Home > INSOLITE VISIONI / Rubrica > Il senso di Andrea per Modigliani
due-giorni-estate
Tempo di lettura: 4 minuti

Luca Dal Canto dopo “Il cappotto di lana” [vedi], il fortunatissimo film con cui ha vinto 15 premi ed è stato selezionato in 40 Festival, si ripropone con un nuovo cortometraggio intitolato “Due giorni d’estate”. La commedia, scritta dallo stesso Dal Canto con Anita Galvano, ambientata nella campagna livornese, trae spunto da un’opera di Amedeo Modigliani (del quale lo scorso 12 luglio si sono celebrati i 130 anni dalla nascita) e racconta la maturazione di un sedicenne che vivrà un’emozionante avventura nell’assolata campagna toscana.

incanto-purezza-arcaica-modì

Le riprese

I genitori del giovane Andrea sono in procinto di vendere la casa di campagna al cugino Genio, sognando di acquistare una villetta in Sardegna. Il cugino arriva al casolare con la giovane fidanzata (Lunia), una bella e ormai disillusa ragazza, che scatena le fantasie adolescenziali di Andrea, il quale crede di riconoscere in lei la modella del ritratto di Lunia di Amedeo Modigliani. Il ragazzo, deluso e avvilito a causa della bocciatura a scuola, ritrova slancio e fiducia in se stesso dopo il ritrovamento del diario della nonna e di un preziosissimo schizzo di un paesaggio di campagna. Grazie a questa scoperta inizia la ricerca del luogo dove fu dipinto “Stradina toscana del 1898”, uno dei rari paesaggi attribuito a Modigliani. I tre mesi estivi passati nel casolare dei suoi genitori sono stati fino a quel momento noiosi e privi di interesse ma quegli ultimi due giorni, vissuti con la ragazza alla ricerca del panorama dipinto dal grande pittore, danno una svolta positiva alla vacanza.

incanto-purezza-arcaica-modì

il ritratto di Lunia di Modigliani e la ragazza del cugino nello sfondo

Dal Canto, proseguendo il tema delle incomprensioni generazionali, sviluppate in un contesto diverso rispetto al precedente film, propone nuovamente Livorno quale riferimento artistico e culturale. Tuttavia, mentre nel primo film l’atmosfera era più rarefatta e magica, qui, tutto rimane ben ancorato alla realtà, almeno sino a quando non entra in scena Lunia, grazie alla quale Andrea compirà il proprio percorso di maturazione. Il film è stato presentato in anteprima a Livorno il 16 febbraio 2014 poi, nel mese di giugno, è stato selezionato all’interno della sezione “Short Film Corner” del 67° festival di Cannes e quindi distribuito dalla 2way TV di Los Angeles, tramite la free Apps “Play Festival Films”.
“Due giorni d’estate” è stato prodotto a budget zero, grazie alla preziosa e amichevole partecipazione del cast (Marco Conte, Simone Fulciniti, Roberta Stagno, Giulia Rupi e Lorenzo Aloi) e alla piccolissima ma valida troupe.
Marco Conte si conferma un ottimo caratterista, una di quelle professionalità che hanno fatto grande il cinema italiano, mentre il giovane Aloi si muove a suo agio, nei panni del ragazzino introverso, in questa avventura dal sapore “modiglianese” che parla di amicizia, arte e adolescenza.

incanto-purezza-arcaica-modì

La locandina

La locandina di “Due giorni d’estate” è stata realizzata da Enrica Mannari, una grafica e illustratrice livornese con molte esperienze internazionali, impegnata nel ridare slancio alla cultura della sua città. Il manifesto ricostruisce, con toni sognanti e fiabeschi, il tipico paesaggio toscano attorno a cui ruota tutto il cortometraggio.
“Due giorni d’estate” sarà presente al 30° Marché international du court métrage de Clermont Ferrand, la più importante kermesse a livello mondiale dedicata ai cortometraggi, che si svolgerà nella cittadina francese dal 30 gennaio al 7 febbraio 2015.

incanto-purezza-arcaica-modì

I due protagonisti nella campagna livornese

“Due giorni d’estate” di Luca Dal Canto, con Lorenzo Aloi, Marco Conte, Simone Fulciniti, Roberta Stagno e Giulia Rupi 2014, Italia
Trailer del film [vedi]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Ma cos’è l’Ultimo Rosso?
Scopri Dove, Come, Quando e con Chi
La rivolta degli oggetti
FESTIVAL DI DANZA CONTEMPORANEA 2021:
a Ferrara “La rivolta degli oggetti” e “il fantasma della libertà”
l’Ultimo Rosso, un festival che non ti aspetti:
poeti e poesie invadono Ferrara
Ad alcuni piace la poesia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi