Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > L’incontrollabile pericolo

Che cosa cataloghiamo come pericoloso o rischioso? E quando ci sentiamo in tale stato emotivo?
Punto comune sta nel percepire il pericolo in maniera intuitiva, senza legarlo a dati o concetti troppo scientifici. Siamo spinti a classificare una determinata attività in base a ciò che ci suscita: può provocare piacere oppure creare uno stato di paura e allerta. Chi fuma conosce bene i rischi, che comporta tale attività ma ciò che ne trae è piacere e non paura o timore.
Quando assistiamo, o veniamo a conoscenza di avvenimenti catastrofici, spesso di origine naturale, ci sentiamo destabilizzati e colpiti: ecco un pericolo e la serie di danni e perdite che ne conseguono, che non possono essere evitate. Sfuggono dal nostro controllo e producono effetti che tutti noi giudichiamo come devastanti.
Forse è davvero pericoloso ciò che non possiamo evitare e del quale nemmeno ci preoccupiamo finché non si compie.

“I più pericolosi nemici sono quelli da cui l’uomo non pensa a difendersi.”
Arturo Graf

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Pericolo atomico
Il tempo è cambiato!
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Umanità in liquefazione
L’autoesclusione, un malessere emergente

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi