Home > IL QUOTIDIANO > Luisella Salvau: oltre il pennello

Luisella Salvau: oltre il pennello

Non c’è pensiero creativo se non c’è arte.
La creatività nella sua massima espressione: produrre qualcosa che prima non esisteva è certamente un’esperienza unica e gratificante.
Luisella Salvau è una pittrice con una visione molto romantica dell’arte e amore per la natura, soprattutto in queste sue ultime creazioni, dove dimostra un fascino particolare per gli alberi, che rappresentano il simbolo della vita, in continua evoluzione, collegati tra il cielo e la terra toccando le nostre emozioni.
Il passato grafico-pittorico della pittrice è composto da pregevoli grafiche a china su Ferrara, i suoi palazzi e le sue vie, dove gli studi di figurinista, intrapresi nella giovinezza, l’hanno portata ad una spiccata abilità e precisione.
In queste sue ultime creazioni, che già dal titolo suggeriscono la strada percorsa dalla sua immaginazione, vi è una ricerca introspettiva che, basandosi sulla realtà visibile, giunge a una realtà interiore.
Luisella Salvau si lascia sedurre dalla materia, che ne diventa il suggeritore, affrontando questa forma d’arte contemporanea: paste, colori acrilici, colori perlati, argentati e dorati su tela. La pittura materica su tela è un’opera che viene arricchita dalla presenza di materiali che fanno parte di forme espressive innovative, d’avanguardia.
Queste sue ultime creazioni evocano una risposta immediata nelle combinazioni che possono sembrare casuali ma che sono invece frutto di un ragionamento.
Le opere di questa riconosciuta e ormai consolidata pittrice ci coinvolgono e ci affascinano, e senza sforzo alcuno seguiamo Luisella Salvau in questa sua nuova avventura creativa, dove ha saputo coniugare colore, materia e innovazione con eleganza e eccellente forza espressiva.
Alla mostra personale di sabato 23 marzo, alla Sala Nemesio Orsatti, saranno presentate queste ultime creazioni; pagine di un racconto che ha bisogno di lettori, non di interpreti.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Gli opposti di Dalí
Boldini e le sue donne
Ultimi giorni per la mostra a Palazzo Diamanti
Le furbizie dell’artista
L’arte del turbamento tra blasfemia e moralismo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi