Home > ALTRI SGUARDI > L’INTERVISTA
In castello i virtuosismi di Boldini e De Pisis. “Ma nel 2017 si torna a palazzo Massari”

L’INTERVISTA
In castello i virtuosismi di Boldini e De Pisis. “Ma nel 2017 si torna a palazzo Massari”

boldini-de pisis
Tempo di lettura: 8 minuti

Trasformare una criticità in un’opportunità, questo è l’obiettivo con cui si apre il ricco biennio espositivo 2015-2016 delle Gallerie d’arte moderna e contemporanea e di Ferrara arte, che il 31 gennaio inaugureranno “L’arte per l’arte”, il riallestimento delle collezioni di Giovanni Boldini e Filippo De Pisis nelle sale del Castello Estense, promosso da Comune e Provincia di Ferrara. La criticità è il sisma del 2012, che ha reso inagibile la sede delle Gallerie: Palazzo Massari, attualmente in fase di restauro. L’opportunità è riconsegnare al pubblico ferrarese, ma non solo, il meglio dei fondi ferraresi di Boldini e De Pisis, i più ricchi e completi in Italia, collocando le opere di questi due artisti di statura internazionale nel panorama dell’Ottocento e del Novecento negli ambienti del monumento simbolo della città. Il risultato sarà un dialogo tra le sale del piano nobile del Castello Estense e le opere di queste due personalità artistiche che rappresenterà un valore aggiunto per il patrimonio artistico di Ferrara.

boldini-de pisis

Il Castello Estense di Ferrara

Fino al 2017 con un unico biglietto – che passerà da 6 a 8 euro per l’intero e da 4 a 6 euro per il ridotto – si potranno visitare il percorso museale e i due percorsi monografici in esso inseriti. Nelle sale del Governo, della Devoluzione, dei Paesaggi e delle Geografie saranno collocate 58 opere di Boldini, di cui 27 oli e 31 opere su carta, dalla Firenze dei Macchiaioli all’approdo nella Parigi degli impressionisti, fino alle icone della ritrattistica come “La signora in rosa”. Per ospitare 37 dipinti di de Pisis verranno invece aperti i Camerini del Principe, solitamente non accessibili al pubblico: il percorso creativo del talento ferrarese sarà raccontato attraverso le opere entrate nelle collezione delle Gallerie grazie alla Fondazione Pianori e al lascito Malabotta.
Alla vigilia dell’inaugurazione, che si terrà venerdì 30 gennaio alle 18, abbiamo intervistato Maria Luisa Pacelli, direttrice delle Gallerie d’arte moderna e contemporanea e curatrice di questo nuovo allestimento insieme a Barbara Guidi e Chiara Vorrasi, entrambe conservatrici delle Gallerie.

Il Castello Estense ha una storia e quindi un’identità molto forte, così anche le collezioni di due personalità artistiche di caratura internazionale come Giovanni Boldini e Filippo De Pisis, quali sono state le scelte curatoriali per far entrare in dialogo queste opere d’arte?

boldini-de pisis

Maria Luisa Pacelli, direttrice delle Gallerie d’arte moderna e contemporanea

Prima di tutto abbiamo scelto di esporre le opere di Boldini nell’area monumentale del Castello, perché oltre a essere di grandi dimensioni, in un certo senso, sono più forti rispetto a quelle di De Pisis e quindi presuppongono una visione in sale spaziose che permettano una certa distanza, mentre i dipinti di De Pisis sono stati collocati negli ambienti più raccolti dei Camerini di Alfonso I, perché richiedono una dimensione più privata. Parallelamente, il nostro obiettivo è stato mantenere vivo il percorso museale del Castello: lo studio degli elementi di allestimento ha perciò dovuto dialogare con le strutture preesistenti studiate da Gae Aulenti. Si potranno così apprezzare nello stesso tempo le opere esposte e le sale stesse con le loro decorazioni e gli apparati didattici di entrambi i percorsi. In alcuni casi, dove per esempio gli ambienti non avevano sufficiente spazio libero da affreschi e decorazioni per poter esporre le opere, abbiamo costruito delle strutture per sorreggerle. La scelta del colore nero per queste ultime nasce sia dalla necessità di un colore che fosse il più neutro possibile rispetto a un contesto già molto connotato, sia da quella di segnare le soglie dell’esposizione, visto che il percorso sarà continuo e i visitatori non accederanno direttamente ai due percorsi monografici, ma li incontreranno all’interno del percorso museale.

Come avete scelto le opere?
Ci siamo date due obiettivi. Da una parte, quello di seguire il percorso artistico di questi due pittori dagli esordi agli ultimi anni della carriera, dato che l’ampiezza delle collezioni ce lo consentiva in entrambi i casi; per quanto riguarda Boldini poi, avendo a disposizione uno spazio più ampio abbiamo potuto inserire anche dei disegni: è quindi un’occasione per esporre anche questa collezione molto importante che Ferrara possiede. Dall’altra, quello di dialogare con gli ambienti in cui le opere sono state collocate: per esempio laddove avremmo voluto esporre un certo tipo di dipinto rappresentativo di un determinato momento della carriera dell’artista, che però non era adatto a quella specifica sala del Castello, perché né il quadro né l’ambiente risultavano valorizzati, abbiamo scelto un altro di quello stesso periodo.

Trattandosi di un’esposizione semi-permanente che durerà tre anni, avete previsto avvicendamenti delle opere esposte?
Sicuramente per ragioni di conservazione ci saranno degli avvicendamenti delle opere su carta, che non devono essere esposte in maniera continuativa per troppo tempo e necessitano di periodi di riposo al buio: ci saranno dunque rotazioni dei pastelli e dei disegni. Inoltre in questi tre anni studieremo delle piccole mostre dossier su un quadro o su una serie di disegni e quindi toglieremo alcune cose e ne mostreremo altre, magari anche ospitando opere da altri musei.

Questo riallestimento è un esempio importante di collaborazione non solo fra enti territoriali diversi, Comune e Provincia, ma anche fra pubblico e privato, mi riferisco alle Gallerie d’arte moderna e contemporanea e a Ferrara arte, ma anche ai Musei San Domenico di Forlì, che dal 1 febbraio ospiteranno la mostra “Boldini lo spettacolo della modernità”, sempre in sinergia con le istituzioni culturali ferraresi: un passo concreto in direzione di un discorso di rete in ambito culturale…
Io credo che il fare rete in ambito culturale sia uno dei punti di forza di questa città: è una cosa che si fa da anni, anche da prima che io fossi responsabile delle Gallerie. Le collaborazioni con la Fondazione Teatro Comunale Claudio Abbado ormai sono istituzionalizzate, ma ci sono anche altre collaborazioni con enti esterni all’amministrazione, per esempio l’Arci. Nel lavoro specifico che facciamo anche a Palazzo Diamanti, la creazione di una rete cittadina e con altri musei italiani o esteri è una modalità di lavoro che abbiamo sempre perseguito perché crediamo che sia vincente. La monografica di Boldini, in cui noi siamo prestatori molto importanti perché prestiamo 34 tra olii e opere su carta, è un’opportunità di crescita di visibilità a livello nazionale e internazionale che viene anche a nostro vantaggio come detentori di un patrimonio così importante. Per questo l’iniziativa di una scontistica reciproca, per cui chi si presenterà a Forlì con il biglietto del Castello e viceversa avrà una riduzione dell’ingresso.

Che tempi avete previsto per il restauro e la riapertura di Palazzo Massari?
A oggi è stata messa in sicurezza la facciata che aveva dei problemi di microcrolli. Speriamo di poter partire con il cantiere il prossimo anno e l’orizzonte che ci siamo dati è il 2017 per riaprire almeno una parte del museo, però in progetti e lavori così complessi le cose possono anche andare un po’ più per le lunghe. Personalmente mi sto battendo con ogni mezzo per riaprire entro il 2017 almeno una parte delle gallerie.

Un’ultima domanda: nell’intervista del 1925 di De Pisis a Boldini, quest’ultimo afferma che a dispetto delle tante lontananze ad accomunarli è “l’amore ardente per la forma e la bellezza”. Cosa hanno per lei in comune Giovanni Boldini e Filippo De Pisis?
Innanzitutto un virtuosismo e una facilità nel dipingere che a volte è stata rimproverata a entrambi. Tutti e due poi sono artisti che assorbono tutto quello che li circonda, soprattutto gli stimoli dei pittori a loro contemporanei: Boldini per esempio è stato molto ispirato dalla ricerca di Degas, che poi ha sviluppato in maniera personale e reso secondo la sua sensibilità, mentre De Pisis si trova a Parigi negli anni ’20 quando le varie avanguardie giungono a maturazione, quindi si possono rintracciare tantissime suggestioni da ciò che stava succedendo intorno a lui. Entrambi guardano però anche al museo: sappiamo dai diari e dalle lettere dei lunghi soggiorni di De Pisis al Louvre e del suo amore per Chardin, per la natura morta del ‘600 e per l’arte del ‘400 e ‘500, mentre Boldini era affascinato dalla pittura olandese o spagnola. Le loro sensibilità erano invece diverse: De Pisis era più fragile rispetto a Boldini, molto più istintivo e molto meno stratega, la sua era una personalità sì più vitale ma nello stesso tempo più ripiegata su stessa rispetto a quella di Boldini.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Alessio Bolognesi e le antiche carte ferraresi
FUTURO SOSTENIBILE
“LE CITTA’ SIANO IL FULCRO DELLA RIPARTENZA POST COVID”
Il rapporto Legambiente 2020
DIARIO IN PUBBLICO
Imitazione e verità
Moni Ovadia, perché Ferrara?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi