Home > ALTRI SGUARDI > L’IDEA
Un giardino in un vaso
Tempo di lettura: 2 minuti

La nostra città è verde, parchi, viali alberati, giardini, giardinetti, siepi, fiorai. Il sotto mura.
Dietro agli antichi portoni imponenti spesso si nascondono curiosi giardini segreti, spazi amorevolmente coltivati e curati da altrettanto amorevoli mani. Nei giardinetti di ogni quartiere sbucano aiuole profumate, che decorano ogni pensiero. Le mura lussureggiano, i rami degli alberi applaudono. I pensieri corrono all’infanzia, quando si passeggiava o si correva per i vialetti del parco Massari o quando si andava, la domenica, a comprare i fiori per la mamma. Spesso i soldi della cosiddetta sabatina (o sabadina, per altri) non bastavano a comprare mazzi fioriti importanti. Allora si raccoglieva qualche rosa o margherita nei giardini oppure si confezionava un piccolo vaso cui si colorava la base. Se si era in campagna, da qualche amichetto, la scelta poteva cadere sui papaveri. Se si aveva più tempo, poi, s’iniziava qualche mese prima e, fin dall’estate in montagna, si raccoglievano fiori che finivano pressati in quaderni o in albi-raccoglitori rudimentali. La gioia di mamme, nonne e zie era presentata come grande e autentica. Che sorpresa! Mai avremmo immaginato che i nostri lavoretti, fatti con tanto amore e cura, avrebbero alimentato scatole e scaffali di granai e ripostigli. Quei fiori erano per noi un regalo infinito, un dono immaginato con il cuore, una creazione che, da sola, poteva adornare le tavole e illuminare i pensieri invernali spenti e sbiaditi. In primavera cercavamo ancora i colori. Sempre quelli, ma anche di nuovi, con lo stesso entusiasmo e la stessa cura. Felici.
Nelle esposizioni floreali cittadine, ho recentemente rivisto quell’energia, quei colori, quella voglia di dare e di portare allegria. Ferrara è fiorita, oggi, lo è nei suoi giardini e nelle sue vetrine di fiori, nelle sue mostre e nelle sue strade. Ma possiamo fare meglio. Aggiungiamo, allora vasi di fiori, ovunque, in ogni angolo, spargiamoli come riso sul sagrato di una chiesa. Distribuiamo colori vivaci e petali per le strade. Perché un giardino segreto può essere anche, semplicemente, in un piccolo vaso. Ora come allora.

Fotografie di Simonetta Sandri, dalla manifestazione Giardini Estensi

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Mario_Draghi_-_World_Economic_Forum_Annual_Meeting_2012
Effetti del nuovo liberalismo del governo Draghi:
più poveri e più privatizzati
Vittorio-Sgarbi
A Ferrara la cultura è un affare di famiglia
chiesa-san-giuliano
DIARIO IN PUBBLICO
Letture e avvenimenti: Ferrara e altro
appello biblioteche aperte
Ferrara in Movimento:
“Appello alla città per la difesa delle biblioteche”
Firma anche tu…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi