Home > COMUNICATI STAMPA > L’immigrazione e la salute del migrante approfonditi nel corso del Workshop “Health and Immigration”

L’immigrazione e la salute del migrante approfonditi nel corso del Workshop “Health and Immigration”

da: ufficio Comunicazione ed Eventi Unife

Nell’ambito del progetto Europeo EUNAM “EU and North African Migrants: Health and Health Systems”

Un importante workshop internazionale sul tema dell’immigrazione e salute del migrante “Health and Immigration” è stato recentemente organizzato dalla Prof.ssa Emanuela Gualdi, ordinario di Antropologia del Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche dell’Università di Ferrara.

Il corso, che ha visto la partecipazione in apertura del Presidente della scuola di medicina, Prof. Leonardo Trombelli, nasce all’interno del progetto Europeo EUNAM “EU and North African Migrants: Health and Health Systems”, che coinvolge l’Ateneo ferrarese e che, guidato dalla Prof.ssa Gualdi, è finalizzato ad approfondire tematiche significative relative al rapporto tra salute e migrazione.

Diversi i docenti dell’Ateneo coinvolti nel workshop, tra i quali il Prof. Carlo Contini, ordinario di Infettivologia, il Prof. Luigi Grassi, ordinario di Psichiatria, la Prof.ssa Emanuela Gualdi e lo staff del gruppo di ricerca.

Hanno partecipato circa cinquanta ricercatori e studenti provenienti dal Nord-Africa e dai Paesi dell’Unione Europea, contribuendo a tracciare un quadro dello stato di salute attuale degli immigrati in Europa e delle possibilità di accesso ai servizi sanitari con eventuali criticità, dei rischi per la salute da loro incontrati in relazione ai cambiamenti nello stile di vita e all’ambiente socio-culturale nel quale sono inseriti.

Durante il corso è stato lasciato ampio spazio al dibattito, garantendo il confronto tra i partecipanti e la condivisione di esperienze e visioni differenti.

“Questo evento – ci spiega la Prof.ssa Gualdi – ha rappresentato un momento di approfondimento significativo in un lavoro di ricerca importante che, finanziato dalla Unione europea, è in fase di proseguimento e coinvolgerà anche le aziende sanitarie del nostro territorio. In una società multiculturale e multietnica in cambiamento anche nella nostra realtà, il corso ha aperto importanti e interessanti collaborazioni con altri Paesi”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi