Home > ALTRI SGUARDI > LO SCENARIO
Il blogger Rudy Bandiera: “Le tecnologie stanno rivoluzionando il nostro mondo, ma al centro resta sempre l’uomo”

LO SCENARIO
Il blogger Rudy Bandiera: “Le tecnologie stanno rivoluzionando il nostro mondo, ma al centro resta sempre l’uomo”

rudy_bandiera
Tempo di lettura: 6 minuti

Nuove tecnologie e nuovi usi del web che, racchiusi in uno stesso nucleo, andranno a comporre quello che sarà conosciuto come web 3.0: una definizione che ancora non esiste e una concezione ancora lontana dall’affermarsi ma che, a parere di Rudy Bandiera, una fra i più noti blogger italiani, andrà sviluppandosi molto presto.
“Andiamo verso un web potenziato – spiega –  una novità che per la prima volta nella storia racchiuderà tutto attorno ad un unico media che sarà, appunto, lo stesso web”. E al centro di questa rivoluzione ci saremo ancora una volta noi stessi, ancora più di prima. Uno scenario dalle dimensioni enormi che introdurrà un’ennesima novità, l’”economia della reputazione”. Chiaro è infatti che aumentando l’importanza della rete aumenterà di pari passo anche il nostro bisogno di essere influenti all’interno della rete stessa. Saremo giudicati allora principalmente per la nostra capacità di muoverci nel web e di imporci come “influencer”, come soggetti cioè in grado di saper creare un’ampia rete attorno alla quale costruirsi la più alta reputazione e credibilità possibile.
Questo è già presente oggi, tutto quello che facciamo in rete può essere infatti mappato e controllato (piattaforme come Klout misurano proprio la nostra influenza nel web), ed anche le aziende incominciano a tenere in considerazione queste statistiche per scegliere chi assumere.

L’occasione per riflettere su questi temi cruciali è stato il seminario di Unife organizzato dal ricercatore del Dipartimento di Economia e management Fulvio Fortezza che si è tenuto ieri, al Polo degli Adelardi. Protagonista Rudy Bandiera, notissimo blogger ferrarese, ai vertici delle classifiche di vendita con il suo volume “Rischi e opportunità del Web 3.0″ e socio fondatore di NetPropaganda con l’amico Riccardo Scandellari. L’incontro, aperto a studenti e alla comunità, aveva l’obiettivo di stimolare il ragionamento su alcune cosiddette “tematiche di frontiera” inerenti al mondo della comunicazione nell’era digitale, analizzando chi già padroneggia questo settore e come questo si svilupperà e andrà a consolidarsi nel (ormai vicinissimo) futuro.

Obbligata una prima introduzione sull’avvento di tale sistema, una rivoluzione tecnologica che ha visto i suoi albori negli anni ’70 con le prime diffusioni dei computer e che si è affermata solamente nella metà degli anni ’90, nel bel mezzo della bolla speculativa che ha comportato la crisi del settore tecnologico. Un aspetto, quest’ultimo, che Bandiera contestualizza nei nostri giorni, definendo l’attuale problematica situazione non come mera crisi, ma un “cambiamento necessario che sarà destinato a terminare e consolidarsi, come la storia ci insegna”.

Facendo poi una carrellata quindi dei principali colossi, rinominati in questo caso veri e propri “ecosistemi”, che rispondono al nome Apple, Microsoft, Facebook, Amazon e Google, è emerso come tali aziende che oggi sono incontrastate dominatrici dello scenario globale, in principio non furono altro che semplici visioni nate perlopiù in garage, frutti di idee sulla carta semplici e scontate ma che, messe in pratica, hanno contribuito a cambiare il nostro stile di vita, il nostro modo di concepire il mondo, il nostro essere.
Tutto questo per introdurre il fine ultimo del seminario, la consapevolezza cioè che la tecnologia si sta evolvendo sotto i nostri occhi in tempi e modi che ci paiono essere degni della più utopica fantascienza; che in realtà siamo proprio noi stessi a comportare tali cambiamenti, agendo in prima persona nelle dinamiche del web.

“Non esiste più la comunità della rete” afferma Bandiera, intendendo che oggi volenti o nolenti siamo tutti dentro a quello che ruota intorno al web, e che la stessa rete si sta andando a trasformare proprio come noi vorremmo si trasformasse.
È stata così introdotta la questione del “web semantico”, un nuovo scenario che ci presenterà le macchine non solo in grado di leggere quello che noi vogliamo ma anche di interpretarlo, software che comunicheranno tra di loro decodificando ogni nostro pensiero introdotto nella rete. Una tecnologia pervasiva (o trasparente), che noi non vediamo ma esiste e lavora con e per noi. Il tutto ingigantito dalla diffusione sempre maggiore di realtà aumentata e nuove tecnologie 3D: i Google Glass per esempio, gli occhiali “smart”, dei quali proprio Rudy Bandiera è stato uno dei pochi in Italia a testare e recensire. Apparecchi che ci sembrano ancora così lontani dall’esistere ma in realtà esistono già e aspettano solo di essere commercializzati.

Alla luce di quest’ultima tematica ed in conclusione, Bandiera ha cercato di spiegare come muoversi per farsi conoscere nella rete narrando anche la sua esperienza personale, caratterizzata da un blog divenuto uno dei più visitati in Italia, oltre che dalla chiamata da parte di Google a presentare l’unico suo evento italiano nel 2014. Il blog, appunto, viene visto come uno strumento unico ed il solo in grado di poter esprimere tutte le nostre capacità e le nostre passioni in assoluta libertà, un investimento in termini di tempo e risorse che non comporta necessariamente un guadagno diretto ma indiretto, un modo per cominciare e farsi conoscere. Ma attenzione al fattore “straordinarietà”: siamo straordinari una volta sola, copiare ed emulare qualcosa che va già bene potrebbe non essere la soluzione.
Ci viene ricordato che “le cose più difficili da mettere in atto sono anche quelle che ci frutteranno di più”, dobbiamo cioè essere bravi a dimostrarci innovatori e creativi per creare qualcosa di unico.

Infine si è parlato di opportunità. Questa è la parola chiave secondo Bandiera, capire quello che sta accadendo e saper cavalcare le infinite possibilità che questo cambiamento ci metterà davanti. Questo è il monito di un personaggio che questa opportunità l’ha colta ed ha saputo sfruttarla con grandi risultati, un’esperienza che vuole diffondere a tutti noi e soprattutto alle nuove generazioni (i cosiddetti “nativi digitali”) affinché capiscano e comprendano gli infiniti scenari che verranno loro offerti. Senza però spaventarsi: il blogger non nasconde che questo rapidissimo cambiamento senza precedenti può spiazzare e farci perdere il contatto con la realtà, ma è un processo necessario ed inarrestabile, non potremo più pensare di agire senza capirlo o muoverci dentro. Ecco perché seminari come questi andrebbero moltiplicati e diffusi, soprattutto in un Paese come il nostro, ancora così ostile al cambiamento e rimasto indietro anni luce per quanto riguarda le tematiche appena affrontate.

Leggi sullo stesso argomento la riflessione di Andrea Cirelli

Commenta

Ti potrebbe interessare:
IMMUNI?
Cosa c’è sotto il dibattito sulla nuova App proposta dal governo
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Il tempo dello sfinimento
La moda del blogger santone e la sconfitta della ragione
BORDO PAGINA
Web Poetry: intervista a Michele Nigro, scrittore e blogger

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi