1 Settembre 2014

L’INCHIESTA
L’idrovia incompiuta
fa felici tutti.
Tranne l’Europa

Sergio Gessi

Tempo di lettura: 6 minuti

idrovia-portogaribaldi

Quasi quasi c’è da sperare che i soldi per completare l’idrovia non saltino fuori. E il sospetto è che proprio questo si augurino anche coloro che hanno promosso l’opera. Perché così come sta diventando, con i 145 milioni di euro raggranellati, già impegnati e in parte spesi, il collegamento fluviale fra Ferrara e Porto Garibaldi è una splendida opportunità per incrementare il turismo.
L’opera, secondo le previsioni ufficiali, verrà conclusa entro dicembre 2015. I cento milioni che ancora fanno difetto (non previsti nell’iniziale finanziamento europeo e successivamente richiesti al ministero) servirebbero invece per gli interventi complementari, quelli che consentirebbero l’effettivo accesso ai natanti catalogati ‘di classe quinta europea’, come da progetto; quel progetto che ha permesso di raccogliere gli ingenti finanziamenti pubblici già impiegati per la realizzazione dei lavori svolti sino ad ora. Ma il problema è che dare libero transito a imbarcazioni ‘fluvio-marittime’ addette al trasporto merci snaturerebbe l’essenza del fiume, rischiando di trasformarlo di fatto in un collettore industriale.
Questo indesiderato epilogo sarebbe la verosimile conseguenza del completamento dell’opera. Perciò c’è la sottaciuta speranza delle istituzioni ferraresi di non farcela. L’idea che l’opera rimanga incompiuta una volta tanto non è vista come una sciagura, anzi. Perché incompiuta in questo caso significa  riqualificata per il turismo fluviale, ma impraticabile per la destinazione d’uso commerciale e industriale. A dispetto di ciò che l’Unione europea s’attende…

Qualche tempo fa è emerso, con gran risalto di stampa – apparente fulmine a ciel sereno – un impedimento al transito, guarda caso, proprio delle famigerate navi ‘quinta classe a europea’ sull’asta del fiume. L’impedimento è costituito dalla quota del ponte sul canale Burana, all’altezza della ferrovia, insufficiente a permettere il transito delle imbarcazioni più grandi.
Possibile che sia stato commesso un errore così marchiano in fase di progettazione? La cosa appare poco plausibile. Più probabile, invece, che si sia consapevolmente ignorato il problema e presentata la richiesta di finanziamento comunitario avendo lo scopo di riqualificare la via d’acqua fra Ferrara e il mare per renderla un’attrattiva turistica, senza realmente pensare di farne una via di transito per mezzi commerciali.
L’errore di progettazione, quindi, non sarebbe stato realmente tale, ma un machiavello utile proprio per determinare, a cose ormai fatte, l’utile impedimento alla realizzazione del dichiarato scopo, che in realtà non si sarebbe mai davvero inteso perseguire: quello di rendere il Po un’autostrada d’acqua a servizio del transito commerciale.

giorgio-dallacqua
Pier Giorgio Dall’Acqua è stato presidente della Provincia di Ferrara fra il 1999 e il 2009

Pier Giorgio Dall’Acqua è stato presidente della Provincia di Ferrara fra il 1999, quando dell’idrovia si è cominciato a parlare, sino al 2009, quando il progetto era già stato finanziato. Alla domanda se il problema recentemente emerso, quello del ponte sul Burana, lo abbia sorpreso, scuote il capo in maniera significativa: “La difficoltà di garantire il transito delle imbarcazioni di classe quinta è stata evidente fin da subito. Parlo di difficoltà serie, intendiamoci, ma non di impossibilità… Con l’allora assessore regionale ai trasporti, Peri, si valutò in ogni caso l’opportunità di non lasciare cadere nel nulla una importante occasione di finanziamento che sarebbe servita a riqualificare l’asta navigabile, quantomeno per il suo utilizzo da diporto e a fini turistici”.
L’obiettivo richiesto dall’Unione europea non sarebbe dunque stato ignorato, ma stante le difficoltà di realizzarlo, si è concepita di fatto la realizzazione come ‘work in progress’, concentrando le risorse disponibili sulla realizzazione delle infrastrutture di base e rimandando a una fase successiva la risoluzione delle problematiche che impedivano il passaggio ai natanti di classe quinta.
“Però il bypass della città così come era stato concepito – commenta Dall’Acqua – era insostenibile. Si sarebbe dovuta scempiare la campagna, con un canale che fra argini e letto avrebbe occupato una sezione di almeno 500 metri. Ma scherziamo? E poi in questo modo si sarebbe creato un invaso e determinata una situazione di potenziale pericolo in caso di piene del fiume, se il Po avesse deciso di fare le bizze”. Tutto risolto in un nulla di fatto, allora? Al contrario. “Si sono vagliate varie possibilità. Per il ponte ferroviario si era persino ipotizzata una soluzione di ‘paratie vinciane’ per abbassare il livello delle acque non potendo alzare la quota del ponte, per la vicinanza della stazione. Il pescaggio per le navi in transito sarebbe stato sufficiente. Ma i costi di una simile opera sono ingenti”.

Con prudenza, Marcella Zappaterra, presidente uscente della decaduta giunta Provinciale, ha posto la sua firma a sigillo di una nota pubblicata sul sito ufficiale dell’ente in cui, con linguaggio debitamente paludato, spiega che “l’impegno per trasformare il tracciato del Po di Volano in un ‘corridoio’ percorribile dalle imbarcazioni è il primo passo verso la concreta valorizzazione dell’asta fluviale del fiume che avviene a livello regionale, e punta a dare attuazione a un concetto sempre più intermodale del trasporto”.
Il riferimento è genericamente “alle imbarcazioni”, mentre non c’è alcun esplicito richiamo alla “classe quinta europea”. E inoltre si parla sagacemente di “primo passo verso la concreta valorizzazione dell’asta fluviale del fiume”… Un capolavoro di politichese.

Resta il fatto che i finanziamenti sono stati ottenuti (e spesi) prospettando all’Europa un certo intervento che, per ora, non è stato realizzato nel totale rispetto degli impegni assunti. Il progetto contempla, infatti, il transito delle navi di classe quinta. E questo obiettivo, ad oggi, resta difficilmente praticabile. E non è prevedibile come possa essere realizzato: perché l’elevazione del ponte ferroviario sul Boicelli è considerato impraticabile, poiché non c’è sufficiente gittata per riportare i binari alla quota della stazione, che dista poche centinaia di metri. Per ovviare al guaio, occorrerebbe ripristinare il bypass della città, inviso a Dall’Acqua ed escluso dagli interventi finora realizzati. Oppure trovare un grimaldello: le paratie vinciane o altre mirabilie. Ma i soldi ora sono finiti. Per provvedere servirebbero altri 100 milioni, attesi dal governo. Che in tanti sperano non arrivino mai.

1. CONTINUA


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sergio Gessi

Sergio Gessi (direttore responsabile), tentato dalla carriera in magistratura, ha optato per giornalismo e insegnamento (ora Etica della comunicazione a Unife): spara comunque giudizi, ma non sentenzia… A 7 anni già si industriava con la sua Olivetti, da allora non ha più smesso. Professionista dal ’93, ha scritto e diretto troppo: forse ha stancato, ma non è stanco! Ha fondato Ferraraitalia e Siti, quotidiano online dell’Associazione beni italiani patrimonio mondiale Unesco. Con incipiente senile nostalgia ricorda, fra gli altri, Ferrara & Ferrara, lo Spallino, Cambiare, l’Unità, il manifesto, Avvenimenti, la Nuova Venezia, la Cronaca di Verona, Portici, Econerre, Italia 7, Gambero Rosso, Luci della città e tutti i compagni di strada
Sergio Gessi

Ti potrebbe interessare:

  • Save The Park: domani alle 16,30 il flash mob al Parco Urbano
    (Lettera ad un sindaco duro d’orecchi)

  • RICERCA E SOLIDARIETÀ
    Nistagmo, questo sconosciuto

  • ELEZIONI: “Si respira aceto”
    e a seguire: “Il lavoro da morire”

  • the end, fine, capolinea

    ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
    Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

  • Parole a capo
    Roberta Lipparini: “Nei titoli di coda”. Parole in libertà ma senza debordare troppo…

  • DONNA, VITA, LIBERTÀ
    Può succedere a Ferrara…

  • Parole e figure /
    La signora Bigodino, la la la la la

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

  • Per Mahsa Amini e per sostenere la rivolta del popolo iraniano:
    Ferrara, piazza Trento Trieste: 28 settembre ore 17,30

  • Elezioni: “Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi