COMUNICATI STAMPA
Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > L’uguaglianza disuguale
Tempo di lettura: 2 minuti

Nella nostra epoca si parla sempre di uguaglianza tra i popoli, tra le razze, tra i sessi…
L’Occidente ha infatti il merito d’aver inventato un concetto, storicamente parlando, rivoluzionario: l’uguaglianza tra gli individui.
Un’uguaglianza che riguardi perciò tutti quanti, e che armonizzi i rapporti tra le persone dando a tutti pari diritti e doveri, che siano uomini e donne, bianchi e neri, eccetera.
Però, proprio l’Occidente s’è scelto un sistema economico, quello capitalista, che per sua natura determina il più grande vulnus all’uguaglianza tra individui che si possa concepire.
Si tratta, di fatto, di una disuguaglianza creata artificialmente all’interno della società umana. Una differenziazione che non ha nulla di naturale, biologico o fisiologico che sia, come possono essere sesso, colore della pelle o l’aspetto fisico in generale.
Questa disuguaglianza, l’unica veramente colpevole delle ingiustizie, delle discriminazioni e dei delitti tra gli individui così come tra i popoli, è quella tra chi è ricco e chi è povero!

“Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali.”
Don Lorenzo Milani

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
RAZZA PADRONA:
quando il bicchiere è sempre più pieno
Muro, muro rosso
Rossana Rossanda, una compagna del secolo scorso
SCHEI
Yes we can? No, we can’t: il mito della meritocrazia
difesa-razza
Entro mezzogiorno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi