo rosso che unisce Ferrara all’evento “Verso Parigi 2015. Gli stati generali sui cambiamenti climatici e sulla difesa del suolo in Italia”, organizzato a Roma per il prossimo 22 Giugno da #italiasicura, la Struttura di missione del Governo contro il dissesto idrogeologico.
Quel filo parte da RemTech, l’appuntamento più specializzato in Italia sulle bonifiche dei siti contaminati e la riqualificazione del territorio, che si terrà alla Fiera di Ferrara dal 23 al 25 Settembre, si annoda intorno al Liceo Ariosto e lo lega saldamente al Consiglio Nazionale dei Geologi, che proprio a RemTech sarà presente con uno stand e interverrà nella sezione speciale CoastEsonda, dedicata al dissesto e alla prevenzione dei rischi.

La collaborazione tra il Liceo Classico di Ferrara e il CNG risale, in realtà, allo scorso inverno e si inserisce nel solco dell’impegno per la tutela dell’ambiente che caratterizza l’istituto ferrarese e che, in Febbraio, si era concretizzato in due conferenze rivolte alle classi del triennio dell’indirizzo scientifico: “Erosione delle coste”, relatore il docente di UniFe Umberto Simeoni, e “Rispetto e salvaguardia del territorio italiano (dissesto idrogeologico ed eventi sismici)”, con il Presidente del CNG, Gian Vito Graziano. Il prossimo Settembre, invece, alla Fiera di Ferrara, alcuni studenti dell’Ariosto saranno presenti nell’area espositiva del Consiglio dei Geologi, che da tempo promuove un “road show” nelle scuole, per fare informazione sui temi della prevenzione, del rispetto e della salvaguardia del territorio.

Ma già Lunedì 22 Giugno, i propositi condivisi dal Liceo ferrarese, dal CNG e da RemTech, la manifestazione organizzata da Ferrara Fiere Congressi (partner la Regione Emilia-Romagna e sponsor Eni Saipem), troveranno espressione a Roma, in occasione degli “Stati generali sui cambiamenti climatici e sulla difesa del suolo in Italia”.
Oltre ad avere tra i propri obiettivi – come ricorda Silvia Paparella, Project Manager di RemTech – quelli di “diffondere la conoscenza delle migliori tecnologie disponibili, creare business per le imprese italiane e sensibilizzare le giovani generazioni alla tutela del territorio”, RemTech e CoastEsonda sono, infatti, tra gli stakeholder che ‪#‎italiasicura ha selezionato per avviare un percorso di partecipazione e che porteranno il proprio contributo al confronto in programma nella capitale.
L’iniziativa del Governo punta a far dialogare la politica e il mondo economico e associativo, dei quali verranno ascoltate le opinioni, le esperienze, le istanze e le proposte sul tema dei cambiamenti climatici e della difesa del territorio, e a presentare le iniziative già adottate in tal senso dall’esecutivo, anche in vista della Conferenza delle Nazioni Unite prevista a Parigi per Novembre 2015.

Di fronte al cambiamento climatico, l’inazione ha un costo molto alto dal punto di vista ambientale (danni agli ecosistemi), economico (danni alle infrastrutture e ai processi produttivi) e sociale (aumento del tasso di emigrazione e mortalità).
Senza contare che l’attuazione delle politiche di mitigazione e adattamento ai mutamenti del clima può significare nuovi posti di lavoro, soprattutto “green”. La prospettiva è, dunque, quella di prendere atto che, se il clima è cambiato, dobbiamo cambiare anche noi. E Ferrara, grazie al Liceo Ariosto e a RemTech, questa sfida l’ha raccolta.

(in foto: Silvia Paparella)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi