Home > INCHIESTE & ANALISI > L’INCHIESTA
Partiti e partecipazione, Civati: nella politica attuale trasformismo e opportunismo

L’INCHIESTA
Partiti e partecipazione, Civati: nella politica attuale trasformismo e opportunismo

civati
Tempo di lettura: 4 minuti

3.SEGUE – Riprendiamo la nostra inchiesta sul declino della politica. Nelle prime due puntate abbiamo considerato la crisi della partecipazione sulla base del drastico calo delle iscrizioni ai partiti, accompagnato dall’eclissi della figura del militante così come si era tradizionalmente connotato. Abbiamo poi analizzato i dati, in costante vertiginosa riduzione, di affluenza degli elettori alle urne fra il 1948 e il 2013. Oggi sentiamo una voce autorevole, quella di Giuseppe Civati, leader della minoranza pd, che a Matteo Renzi contesta, oltre a molte scelte, anche l’accentuazione del ruolo di leadership e il conseguente deficit di democrazia interna al partito. Abbiamo però mantenuto la conversazione al riparo dalle polemiche di questi mesi per considerare il tema nei suoi corretti termini strutturali.

Perché sempre meno persone sono disponibili a impegnarsi in politica?
C’è un dato di fondo significativo: l’aumento dell’astensione dal voto indica uno scollamento fra cittadini e istituzioni. Chi si sente escluso e non rappresentato tende a una sorta di autoemarginazione. E poi c’è un adeguarsi all’idea che la politica la fanno i leader nazionali, il che porta anche ad appiattirsi su un concetto molto televisivo della politica stessa.

L’idea di un contributo disinteressato appare inattuale, oggi più che chiedersi cosa posso fare io per la mia comunità a o per il mio partito si ragiona all’opposto: cosa può fare il partito per me. E’ davvero questo il meccanismo principale sulla base del quale si decide se assumere un impegno politico?
Le persone sono molto confuse. Incide anche il fatto che la politica ha perso i suoi riferimenti… Le “larghe intese” sono spiazzanti per molti. Poi c’è la sudditanza verso i mercati, la finanza, le istituzioni sovranazionali: tutto appare distante, remoto, non controllabile. C’è chi dice che bisognerebbe recuperare una connotazione più nazionalistica – in senso buono – per avere la sensazione di poter incidere nelle decisioni, altrimenti è difficile motivare all’impegno. E poi in Italia, da sempre, c’è un rapporto patologico fra cittadini e politica che è un misto fra sudditanza, ribellione, repulsione che in queste condizioni si amplifica.

Un’altra distorsione riguarda la logica decisionale: l’impressione è che sovente si agisca non nel rispetto del principio di responsabilità che il politico dovrebbe avere ben presente, ma secondo convenienza. E’ d’accordo?
C’è un vizio antico, quello del trasformismo… In politica si vive per il successo momentaneo, si opera spesso per mantenere il potere. E d’altra parte anche i giudizi tengono conto della capacità dei leader di suscitare adesione attorno alle loro proposte. La politica normalmente è valutata sulla base del consenso che è in grado di generare: quello vince quindi funziona.
Noi in Italia abbiamo un’esperienza emblematica: cito un esempio, non quello di Matteo Renzi ma Berlusconi: ha sempre stravinto, ha sempre esercitato un condizionamento psicologico su molti italiani e alla fine i risultati si sono visti: la soluzione più gradita non sempre è la migliore per il Paese. E infatti io ritengo che si debba anche essere capaci di sostenere cose impopolari motivandole; o all’opposto spiegando come la tal cosa sia molto popolare ma non sia quella giusta in quella certa fase. Si cercano semplificazioni e vie dirette, ma le cose non sono così banali, la politica è più complessa di uno spettacolo. Chi prende più applausi non è necessariamente quello che ha la soluzione giusta, se ci riduciamo a questa logica ne paghiamo il conto e pregiudichiamo il nostro futuro.

E come si possono riavvicinare i giovani alla politica quella lungimirante e responsabile?
Spiegando loro tutto questo e facendogli anche capire che le cose di cui stiamo discutendo, a cominciare dai sistemi elettorali, dal lavoro, dall’economia, alla fine avranno un’incidenza spaventosa sulle loro vite e anche sulla loro felicità. Poi c’è il problema di fondo che è quello dell’assunzione di responsabilità verso se stessi e verso gli altri. Richiede a ognuno di noi la disponibilità di prendersi cura anche degli altri.

3.CONTINUA 

LEGGI LA PRIMA PARTE DELL’INCHIESTA
LEGGI LA SECONDA PARTE DELL’INCHIESTA

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DIARIO IN PUBBLICO
Sui rimedi alle tremende (e istruttive) volgarità televisive
GLI SPARI SOPRA
La ricerca di un futuro
Complessità
DAL VECCHIO AL NUOVO
La crisi della democrazia nell’era della complessità
pier-paolo-pasolini
Io so (ma non sono un complottista)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi