14 Marzo 2014

Lotta amata per il Futurismo, da Roma a Ferrara

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 9 minuti

da: Roberto Guerra

” La fine della storia proclamò quel gambero di Fukuyama… al contrario la Storia non fa nulla…. -Karl Marx! oppure mero sublime Divenire… oppure la Storia si crea! Rimuovendo le forze necrofile che uccidono il futuro…. ad esempio i Politik, ad esempio (per dirla con Jung) la tipologica del Giornalista, 1.0 specifichiamo… La fine del Giornalismo, ecco una strategy interessante, in Italia, per la Lotta Amata per il Futurismo prossima ventura”

Il governo Letta Alfini simulacro continuava imperterrito a non fare nulla e-o raccontare balle!
Poi finalmente strane sinergie antagoniste sulle banche, sull’Europa, sulla politica degenerata italiana attraversano più o meno e persino posizioni politiche trasversali, ufficiali e web spontanee: pirati, rottamatori, antipolitici,grillini…forconi, persino antagonisti neoconservatori, siamo già probabilmente nell’Oltre Destra-Sinistra.
Finalmente la svolta Matteo Renzi, futuristissima e probabilmente vincente, un Kennedy già 3.0! Ma come noto mezzo PD rema contro (o almeno sembrava, poi in 24 ore anche la Camusso quasi entusiasta, sincera o perchè anche i sindacati- che ancora succhiano un miliardo di euro l’anno dallo stato– rischiano salutari rottamazioni?). In ogni caso, che fare se Matteo Renzi sarà sabotato dal solito massimalismo suicidale di certa parasinistra, stesso copione persino dalla Repubbblica di Weimar?

Va da sé più nello specifico: se a parte il nuovo Premier persino figure come Grillo o la stessa Meloni degli ex PDL più giovani….a modo loro sembrano ancora credere chi più chi meno in possibili nuove ricette squisitamente innovatrici e democratiche e parlamentari… dalla Rete, per chi la capta senza i prosciutti dell’infame buon senso (Majiakowskij!) di politici, economisti,giornalisti…. emerge invece non chissà quale sovversione sociale (semmai questa la praticano da sempre estremisti soprattutto rossi e piu recentemente la casta dei Magistrati….) ma semplicemente una auspicabilissima NET REVOLUTION prossimo ventura (già il fenomeno Grillo e lo stesso Matteo Renzi sono i primi effetti concreti…) , mentre tali speranze pacifiche e democratiche sembravano scemare giorno dopo giorno per colpa esclusiva delle attuali classi dirigenti, politici, economisti, intellettuali, giornalisti….prima di Matteo Renzi, ma il filo resta molto molto teso comunque…

Come futuristi appunto immaginiamo scenari preventivi se Matteo sarà sabotato dalla tecnoidiozia dell’ex sinistra….

Ovviamente scenari apparentemente inquietanti, ma secondo noi al massimo qualche implosione e disordine sociale molto parziale, per quanto per forza di cose, senza segnali di superamento concreto della crisi generale (sia ben chiaro reale ma semplicemente centuplicata da una classe politica semplicemente e irreversibilmente delinquenziale da Roma a Ferrara (figurarsi a Napoli e Palermo….) che ….rubano costantemente con la legge complice le risorse possibili, colluse con giornalisti eccetera.. non ultimo una classe imprenditoriale da paura, paleoliberalismo e quasi scimpanzé rispetto al talento meritocratico che sarebbe necessario! ), non indolori.
Ma come pilotare preventivamente scenari anche implosivi?
Certamente roba da funamboli e non scontato certo antivirus per così dire possibile, vale a dire individuare davvero e senza conseguenze estreme bersagli rivoluzionari capaci di suscitare il necessario consenso popolare…
Innanzitutto necessarie alcune premesse chiarissime che ora elenchiamo: anticipiamo subito fondamentali per evitare di favorire in tali eventuali scenari i soliti tecno idioti estremismi rossi da un lato (più pericolosi in quanto pù diffusi e tollerati dalle ex sinistre e dai media…) ma pure le ultime inerzie estremiste nere…
1. Se in tali scenari “estremi” condivisa è l’analisi strutturale sui Politici, come per mera causa-effetto (sono loro che poi deliberano per l’intera nazione) fatale, ovvero una cloaca di delinquenti spesso legalizzati, ignoranti, bugiardi, inetti e campioni di mediocrità (per quello la società di massa- il vero Potere spesso inconscio…), va da sé che essi come bersagli hanno un senso soltanto in chiave virtuale! Non è un paradosso ma una prova in controluce, tale analisi, di e per nuovi orizzonti e pragmatiche rivoluzionarie assolutamente spiazzanti gli infami luoghi comuni che poi foraggiano, con un circolo vizioso sempre perdente per il popolo, la retorica orwelliana delle Istituzioni più sacre dell’ombelico del Papa…. e il solito divide et impera anche di nano tiranni come quelli attuali! Inoltre i politici, nonostante tutti i grugniti da maiali che si voglia, hanno una loro legittimità,- tranne durante il governo Monti….,dal voto democratico e elettorale (trascuriamo il particolare non banale ma comunque ora inutile—, che poi i programmi votati dagli elettori non prevedevano l’OGM venuto male Letta-Alfini, grazie alle manovre di Napolitano e la casta politica e finanziaria stessa italiana e europea… ma ripetiamo altra questione..).
Il politico come bersaglio virtuale più interessante appunto on line… creando una specie di Rete attualmente non esistente in alcuna modulazione; non diciamo organica ma almeno connettivistica e un poco consapevolmente sinergica… conun unico leitmotiv: vale a dire un raid perpetuo on line sempre contro tutti i politici, una specie di Web Police contro culturale econtroinformazione capace di fare una specie di MegaBrand e MegaShare ripetendo sempre il medesimo messaggio, sputtanando non stop tutti i politici, riuscire a far capire grazie al web, almeno alle nuove generazioni …che sono tutti uguali, delinquenti e mediocri (le eccezioni pur esistenti non pertinenti in tali scenari sociali e nazionali implosivi), appunto mediocri, razza inferiore quasi rispetto il Signor Mario… come logo – ma qualsiasi nome ovviamente- dell’Italiano “medio”, certamente, per quantoi italliota e suddito, mediamente …meno disonesti e meno incapaci di qualsivoglia politico!!! Il popolo, per quanto bue, è comunque il Datore di Lavoro dei Politicanti, semplici manovalanza, ormai tutti da Licenziare (e qua nessun articolo 18 pertinente ci pare!).
Ma non solo azioni simboliche contro (e basta..) on line: suggerire azioni off line sufficientemente condivise da una certa quantità di italiani per fare sciopero fiscale e delle bollette (tranne gli affitti ragionevolmente e per non creare un prevedibile fronte subito separatista) e gli studenti sciopero sulle tasse scolastiche…. dubitiamo si arrivi – se non altro per questioni di ordine pubblico- all’arresto o allo sfratto di milioni di italiani o all’esclusione espulsione di centinaia di migliaia di studenti…
E soprattutto come azioni off line invece potenzialmente rischiose (ma che dicevano Nietszche e Pound o già Majakowskij e Rosa Luxembourg…) colpire i veri bersagli Reali, il Dna sociale che cementa l’attuale sconcertante (per l’inerzia e la non ribellione generalizzata…) comunità nazionale orwelliana!
Applichiamo il Rasoio di Occam! Colpiamo il cuore elettronico del Sistema, ovvero l’Informazione, quella old media e off line! Sono questi la gestapo minimalista del quarto reich attuale euro germanico avallato dal Cancro della Politica Italiana! Il giornalista, ma lo si sa da Oscar Wilde e Kark Kraus, almeno in Italia ma anche in Europa (meno in Usa, anzi, ma altra storia …) . Guardiamo alla Storia!
La rivoluzione fascista, la prima realmente moderna… poi certamente degenerata, iniziò con il celebre assalto occupazione da parte di Mussolini e Marinetti e quella farfalla che fu il fascismo rivoluzionario a l’Avanti dei socialisti già in regressione e pronti a gettarsi tra le fauci del nazionalcomunismo di Lenin e soprattutto poi di Stalin…
Il dittatore rumeno Caucescu crollò grazie a una trasmissione televisiva in diretta che comunicò al mondo intero la clamorosa ribellione live durante un suo comizio! Idem la Cina per colpa di un’altra trasmissione televisiva, le mmagini celebri del ragazzo eroe in Piazza Tiananmen…. fu costretta in qualche modo ad avviare certo processo (tutt’oggi lentissimo e contraddittorio) verso certa futura si spera democraticizzazione, in ogni caso un maggiore –come noto- stile occidentale, oltre i vangeli maomatusalemme…. comunisti.
Perché le sedi dei giornali e della tv pubblica? Perché i giornalisti… è una libera scelta, nessuno è obbligato a fare il giornalista! Quindi sono peggio in Italia dei Politici perché non sono giornalisti, ma mandarini, collusi,venduti, ignoranti, arrivisti, immorali, dis-educano alla schiavitù conformista e governativa, censurano le minoranze eretiche… magari in nome della loro libertà di essere casta … Orwell sempredocet!!! (Sempre tranne eccezioni, ma ripetiamo…. una rondine non fa la Primavera figurarsi le 4 stagioni!).

Ecco milioni di italiani e centinaia di migliaia di studenti che occupano pacificamente le sedi dei principali quotidiani italiani e locali, la tv pubblica e quelle locali…principali….
Al massimo, i giornalisti – quasi tutti – sono vigliacchi e conigli, qualche tafferuglio, qualche cazzotto, qualcuno nei bagni per un paio d’ore di salutari (ma basta così) attacchi di panico….
E sia ben chiaro con alcune richieste :rinnovo al 99% di tutti i giornalisti in carica, licenziamento rottamazione non stop del Giornalista 1.0!, nuovi scrittori dell’informazione off line o televisiva pubblica, max 40 anni!!! Appunto Scrittori non giornalisti!!!! Che son quasi tutti (banalissimo Freud) – i pennivendoli – letterati falliti…. (o politici persino,falliti!). E stipendi come gli operai! Non un euro di più.
COME PER I NUOVI PARLAMENTARI (SOLO LA CAMERA) DEL FUTURO PROSSIMO!
E A CARATTERI CUBITALI: IN NOME DEL POPOLO ITALIANO E DELLA LIBERTA E SIA BEN CHIARO DELLA POLIZIA ITALIANA! COME DIREBBE PASOLINI, sovversione a 360° rispetto alle generazioni zombie fallimentari e criminose del 68 e del 77, i policemen i nostri migliori impiegati e alleati pubblici!
E UNA SOLA RICHIESTA: ELEZIONI SUBITO CON SBARRAMENTO DEL 10% E DIVIETO ASSOLUTO DI CANDIDATURA PER TUTTII POLITICI IN CARICA PARLAMENTARI (O Consigliare a livelli locali e regionali…) DELLE ULTIME 3 LEGISLATURE!!! ABOLIZIONE DEL SENATO! RIDUZIONE DEL 50% DEI PARLAMENTARI (e dei Consiglieri….regionali e locali) – PER MOLTI ASSISTENTI BASTANO NOTEBOOK E TABLET! VOTO DAI 16 AI 60 ANNI. DOPO ABOLIZIONE DEL DIRITTO DI VOTO… LARGO DEFINITIVO E IRREVERSIBILE ALLE FORZE GIOVANI PER L’ITALIA 2.0! NON SI VA NEL FUTURO E NELL’ERA DI INTERNET (E DELLA SCIENZA E DELLA CONOSCENZA E DELLA NUOVA IMMAGINAZIONE LETTERATURA SCIENTIFICA) CON I PORTATORI SANI DEL MORBO DI PARKINSON!!! OVVERO CON L’HOMO SAPIENS 1.0, IL VECCHIO UOMO E I SUOI AMANUENSI….

NATURALMENTE SE MATTEO RENZI SARA’ SABOTATO E EVENTUALMENTE DAI COSIDDETTI COMPAGNI CHE SBAGLIANO….SEMPRE!

W IL FUTURISMO 2.0!!!



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

  • rondini

    Per certi versi / La partenza delle rondini

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • IRAN: Dopo la morte di Mahsa Amini
    si riaccende in tutto il paese la rivolta delle donne

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

  • ALLE CINQUE DELLA SERA
    Lamento per Giuliano De Seta

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi