COMUNICATI STAMPA
Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > L’ironia dell’Ariosto prologo all’arte del romanzo

L’ironia dell’Ariosto prologo all’arte del romanzo

ariosto

(Pubblicato il 15 dicembre 2013)

LUDOVICO ARIOSTO
a 480 anni dalla morte

Ludovico Ariosto (1474-1533) nacque a Reggio Emilia, primo di dieci figli, da famiglia di nobili origini. Si applicò prima alla grammatica e poi (svogliatamente) studiò legge, quindi il padre Nicolò gli concesse di dedicarsi esclusivamente alle lettere. Alla morte di questi, l’Ariosto ebbe sulle spalle la responsabilità della sistemazione dei quattro fratelli e delle cinque sorelle, sicché fu costretto a passare al servizio di Ercole I e successivamente del cardinale Ippolito d’Este. Nel 1517 il cardinale partì per l’Ungheria ma Ludovico, forse anche per rimanere vicino alla donna amata (Alessandra Benucci), si rifiutò di seguirlo e Ippolito lo licenziò. L’anno dopo entrò fra gli stipendiati del duca Alfonso I, il quale lo inviò nel 1522 come Commissario ducale in Garfagnana. Ariosto tornò a Ferrara nel 1525, acquistò con i propri risparmi la sua “parva domus” in contrada del Mirasole (oggi via Ariosto), si sposò con la Benucci e attese con serenità alla revisione definitiva del suo capolavoro: l’Orlando furioso, pubblicato in quarantasei canti nell’ottobre del 1532.
«Le opere che precedono, accompagnano e seguono il Furioso, – scrive il filologo Marcello Turchi – convalidano l’asserzione critica che l’Ariosto è grande poeta di un sol libro, e che, negli altri che scrisse, in varia misura si manifestano tendenze del suo animo diversamente utili ad illustrare quell’opera che riassunse tutta la sua vita poetica e in cui in continuità riversò il senso della sua vita umana». Oltre al suo grande poema, Ludovico Ariosto compose le Liriche latine (1494-1504), le Liriche volgari (1493-1525): articolate in cinque canzoni, quarantun sonetti, dodici madrigali, ventisei capitoli e due egloghe, le sette Satire (1517-1525), le cinque commedie: Cassaria, Suppositi, Lena, Negromante e Studenti, le oltre duecento Lettere e i Cinque canti.
Strutturalmente derivato dall’Orlando innamorato del Boiardo ma impostato con diversa prospettiva ideologico/letteraria, l’Orlando furioso dell’Ariosto apparve in prima edizione di quaranta canti nel 1532. Tre linee di sviluppo sorreggono la trama del capolavoro: la pazzia di Orlando, la guerra fra cristiani e mori e le nozze di Ruggiero e Bradamante, su cui veleggiano episodi di geniale e inarrivabile lirismo come il viaggio lunare di Astolfo, l’amicizia e fedeltà di Cloridano e Medoro, l’amore di Fiordiligi e Brandimarte.
«La distanza e lo straniamento decisi dall’Ariosto – commenta il poeta Edoardo Sanguineti – sono distanza e straniamento operati, come del resto è noto, di fronte a un libro [l’Innamorato] in cui culminava, e non soltanto per l’ambito ferrarese, la metamorfosi cortigiana del poema cavalleresco in romanzo d’avventura. L’ironia tecnica dell’Ariosto è un’ironia che, con un solo movimento, liquida tutto il residuo cavalleresco, e instaura definitivamente l’avventura romanzesca».

Tratto dal libro di Riccardo Roversi, 50 Letterati Ferraresi, Este Edition, 2013

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi