Home > INCHIESTE & ANALISI > L’INCHIESTA
In carcere. La Ginestra, i campi della libertà

L’INCHIESTA
In carcere. La Ginestra, i campi della libertà

ginestra-campi-libertà
Tempo di lettura: 6 minuti

3. SEGUE – Siamo alla terza parte dell’inchiesta sul diritto al lavoro delle persone private della libertà personale. Facendo una sorta di retrospettiva, siamo passati dal problema generale delle esigue opportunità di lavoro offerte ai detenuti nel nostro Paese [vedi] alla dimensione locale, facendo il quadro delle esperienze in atto a Ferrara [vedi]. Ora lo zoom si restringe, entrando nello specifico di un progetto molto interessante realizzato negli orti della Comunità la Ginestra di Cocomaro di Cona (associazione Viale K), in collaborazione con la Casa circondariale di Ferrara e la Coop estense. Abbiamo visto che i casi di eccellenza come quello della Ginestra sono ancora pochi, i numeri piccoli ma Ferrara, e in generale l’intera Emilia Romagna, rappresentano la punta di diamante di un nuovo sistema carcerario, già definito a livello normativo ma ancora tutto da costruire.

ginestra-campi-libertà

La Ginestra

L’associazione Viale K ha coltivato orti fin dagli inizi, ossia dai primi anni ’90, per l’autofinanziamento delle strutture per l’accoglienza attivate nel tempo [vedi]. La Comunità la Ginestra, in particolare, ha fatto della coltivazione degli orti la principale attività intesa anche come percorso di riabilitazione di persone che vengono dal carcere o dalla strada. Abbiamo intervistato a questo proposito il responsabile della Ginestra Eduardt Kulli, per farci raccontare del loro nuovo progetto.

Sappiamo che dalla scorsa primavera siete partiti con un progetto che vede il coinvolgimento di persone agli arresti domiciliari per la coltivazione del vostro terreno e la commercializzazione di prodotti freschi attraverso il canale della grande distribuzione. Com’è nato il rapporto con la Coop e come nasce questo progetto?

ginestra-campi-libertà

Il terreno coltivato a zucchine

Dal maggio scorso noi di Viale K produciamo zucchine per la Coop estense. La Coop da alcuni anni ha sviluppato con la Regione un progetto con le carceri intitolato “Percorsi di accompagnamento al reinserimento sociale di persone in esecuzione di pena attraverso l’attività orticola” che prevede il ritiro di prodotti coltivati negli orti delle carceri, la commercializzazione e ridistribuzione del guadagno tra gli istituti. Lo scorso autunno erano già venuti a trovarci il direttore del carcere, il comandante e i dirigenti della Coop per verificare il posto e il terreno, con la prospettiva di collaborare. Poi, in primavera, il progetto con il carcere di Ferrara non è partito perché non avevano i permessi per fare l’orto e noi, siccome alcuni dei nostri ragazzi sono ai domiciliari, abbiamo proposto di farlo qua, in modo di usufruire del loro lavoro mettendo a disposizione il nostro ettaro di terra.

ginestra-campi-libertà

Ospiti della comunità al lavoro nell’orto

Come mai proprio voi?
Perché ci conoscono, in quanto già da un paio di anni svolgiamo questa attività di reinserimento di persone ai domiciliari attraverso l’attività orticola nell’ambito del progetto regionale “Acero – Accoglienza e lavoro” per percorsi di inclusione lavorativa [vedi]. Il progetto con la Casa circondariale di Ferrara si aggiunge e va a sviluppare un’esperienza già avviata dalla nostra associazione.

Quanti persone ai domiciliari lavorano a questo progetto?
Per il momento due ma con il prossimo anno dovremmo riuscire ad ottenerne altrettanti che vengano presso di noi a lavorare in giornata. Poi, molto probabilmente, a primavera dovrebbe partire anche l’attività dell’orto all’interno del carcere, alla quale siamo stati chiamati per collaborare come formatori.

Com’è andata finora la coltivazione e la vendita dei vostri prodotti alla Coop?

ginestra-campi-libertà

Le zucchine appena raccolte e pronte per la consegna

ginestra-campi-libertà

Le zucchine sui banchi della Coop Il Castello

Il progetto sta funzionando molto bene, nei mesi di giugno e luglio abbiamo prodotto un centinaio di quintali ognuno. La produzione è andata avanti fino a ottobre. La raccolta viene effettuata tutti i giorni, quindi questo è un progetto che porta sui banchi delle Coop cittadine (Le Mura, Il Castello, Il Doro) prodotti freschissimi che vengono coltivati a Ferrara e non passano dalle celle frigorifere e dai camion. Un prodotto fresco, veramente a chilometri zero. Le zucchine sono andate benissimo, la Coop è molto soddisfatta del nostro prodotto, tanto che abbiamo appena avuto la conferma anche per il prossimo anno e, oltre alle zucchine, aggiungeremo anche altri prodotti come pomodori, melanzane, peperoni, broccoli e cavoli per l’inverno.

ginestra-campi-libertà

Eduart Kulli controlla gli ortaggi nella serra

Questo è un progetto molto importante per il territorio e per la comunità: perché tiene impegnati i ragazzi, offre lavoro e, cosa molto importante per noi che siamo una comunità e non un’azienda, e che quindi non ci poniamo in competizione con nessuno, il fatto che quello degli ortaggi è un mercato libero; nel ferrarese ci sono veramente pochi produttori di ortaggi destinati al mercato locale, essenzialmente perché attività che richiede molta manodopera e un costante lavoro quotidiano.

Esperienze come queste dimostrano che, a fronte di un bilancio disastroso a livello nazionale, quando si avvia sul territorio una fattiva collaborazione tra istituti penitenziari, Regioni, amministrazioni pubbliche, cooperative e associazioni di volontariato, assicurare e garantire qualche possibilità di lavoro per i detenuti si può e la loro attività diventa una risorsa per l’intera società.

3. SEGUE
leggi la prima parte dell’inchiesta
leggi la seconda parte dell’inchiesta

Per saperne di più sugli orti della Ginestra visita il sito agrizero.it [vedi]

(Foto di Sara Cambioli)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA SCUOLA, COME RIPARTIRE?
Una proposta alla mia città e al Sindaco
TRE CARTOLINE
In ricordo di Bassani
PER RICORDARE GIORGIO BASSANI
Il cannone

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi