Mentre cerco di mettere ordine tra pile di romanzi, libri scolastici e vecchi giornali, vedo spuntare una copia risalente al 1943 dell’ “L’isola del tesoro”, romanzo di Robert Stevenson.
La copertina usurata, le pagine ingiallite dal tempo e dalle mani che se lo sono conteso e quell’odore di libro vecchio che lo distingue da tutti gli altri.
Questo libro per ragazzi ha svolto un ruolo fondamentale introducendo nella letteratura il tema del viaggio e dell’avventura e permettendoci di entrare con la fantasia nel mondo dominato da tesori e pirati, un immaginario collettivo di grande fascino, ancora oggi, per tutte le età.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Un ponte levatoio a Londra
LETTERA APERTA DI UNA VENTENNE
Noi e voi… Lasciateci sognare, lasciateci sbagliare
Aspettando la notte
Volti bugiardi e maschere sincere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi