COMUNICATI STAMPA
Home > INTERVISTE > DIALOGHI > L’INTERVISTA
Dino Marsan: “Ecco Maialik, l’eroe a fumetti che difende i beni culturali della città”

L’INTERVISTA
Dino Marsan: “Ecco Maialik, l’eroe a fumetti che difende i beni culturali della città”

intervista-marsan
Tempo di lettura: 4 minuti

Majalik, un superfumetto per Ferrara, logo potenzialmente perfetto!
Io e l’amico Alessandro Bersanetti ci proviamo un’ennesima volta a proporre qualche cosa d’innovativo in questa città che fatica sempre di più ad assimilare le novità – afferma l’eclettico Dino Marsan, illustratore e fotografo -. Ora stiamo lavorando assiduamente a questo progetto che ha per nome “Maialik”. Nato dalla tipica espressione ferrarese “maial!”, questo nostro personaggio, è una sorta di supereroe targato Ferrara, anche se la sua origine è universale. Maialik è ispirato anche al mitico re del furto che tutti conosciamo, Diabolik. Al contrario del leggendario personaggio a fumetti delle sorelle Giussani, la nostra creatura (dal corpo umano e il volto del suino) non ruba o uccide ma ha il compito di salvaguardare i tesori storico-culturali e le tradizioni del nostro territorio. A tutti coloro che, in qualche modo cercheranno d’impadronirsi di tali tesori di sapienza, Maialik si opporrà con tutte le sue forze e i suoi poteri. Questa creatura di provenienza ancora ignota, si è costruito un habitat nel sottosuolo della città ed esce solamente di notte per non farsi notare ed agire indisturbato. Al contrario di Diabolik, Maialik non usa maschere perché ha la prerogativa di metamorfizzarsi e trasformarsi in ciò che vuole. Durante il giorno prende le sembianze di un giovane giornalista che si chiama “Carlastolfo Bonzagni” e lavora per una scalcinata tv locale dal nome buffo ispirato sempre al linguaggio dialettale “TeleSbragonza”. In lavorazione la prima avventura che ha per titolo “La salama che uccide”. L’impegno è veramente imponente perché si è deciso di realizzare un fumetto con personaggi tridimensionali che si muoveranno in contesti reali fotografati da noi. I ferraresi vedranno quindi immortalati diversi scorci caratteristici della città dentro i quali agiranno i vari personaggi che abbiamo creato.

Il fumetto come arte nobile della modernità, pare una ovvietà dopo ormai un secolo, da Superman a Walt Disney, gli eroi Marvel e imbarazzo quasi della memoria. Ma è davvero così?
Proprio perché possiamo considerarlo come una forma d’arte, il fumetto ha una sua identità ben precisa nell’immaginario colletivo e, quindi, ritengo sia immortale come molti dei suoi eroi. Ovviamente il posto principale è stato preso dall’immagine in movimento, che più facilmente cattura l’attenzione di bambini e adulti anche grazie all’avvento di portatili apparati elettronici che ne rendono più facile la visione. Ma il fumetto mantiene nel tempo un suo fascino che lo rende sempre desiderabile. A volte basta solo pazientare un po’ ma, alla fine, il desiderio di un ritorno alle origini, spinge il pubblico a cercare nuovamente il linguaggio più semplice e meno stressante. Un esempio lampante è la riscoperta del vinile nel campo musicale o la spasmodica ricerca di oggetti del passato nei mille mercatini dell’usato. Molti appassionati sono disposti a spendere cifre assurde pur d’accaparrarsi una automobilina di latta o un soldatino di piombo. Gli eseri umani sono lunatici.

Tornando a Maialik, sarà uno specchio divertentissimo ma anche perturbante sulla ferraresità, nel bene e nel male?
Noi speriamo di riuscire a dare un tono divertente alle varie avventure, prendendo spunti dalla realtà locale. Però il fine ultimo è quello di utilizzare una forma di lettura leggera come il fumetto, per trasmettere comunque messaggi atti a valorizzare o riscoprire le cose buone della nostra tradizione e della nostra storia.

Domanda libera
Come sempre, sarebbe veramente gradita una maggior attenzione da parte delle istituzione e della stampa perch il progetto possa avere un’eco maggiore. Ci farebbe piacere avere una gratificazione morale piuttosto che economica. Se poi, qualche potenziale sponsor, si facesse avanti perché crede in questo progetto, sarebbe un ulteriore motivo per dare il meglio di noi stessi. Intanto seguiteci sulla pagina Facebook “Maialik” così assisterete a tutto l’evolversi del lavoro [vedi].

Commenta

Ti potrebbe interessare:
pico mirandola
Sulla memoria
Peruffo: “Sgarbi torni a essere un modello positivo per Ferrara”
Monini: “L’estremo regalo che Sgarbi può fare a Ferrara”
UN NUOVO STRUMENTO ONLINE DI PROMOZIONE TURISTICA
“Il Catalogo delle Esperienze”: Ferrara, Comacchio e il Delta del Po
UOMINI CHE SE LA PRENDONO CON LE DONNE
Ferrara: ora il bullismo della Maggioranza viaggia anche online

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi