Home > COMUNICATI STAMPA > Lunedì 18 novembre 2019 dalle ore 17 Maurizia Camerani parlerà di Adele Woena

Lunedì 18 novembre 2019 dalle ore 17 Maurizia Camerani parlerà di Adele Woena

Da: Organizzatori

Nella biblioteca del Centro Documentazione Donna, via Terranuova 12/b, Ferrara, lunedì 18 novembre 2019 dalle ore 17 Maurizia Camerani parlerà di Adele Woena, direttrice del periodico «L’Aurora».

Adele Woena ha fondato, a Modena il 15 febbraio 1872, e diretto il periodico «L’Aurora», rivista nata per favorire l’emancipazione femminile e che, rispetto a tante altre, entrerà nelle case delle amate lettrici fino al dicembre 1883. Da “Periodico d’istruzione ed educazione – Libera palestra per le giovani” diventerà negli anni “Periodico Letterario educativo” ed il suo fine sarà sempre promuovere la continuazione dell’istruzione nelle giovani e rinnovarla. Adele, coadiuvata da una “eletta società di collaboratrici e collaboratori”, pubblica articoli di vario genere, aggiorna il suo pubblico su quanto avviene intorno a lei: dalle nuove scoperte scientifiche, all’igiene, alla dietetica, agli usi e costumi femminili nei vari paesi del mondo, pubblica novelle o romanzi a puntate, aggiorna sui dettami della moda. Una vera e propria enciclopedia di temi inerenti alla condizione femminile, ma sono quelli che trattano dell’istruzione e dell’educazione a occupare un posto primario.
La stessa Adele infatti non si lascia scappare la notizia dell’apertura di una scuola che diventa una nuova batteria contro i nemici della civiltà e del progresso quali sono l’ignoranza e i pregiudizi, o di segnalare le sorelle Daneo e Ballio prime italiane iscritte all’università, oppure informare del conseguimento della laurea in giurisprudenza di Lidia Poët, annunciato come un meritato trionfo femminile.

I primi anni dell’impresa giornalistica di Adele, coincidenti con il periodo della costruzione della nazione unitaria e liberale, fanno di lei come una tra le firme che hanno caldeggiato e patrocinato la formazione della donna, prodigandosi per la sua emancipazione: così è infatti riconosciuta da storiche come Bertoni Jovine e Pieroni Bortolotti. Se la prima ne parla come di una delle pedagogiste prudentemente progressiste del periodo post-risorgimentale (infatti nei frontespizi del 1878 dichiarerà di star lontana dalle idee esagerate dell’emancipazione della donna), la seconda sottolinea come «L’Aurora» sia stato tra i fogli più impegnati e lo colloca tra i capisaldi della campagna ottocentesca per l’emancipazione.

Su Adele Woena e «L’Aurora», Maurizia Camerani ha curato un inserto, che raccoglie una scelta degli articoli della rivista, pubblicato nel n. 185 (ottobre-dicembre 2019) della rivista «Leggere Donna».
Maurizia Camerani, modenese, laureata in Pedagogia presso l’ Alma Mater Studiorum di Bologna, è stata docente di Scienze Umane presso il Liceo Sigonio della sua città. Interessata alla storia della scuola e del patrimonio scolare così come alla storia dell’educazione, in particolare femminile dall’Unità d’Italia, collabora con il Museo della Scuola e del Libro dell’infanzia di Torino. Nel 2015 ha curato per il Festival della Filosofia la mostra “Trasmettere sull’educazione scolare dei saperi e degli affetti”. Ha recentemente pubblicato, in collaborazione con Isabella Dignatici, il volume Odore di buccia di limone grattata…ricette, ricordi, favole e mille altre cose, indagine antropologica di uno spaccato di cultura popolare nell’Appennino modenese. Durante l’edizione 2019 della Festa della storia organizzata dal Centro internazionale di didattica della Storia dell’Università di Bologna ha presentato gli ultimi aggiornamenti della sua ricerca su Adele Woena.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi