27 Giugno 2022

LO STESSO GIORNO
42 anni fa, all’altezza di Ustica, un aereo di linea scompare dai radar.

Filippo Mellara

Tempo di lettura: 5 minuti

27 giugno 1980

La partenza del volo di linea IH870 della compagnia aerea Itavia era prevista per le 18:15, dall’aeroporto di Bologna-Borgo Panigale e diretto all’aeroporto di Palermo-Punta Raisi.
Durante la calda estate bolognese si imbarcarono sul volo civili e lavoratori, famiglie e bambini diretti verso le mete estive, studenti fuorisede intenti a tornare a casa alla fine dell’anno accademico.

Quello stesso giorno, il 27 giugno 1980, dopo quasi due ore di viaggio, alle 20:59, l’aereo scomparve dai radar all’altezza di Ustica.
Le ricerche da parte dei soccorritori cominciano la notte stessa. I primi ritrovamenti arrivano alle prime ore dell’alba. Inizialmente vengono avvistati alcuni detriti del DC-9 galleggiare sul Mar Tirreno, e successivamente i sommozzatori trovano i resti dell’aereo sul fondale marino, e con esso gli 81 morti: 77 passeggeri e 4 membri dell’equipaggio.

Le prime ricostruzioni dell’aeronautica militare parlano di uno sfortunato incidente, di un cedimento strutturale dell’aereo. Sono in molti a credere a questa versione, soprattutto in seguito alla rapida smentita arrivata dalla compagnia aerea. I familiari, molti giornalisti e un’apposita commissione d’inchiesta la pensano diversamente dalla versione ufficiale dell’aeronautica.
Il DC-9 è esploso in volo. Rimane da stabilire quali siano state le cause dell’esplosione. Vengono formulate diverse ipotesi riguardo la natura, la causa e le dinamiche dell’incidente: i militari sostengono la tesi di un attentato terroristico, ipotizzando una bomba in bagno o nella stiva. Ma la tesi più battuta, per giunta accettata con valenza in sede legale, riguarda il coinvolgimento del DC-9 in uno scontro a fuoco tra aerei francesi, americani e libici.

Cominciano i processi che nel corso di trent’anni si concludono con un nulla di fatto sul piano penale. In sede civile, tuttavia, la Corte di Cassazione nel 2013 condanna lo stato italiano a risarcire i parenti delle vittime e dichiara che non solo il DC-9 fu abbattuto, ma che vi furono numerosi tentativi di depistaggio da parte dell’Aeronautica militare.

E proprio dell’Aeronautica militare fanno parte numerosi soldati morti in circostanze poco chiare tra il 1980 e il 1995, tutti stranamente collegati alla strage di Ustica. Sono 12 i decessi, di cui alcuni veramente sospetti.
Roberto Boemio, ad esempio, viene ucciso il 12 gennaio 1993 a Bruxelles durante una rapina. La morta del militare avvenne poche settimane prima della testimonianza che avrebbe dovuto fare. La cosa forse più sospetta fu però che in quella rapina non venne rubato nulla, e rimase ucciso solo il militare italiano.
Altrettanto sospetta è la morte di due piloti della Nato, i colonnelli Mario Naldini e Ivo Nutarelli. Questi morirono il 28 Agosto 1988 nella collisione tra due aerei durante un’esercitazione delle Frecce Tricolori avvenuta proprio nella base militare di Ramstein. La sera della strage di Ustica erano entrambi in volo e inviarono un segnale di “emergenza generale” da sopra il territorio italiano.
Soprattutto ci sono i numerosi casi di suicidio di militari presenti quella sera del 27 giugno. Il primo è quello del maresciallo Alberto Dettori, il 31 marzo 1987, trovato impiccato a Grosseto in una “posizione innaturale”, secondo il referto della polizia scientifica. Il maresciallo, la sera della strage di Ustica, era in servizio presso il radar di Poggio Ballone. Un altro suicidio sospetto è quello del maresciallo Franco Parisi, il 21 dicembre del 95. Questo avvenuto addirittura pochi giorni prima della deposizione che il maresciallo avrebbe dovuto fare in merito al ritrovamento di un Mig libico in Sila, probabilmente collegato con la vicenda di Ustica.

Sotto la pressione di un’opinione pubblica che aveva ormai capito la complicità dello stato, una dichiarazione sembra aprire la strada verso la verità. Nel febbraio del 2007, l’allora (al tempo della strage) Presidente del Consiglio Francesco Cossiga dichiarò che l’aereo fu abbattuto da un missile sparato da un caccia francese, il quale mirava a un Mig libico che viaggiava coperto dalla scia dell’aereo civile.
A distanza di quarant’anni dalla strage, sembra sicuro che la scia del DC-9 quella sera fu seguita da un aereo militare libico per sfuggire ai controlli radar. Ipotizzando la presenza di Gheddafi a bordo di quel velivolo, due caccia, uno americano della NATO e uno straniero, si misero al suo inseguimento e ingaggiarono una battaglia non autorizzata, causando così l’abbattimento del DC-9.

Ancora oggi l’Aeronautica militare nega tale versione dei fatti, confermata anche dall’allora presidente del consiglio, nonché da anni di indagini. Nonostante l’evidente complicità dello Stato, e numerosi tentativi di insabbiamento, a distanza di quarant’anni ancora la verità non è stata acclarata, e i colpevoli di questa strage non sono stati puniti.

In copertina: il museo della tragedia di Ustica con i rottami dell’aereo Itavia recuperati in mare (foto Wikimedia Commons)



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Filippo Mellara

Abito a San Lazzaro (BO) e sono uno studente universitario di scienze della comunicazione. Impegnato socialmente nel cercare di creare un futuro migliore, più equo e giusto per tutti. Viaggiatore nel mondo fisico e spirituale, ritengo che la ricerca del sé sia anche la ricerca del NOI. Cresciuto tra Stato e Rivoluzione e Bertolt Brecht.
Filippo Mellara

Ti potrebbe interessare:

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi