COMUNICATI STAMPA
Home > IL QUOTIDIANO > L’Italia e il Bolshoi
Jacopo Tissi nell’Olimpo della danza
Tempo di lettura: 4 minuti

Immagine dal profilo Facebook di Jacopo Tissi

Già in passato ci siamo occupati del Teatro Bolshoi di Mosca, fantasticando aldilà della sua incantevole porta dorata che mi ha visto sua assidua frequentatrice durante il mio periodo di permanenza moscovita, o presentando ai nostri lettori alcuni spettacoli, come il balletto in tre atti I Gioielli, del coreografo George Balanchine o quello di Ivan il Terribile.

Oggi a farci tornare a parlare di questo tempio sacro della coreutica è la notizia della nomina a suo Principal Dancer (Primo Ballerino) dell’italiano Jacopo Tissi, già primo solista del teatro dal 2017. Classe 1995, originario di Landriano, un paese nella provincia di Pavia, Jacopo è stato il primo italiano al Balletto del Bolshoi di Mosca.

Tissi, che ha anche una pagina facebook e un profilo instagram con bellissime immagini, ha iniziato ad amare la danza guardando alla televisione Il Lago dei Cigni, all’età di 5 anni, innamorandosi perdutamente di quest’arte meravigliosa. Da quel momento, dal divertimento iniziato con l’iscrizione ad un corso di danza è passato a frequentare le sale del Teatro alla Scala di Milano, per entrarvi a far parte nel suo Corpo di Ballo sotto la direzione di Makhar Vaziev, nella stagione 2015/2016 (dopo aver danzato con il Balletto di Stato di Vienna sotto la direzione di Manuel Legris, nel 2014/2015). A poco più di tre anni dall’annuncio della sua decisione di lasciare il Teatro alla Scala, dove è cresciuto, Jacopo è diventato, nel luglio del 2019, Solista Principale della prestigiosa compagnia russa, è cresciuto molto a livello artistico e gira il mondo per interpretare i grandi ruoli del repertorio. A Milano è cresciuto, seguendo Roberto Bolle, al quale spesso viene comparato fisicamente, soprattutto per l’altezza, il corpo statuario e l’eleganza.

Foto di Elena Puskina

In Russia, come ha indicato in una bellissima intervista a Russia Beyond, ha imparato la lingua, che oggi parla bene (In Russia la devi parlare o vai davvero poco lontano…), e ha familiarizzato con la grande e sorprendente macchina del Bolshoi. Prove lunghe e impegnative, numero sorprendente di personale utilizzato e di sale disponibili. Adattarsi a un lavoro su larga scala è stato impegnativo (tutto in Russia è grande e imperioso…), ma molto interessante e fonte di crescita personale inimmaginabile.

Di recente è tornato alla Scala come membro della compagnia del Teatro Bolshoi, interpretando il ruolo principale nella Bayadère. Una grande emozione…

Con la notorietà acquisita grazie al prestigioso ruolo, Tissi oggi danza non solo a Mosca ma anche in varie città della Russia e non solo. A Mosca, il suo luogo preferito sono gli Stagni del Patriarca e non disdegna la cucina russa. Prossima tappa, visitare la campagna della provincia. Per parte nostra, come cultori e amanti della Russia, della sua cultura, dei suoi paesaggi e, soprattutto, della danza, non possiamo che condividere e attendere di vedere presto Jacopo volare sui suoi passi leggeri. Ancora bravo e davvero grazie.

Immagine in evidenza di Pierluigi Abbondanza

Commenta

Ti potrebbe interessare:
carri armati
NOTIZIE SCRITTE SOTTO DITTATURA :
le file in farmacia e quelle dei carri armati russi
Vladimir Putin e Ursula von der Leyen Russia e Europa
Perché cooperare con i russi farebbe bene agli europei
La Grande Russia: Il nemico alle porte… o forse no.
IL VIAGGIO DI VALENTINA (4)
La Grande Russia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi