Home > COMUNICATI STAMPA > L’integrazione passa attraverso la rete di studenti, ricercatori e docenti Unife nel progetto internazionale per l’integrazione e il contrasto alla radicalizzazione

L’integrazione passa attraverso la rete di studenti, ricercatori e docenti Unife nel progetto internazionale per l’integrazione e il contrasto alla radicalizzazione

Da: Comunicazione Istituzionale e Digitale Unife Ufficio Stampa

Presentato oggi in Rettorato il progetto internazionale “PRIMED – Prevenzione e Interazione nello Spazio Trans-Mediterraneo”, di cui l’Università di Ferrara è partner assieme all’Università del Piemonte Orientale, come capofila e ad altri prestigiosi Atenei italiani e dei Paesi della Cooperazione Islamica (OCI).

Presenti l’Assessore della Regione Emilia-Romagna a coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro, Patrizio Bianchi, il Delegato all’internazionalizzazione Matteo Vincenzo D’Alfonso e il Delegato alla terza missione Michele Pinelli, il Direttore scientifico del progetto, Roberto Mazzola dell’Università del Piemonte Orientale e la Referente scientifica del progetto per l’Università di Ferrara, Enrica Martinelli.

PRIMED è un progetto di durata triennale, è finanziato dal MIUR per 850.000 Euro per il primo anno e 2 milioni in totale per il secondo e terzo anno, e coinvolge 22 Università, di cui 12 italiane e 10 straniere, in particolare Atenei di Egitto, Marocco, Tunisia, Libano, Algeria, Ciad e Niger.

L’obiettivo è affrontare i bisogni conoscitivi e operativi connessi ai processi d’integrazione in Italia e al contrasto alla radicalizzazione, in particolare attorno a tre assi: la cooperazione scientifica tra Italia e Paesi OCI sui temi dell’integrazione e della radicalizzazione tramite la costituzione di una rete interuniversitaria di studenti, ricercatori e docenti; la formazione dei protagonisti delle politiche di integrazione e del contrasto alla radicalizzazione, ovvero enti territoriali, Prefetture, amministrazione penitenziaria, pubblica sicurezza, scuola, strutture socio-sanitarie, operatori economici; la formazione di dirigenti e imam che svolgono le proprie funzioni in Italia.

“Ferrara avrà un ruolo fondamentale – ha illustrato la Prof.ssa Martinelli – sia partecipando all’intero progetto, sia ospitando e organizzando un workshop dedicato al tema “Giurisprudenza, integrazione e radicalizzazione” che si terrà il 13 e 14 giugno prossimi”. “Il PRIMED – ha concluso il Prof. Mazzola – oltre a incrementare la mobilità accademica di studenti e docenti, ha soprattutto l’obiettivo di rafforzare il ruolo degli Atenei italiani nel contesto della ricerca internazionale, promuovere la formazione superiore, ma soprattutto costruire linguaggi e metodi comuni e integrare competenze».

Il progetto prevede la realizzazione di diverse iniziative, come una summer school su “Integrazione, interpretazione e diritti” dedicata a 20 studenti degli atenei italiani partner; una winter school sul tema della radicalizzazione e del proselitismo jihadista dedicata a dirigenti del sistema penitenziario italiano e dei paesi OCI (nello specifico 10 italiani e 10 marocchini); la riattivazione del Master di I livello in Studi sull’Islam d’Europa, corsi di alta formazione dedicati a operatori della pubblica amministrazione, socio-sanitari, della pubblica sicurezza e agenti di polizia penitenziaria, dirigenti scolastici e insegnanti, personale religioso, un ciclo di 4 corsi congiunti sul tema dell’integrazione nella didattica ordinaria at home and abroad; viaggi di studio verso paesi OCI e verso l’Italia per studenti e per docenti in qualità di visiting professors.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi