Home > IL QUOTIDIANO > L’immaginario poetico di Silvia Belcastro “Nella città di formiche di luce”

L’immaginario poetico di Silvia Belcastro “Nella città di formiche di luce”

Shares

di Loredana Bondi

Ho assistito recentemente alla presentazione del libro di poesie di Silvia Belcastro ”Nella città di formiche di luce” (Kolibris edizioni) presso il caffè letterario di Via Ripagrande a Ferrara.
Davvero una bella esperienza: una giovane donna che affronta il mondo della poesia nei suoi meandri più impervi, fantasiosi e reali insieme, traducendo sensazioni, esperienze e ricordi che aleggiano in un clima di sopravvivenza, nella continua lotta fra la triste verità e la bellezza del vivere.
In effetti, il tempo che passa mi fa sempre più sentire quanto la poesia sia un compendio di musica, di suono, di parola e movimento che s’innescano in uno strano e magnifico preludio di bellezza, amore e di senso della vita…basta ascoltare ogni suo suono che muove i sentimenti fin giù nell’anima.
Ecco la sensazione che succede leggendo, ma soprattutto ascoltando la poesia di Silvia… Nella città di formiche di luce… questa donna sa penetrare in fondo all’anima lasciando intatti la bellezza, le immagini e suoni dei luoghi come la sua Ferrara, dei luoghi di vita e di sogno, dove frammenti di luce “…sconosciuta, scintilla d’acqua e fuoco insieme” appaiono come il vero mistero della vita pieno di attese e di speranze, che aspettiamo, senza che mai si annunci…
In “Nella città di formiche di luce” è rappresentata una trilogia di passaggi: dalla dolorosa scoperta dell’io sommerso, della diversità, della chiusura verso ciò che sta fuori e la fatica quasi eroica di fuggire per cantare, come dice Orlando un canto… di ricordi come ferite… poi vi porrò un seme, lama tagliente, da cui prenderanno il volo mille colombe, ad un volo per la prima volta, verso la città. Qui si aspetta… un riflesso di luce sconosciuta…una scintilla d’acqua e fuoco insieme, quel mistero egoista che si rimpinza di attesa e di speranze, senza annunciarsi mai… Pare addirittura l’evocazione di una vita vissuta mille e mille anni che tenta di scoprire il significato del proprio esistere. Un epilogo di questo cammino sta tra il rosso del corallo che richiama la speranza e quello… straccetto logoro di felicità che il tempo le ha lasciato.
In questa città delle formiche di luce, in fondo, c’è la storia di un’umanità che cerca di comprendere il non senso dell’immane dolore che ci circonda, per trovare qualche frammento di luce in tanti piccoli segni e cantarne la bellezza, scoprendo le voci, i suoni e colori che stanno nell’aria e provare a vivere.
Davvero un percorso poetico che vale la pena scoprire.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
BORDO PAGINA
Intervista ad Angelo Giubileo: L’Essere e il Nulla elettronici
Collezioni e collezionisti
BORDO PAGINA
Intervista allo scrittore Alberto Ronchi: quando l’art politik è pop al quadrato
Sessantotto, le pagine dell’anno che ci ha cambiato la vita

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi