22 Maggio 2015

L’INTERVISTA
Il geologo Bondesan: “Terremoti? Una sola certezza: prevenire costa meno che ricostruire…”

Monica Forti

Tempo di lettura: 5 minuti

Nessun segreto, Ferrara è sempre stata una città a rischio terremoto, è un fatto risaputo. Magari rimosso, ma quel che è successo non è stato un fulmine a ciel sereno. Lo dice la scienza e lo ribadisce il geologo Marco Bondesan, decano dell’Università di Ferrara, che nel 2004 ha collaborato alla redazione del principale strumento urbanistico, il Piano strutturale della città. Per secoli è andata bene, ma la fortuna è volitiva, arginarne i capricci con un programma di prevenzione sarebbe stato meglio, soprattutto in una città costruita per metà sull’antico alveo del Po: sotto il dismesso e ramificato letto del fiume ci sono acqua e sabbia, nulla di più ballerino in caso di scossa, soprattutto nelle aree tra via delle Volte, Arginone, via XX settembre, via Borgoleoni, via Biagio Rossetti. “Il terremoto ha messo in evidenza la differente risposta dei materiali incoerenti alle onde sismiche. Era un fenomeno già noto, che ha dimostrato come anche in pianura le strutture geomorfologiche preferite per gli insediamenti urbani sono le meno affidabili in caso di terremoto – spiega il professore – Nella pianura emiliana sono stati prediletti i paleoalvei, perché sono costituiti in larga misura da sabbie, sedimenti più grossolani e meno compressibili, considerati i migliori ai fini edificatori. Nei secoli in cui le rotte fluviali e gli allagamenti erano la regola, era necessario costruire in alto, e queste strutture erano le parti più elevate del territorio, dove tra l’altro era più facile trovare dell’acqua adatta a realizzare pozzi freatici, i ‘pozzi a vera’, con secchio, catena e carrucola spesso testimonianze architettoniche di notevole valore”.

In caso di terremoto però, le scosse si amplificano. Ma c’è di più: “Quando il sisma è particolarmente forte può anche prodursi la liquefazione delle sabbie come nel caso di San Carlo”. I paesi più danneggiati San Felice sul Panaro, Cavezzo, Medolla, Mirandola, Finale Emilia, Sant’Agostino, San Carlo, Mirabello, Bondeno, Poggio Renatico, sono nati su paleoalvei o su loro pertinenze prevalentemente sabbiose. “A Ferrara una serie di edifici particolarmente danneggiati si trova in coincidenza col tracciato di un corso d’acqua chiuso prima della nascita della città, un ramo minore del Po estinto nel XVI secolo. La cosa non sorprende, gran parte dei manufatti idraulici, gli argini stessi, elementi strategici per l’abitabilità, sorgono sui dossi fluviali”, racconta.

Un’imprudenza dell’uomo? “Nella pianura è sempre stata una strategia vincente – prosegue – A quei tempi la vulnerabilità in caso di scosse non era cosa nota e se lo fosse stata, con tutta probabilità, la scelta sarebbe stata la stessa. Meglio correre il rischio sismico ogni tre o quattro secoli piuttosto di avere la casa semisommersa più volte all’anno e nessuna possibilità di attingere acqua per uso alimentare”. Il passato è alle spalle e oggi il fenomeno della liquefazione delle sabbie non è estraneo alla scienza ed è pure prevedibile. “Non sono però conosciuti gli aspetti legati alla presenza di gas naturali nelle acque che saturano le sabbie, manca una letteratura scientifica – dice – è possibile che in vari casi sia stata proprio questa presenza, la ragione per cui la liquefazione si è rivelata tanto disastrosa. Credo che del problema si stia occupando la nostra Università”.

Ricostruire e mettere in sicurezza
Il tipo di lesioni riportate da case e monumenti sono la base per cartografare le zone più sensibili alle scosse, il punto di partenza per affrontare la sfida del futuro. Una sfida riassunta dal professore in una raffica di interrogativi: come dovremo agire se le aree più coinvolte dalle scosse sono quelle dove si preferisce costruire? E’ il caso di sospendere le edificazioni sui dossi fluviali? Quali sono i luoghi passibili di una nuova pianificazione? Con chi dovrà interagire chi metterà mano agli strumenti urbanistici? “E’ un tema multidisciplinare al quale è indispensabile la partecipazione di esperti, non ci si può affidare all’improvvisazione – spiega – E’ indispensabile la convergenza di varie specialità, delle scienze della Terra, dell’ingegneria, dell’architettura, dell’urbanistica e di altre discipline”. Il geologo di Italia Nostra, come si definisce per comodità, non nasconde le preoccupazioni per alcuni edifici storici tra i più prestigiosi della città come Palazzo Schifanoia e il Museo di Spina. “Per mettere in sicurezza un importante monumento, specie in un luogo dove potrà ancora verificarsi la liquefazione dei terreni di fondazione, dovranno interagire come minimo un geologo, un geotecnico, un idrogeologo, un ingegnere strutturista e un architetto – spiega – In molti casi ricostruire potrebbe significare utilizzare soprattutto materiali leggeri, ecco che assume grande importanza l’ingegneria dei materiali. Altrettanto si può dire per eventuali delocalizzazioni in luoghi meno pericolosi, per la risistemazione di reti e servizi vari”. Una cosa per Bondesan è certa: “Nel campo della sismica, la prevenzione costa meno della ricostruzione”. Vale per i monumenti, ma anche per i nuovi edifici e quelli già in piedi che, a detta del professore, avrebbero avuto nel libretto di manutenzione la possibilità di difendere la casa dalla vulnerabilità. “La proposta non è stata preso in considerazione, ma era già un passo avanti verso una maggior sicurezza”.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Monica Forti

Monica Forti

Ti potrebbe interessare:

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi