Home > COMUNICATI STAMPA > Lunedì 30 novembre al Jazz Club Ferrara vernissage “Birds In Jazz”, personale del disegnatore disneyano Donald Soffritti

Lunedì 30 novembre al Jazz Club Ferrara vernissage “Birds In Jazz”, personale del disegnatore disneyano Donald Soffritti

Tempo di lettura: 4 minuti

da: Ufficio Stampa Jazz Club Ferrara

Birds In Jazz, personale del disegnatore disneyano Donald Soffritti in collaborazione con Simone Di Meo, che si terrà lunedì 30 novembre dalle ore 19:30 alle ore 20.30 presso il Torrione San Giovanni (via Rampari di Belfiore, 167)

Attraverso le esilaranti “paperizzazioni” di Birds In Jazz, Donald ha trasformato autentiche icone del jazz – da Miles Davis a Paolo Fresu, passando per Louis Armstrong e Pat Metheny – nei protagonisti di un inedito ed avvincente fumetto, la cui trama si snocciola a colpi di note tra le mura dell’antico Torrione.
Per l’occasione, Luca Agnelli – chef del Ristorante La Cueva – delizierà gli ospiti con una stuzzicante selezione di originali finger food, accompagnati dalla degustazione di Vini delle Sabbie prodotti da Corte Madonnina, direttamente dispensata dall’esperta mano del signor Vittorio, proprietario dell’Azienda Agricola di Pomposa (FE).
L’evento si svolge nell’ambito del ricco palinsesto firmato “Monday Night Raw” e precede non solo il concerto di Luminal – formazione guidata dal pianista Dimitri Sillato, a cui seguirà la consueta jam session – ma anche l’ulteriore, luculliano, aperitivo a buffet del Wine-Bar del Torrione, accompagnato dalla funkeggiante selezione musicale di Willam Piana, alias Willygroove Dj.
Al termine del vernissage, per chi volesse trascorrere l’intera serata in nostra compagnia, ricordiamo che l’ingresso a offerta libera è riservato ai soci Endas. Info su www.jazzclubferrara.com
Cosa succederebbe se all’improvviso un famoso jazzista si trasformasse in un papero? La risposta è Birds In Jazz!
Donald Soffritti, autore di fumetti e disegnatore Disney Italia, unisce la passione per il jazz a quella per il fumetto in questo bizzarro e divertente progetto realizzato in esclusiva per Jazz Club Ferrara.
Racconta Donald, svelandoci la scintilla che ha originato il tutto: “Li ho visti uscire da un cartone animato nel quale avevano appena girato qualche ciak, o registrato un paio di take”. E osservando alcuni dei giganti della storia del jazz, fuoriusciti come per magia dalla “macchina paperizzatrice”, la sensazione è esattamente quella. Nulla nuoce alla fisiognomica anzi, in barba alle più avanzate tecniche di chirurgia estetica il risultato è avvincente.
Per questa straordinaria avventura, Soffritti si è avvalso di un fedele e prezioso collaboratore, Simone Di Meo, giovane promessa del fumetto italiano che ha arricchito Birds In Jazz con alcune divertenti vignette che, ne siamo certi, strapperanno un sorriso anche ai profani del genere. La mostra, realizzata in collaborazione con Endas Emilia-Romagna, è iscritta nel progetto ‘Vetrina giovani artisti’ patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna.
Donald Soffritti nasce a Ferrara l’11 aprile 1967. Dopo un percorso di studi artistici si diploma all’Accademia di Belle Arti di Bologna nel 1990. Entra nelle scuderie Disney nel 1997 come inchiostratore, per poi iniziare come disegnatore l’anno seguente, dopo aver conseguito il diploma presso l’Accademia Disney di Milano. Scorrazza per l’editoria italiana e d’oltralpe con prodotti come Kico, Rat­Man, Vasco Comics, Alienor, Toutou & Cie, Superheroes Decadence, Les Quatre Quarts, Il negozio di animali, Bienvenue chez les Corses…et bonne chance!
Nel 2011 collabora all’inserto satirico il Misfatto (prima stagione) de il Fatto Quotidiano con 60 strip scritte da Roberto Corradi, con il quale approda successivamente a Yanez, inserto satirico del quotidiano Pubblico di Luca Telese. Con lo sceneggiatore e amico Giorgio Salati disegna Bookbugs, una serie di strip di carattere cultural-­tecnologico uscite mensilmente sulla rivista digitale PreTesti di Telecom Italia. In occasione del Natale 2012 ha realizzato i fondali delle vetrine interattive di Benetton a Milano per conto di Fabrica SpA, in collaborazione con il comico Gianni Fantoni e lo studio di animazione Cartobaleno.
Simone Di Meo (Torino, 1992) inizia a lavorare nel mondo del fumetto a soli 19 anni collaborando con Joseph Viglioglia sulle chine di “Brendon Speciale 11” e “Brendon 97” per la Sergio Bonelli Editore. Approda successivamente in Disney come inchiostratore per diversi disegnatori tra cui Donald Soffritti per “Topolino”. Negli States collabora altresì come disegnatore per Dynamite, Zenescope, Aspen Comics, Boom Studios e Titan Comics. Insieme a Mirka Andolfo ha da poco concluso un episodio del “Dylan Dog Color Fest”. Attualmente è a lavoro sulle chine della serie “Doctor Who 10th Doctor”, disegnata da Elena Casagrande per Titan Comics, e sui disegni (insieme a Ennio Bufi) della serie “Kriminal” edita da Mondadori.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi