5 Giugno 2020

“MAI IMPARAR L’ITALIANO”
L’attrazione fatale di un tedesco per il Belpaese

Carl Wilhelm Macke

Tempo di lettura: 9 minuti

Italia, Ferrara

In questi momenti, per un tedesco parlare dell’Italia come attrazione non è davvero facile; ma io, nonostante tutti i problemi politici ed economici, nonostante i rapporti ufficiali e non ufficiali fra i due Paesi, non ho perso la voglia di essere fedele ad un forse troppo vecchio amore o, almeno, alla grande simpatia che mi lega all’Italia.

Nie Italienisch lernen
Eine Sprache, die klingt
als brächte sie einen besseren
Menschen hervor.
Blau sind die Worte und meergrün,
und in jedem O
steckt eine leuchtende Orange.
Ich bin nicht unterwegs,
um mich vor Illusionen zu hüten.
Ich bevorzuge Menschen,
die ich nur mangelhaft verstehe.
Fehldeutungen,
eine schöner als die andere
auf der Ebene der Arien
Rainer Malkowski

Mai imparar l’italiano
Una lingua che suona / come se generasse / un uomo migliore. / Blu e verde acqua son le parole / e in ogni O / luminoso un frutto si nasconde. / Non erro / per proteggermi dalle illusioni. / Preferisco persone / che limitatamente solo comprendo. / Incomprensioni, / una più bella dell’altra / quasi fossero arie musicali.
(Traduzione di Laura Melara Dürbeck)

Per un tedesco, tutta l’attrazione per l’Italia si trova dentro questa poesia: la meravigliosa e sensuale lingua italiana, il paese dei sogni, delle illusioni, dell’opera lirica. Ma da anni, e da tedesco, ho imparato anche che un tedesco non capisce veramente tutto e in tutti i sensi dell’Italia e degli Italiani.
Ci sono sempre pregiudizi, diagnosi sbagliate, equivoci. Molto simili a quanto lo scrittore Malkowski ha espresso in questa  poesia e, decenni prima di lui, hanno scritto tre filosofi tedeschi che ho stimato sempre molto.
“Quando un tedesco entra Italia  fa quasi sempre un ‘ingresso falso’. Ha desideri ed immagini storti o almeno troppo unilaterali. Cosi non puo vedere la vita reale nel paese e capisce niente o quasi niente del paese italiano. Il paese sembra  poroso e allo stesso tempo chiuso. Tutto sembra possibile ed insieme impossibile…”. Cosi il filosofo tedesco Ernst Bloch in un testo scritto 1925.
Quasi identico ad una frase di Walter Benjamin, un altro intellettuale tedesco di quell epoca pre-fascista: “l’Italia è il paese della porosità, dell’ indolenza e della passione per l’improvvisazione.“.
Alfred Sohn-Rethel, anche lui un filosofo vicino  alla Scuola di Francoforte,  ha scritto nel  1926 un breve saggio a Napoli titolato “Das Ideal des Kaputten“ (L’ideale del kaputt). “Un Napoletano – scriveva Sohn-Rethel – si interessa ad  una cosa tecnica solo quando è rotta. Una riparazione finale per un Napolitano è una cosa orrenda, impensabile…“.

Cosi abbiamo già un bell’ inizio per una conversazione sull’attrazione per un altro paese; così un tedesco può amare (e anche temere) la cultura italiana per la sua porosità, la sua imprevedibilità, la sua passione per l’improvvisazione e la sua forse involontaria capacità di riparare cose rotte. Tutto quello che per un tedesco, per un teutonico puro, assolutamente non rappresenta nulla in generale. Forse è solo un pregiudizio ma non credo perché io, tedesco, mi conosco molto bene. E, forse, proprio per la sua porosità l’Italia sembra cosi attraente per un tedesco.

Per non generalizzare troppo non parlo di un tedesco qualsiasi ma di me.
Sono nato 1950 nella parte estrema del nordovest tedesco, dove la terra è pianeggiante e costellata da fattorie. Almeno era cosi sessant’ anni fa. La mia infanzia ha odorato di stallatico. Al centro del nostro villaggio c’era ancora un fabbro che ferrava i cavalli. Nei miei ricordi d’infanzia si sente un po’ il profumo del primo Novecento ma sopratutto la puzza del nazismo finito solo cinque anni prima.
Tutto era molto semplice, provinciale, e soprattutto, molto chiuso verso il mondo. Dell’Italia si sapeva solo che la capitale era Roma e che il Papa viveva in Vaticano. Il Papa di allora, Pio XII. aveva una grande autorità nel mio ambiente familiare. E questa autorità parlava Italiano o Latino ma non tedesco. La regione dove ho trascorso l’infanzia era molto cattolica, quasi una Bassa Padana ai tempi di Don Camillo, ma senza Peppone.

Del resto, in quella parte della Germania del Nord Ovest è nato anche  Rolf Dieter Brinkmann, un poeta del cosiddetto Underground of the sixtees che ha scritto un acceso attacco alla cultura italiana titolato Rom, Blicke (Roma, sguardi).
Il mio punto di vista sull’Italia invece è stato, grazie a mia mamma, sempre opposto a quello critico di Brinkmann. Devo ringraziare mia madre se per l’Italia, con la sua storia, arte e cultura, ho  avuto fin dal primo momento una grande attrazione, viva ancora oggi, seppure un po’ meno forte.
All’inizio degli anni ’30 mia madre frequentò, assieme ad alcune sue amiche, una scuola cattolica di economia domestica a Vicarello, un  paesino sul lago di Bracciano. Da allora ha fatto spessissimo riferimento a quel periodo trascorso in quello sconosciuto Sud, un periodo che deve essere stato per lei felice, almeno a vedere le foto-ricordo e a sentire i racconti di quei mesi trascorsi così lontano!
Molte vicende della sua vita sono state certamente tristi, e solo raccontando la sua permanenza di tanti anni prima sul lago di Bracciano si leggeva la gioia sul suo volto: quell’esperienza tanto lontana nel tempo aveva  costituito per lei una sorta di ‘speranza di felicità’.
Forse quella speranza di felicità era anche per lei (e anche per me) un’ illusione, una attrazione costruita sulle sabbie mobili, uno di quegli ingressi falsi e porosi per entrare nel paese Italia.
Oggi lei non vive più, e io ho ricevuto da lei quella ’eredità italiana’: non è una eredità pesante ma di valore.

L’attrazione per l’Italia c’e ancora ma ha perso non poco di quella speranza di felicità’ (che non sono solo i beni culturali dell’Italia ma dell’Europa, di più, del mondo ), una speranza tradita dal livello bassissimo di tante trasmissioni televisive, dal consumismo come una nuova religione eccetera. Certo, e lo devo sottolineare, non sono fenomeni solo ‘all’italiana’: esistono più o meno forti anche negli altri paesi europei, anche nella mia Germania apparentemente cosi sana, pulita, ben ordinata, senza corruzione.
Antonella conosce benissimo la Germania, la sua attrazione per gli italiani, ma anche le sue ombre e debolezze. Dalla sua La deutsche Vita ho imparato moltissimo sul  mio paese d’origine; ma talvolta leggendo il suo  libro mi sono chiesto se Antonella abbia scritto un libro sulla Germania o sulla stessa Italia. Ecco ad esempio cosa scrive: “Perché è proprio il non piacersi, l’essere ipercritici con se se stessi uno dei tratti che più mi hanno colpito  del carattere nazionale di questo paese. La mia amica Susanne attribuisce  persino a questa scarsa benevolenza verso se stessi la ragione per cui sempre meno tedeschi sono disposti a riprodursi. Una specie di istinto culturale all’estinzione“.
Ma torno a me e il mio rapporto con Italia, la Heimat o l’Ex-Heimat o la Non-Heimat di Antonella…
Sono entrato in Italia col ‘vento rosso’ degli anni  Sessanta e Settanta. Ad Hannover, dove ho studiato abbiamo cantato durante le manifestazione politiche  canzoni antifasciste come Bella Ciao a Bandiera rossa. Abbiamo letto i primi libri di Massimo Cacciari e di Rossana Rossanda sulla Classe operaia in lotta. Per me personalmente i cattolici di sinistra come Don Enzo Mazzi a Firenze, Dom Giovanni Franzoni a Roma o Don Lorenzo Milani a Barbiana erano molto interessanti e stimolanti. Sandro Pertini è stato idealmente per me il nonno che avrei desiderato, Giorgio Bassani non è stato il padre preferito – per carità – ma sicuramente  uno scrittore che ho molto stimato.
Il suo Romanzo di Ferrara mi ha così profondamente colpito che, appena ne ho avuto la possibilità, ho acquistato a Ferrara un piccolo appartamento in un palazzo dentro la Mura. Da tredici anni sono molto legato alla città estense dove spesso sento un po’ del profumo e della luce  della mia infanzia.
Anche noi in Bassa Sassonia abbiamo avuto la nebbia autunnale. Anche da noi il paesaggio era un po’ simile a quello sul Po: basso, senza colline e con tante nuvole verso l’orizzonte. Questo era il paesaggio della mia infanzia e della mia gioventù.

la bici era per noi il mezzo principale per muoversi. La Chiesa era nel centro del Paese e delle piccole città. Ma attraverso i nostri amici ferraresi ho scoperto anche una cultura borghese che in Germania, dopo il fascismo, era quasi del tutto sparita: liberale e di sinistra e antifascista, quella che Mario Pannunzio, il fondatore de L’espresso ha definito: “progressista in politica, conservatrice in economia, reazionaria in costume“.  Anche per il mio impegno civile di oggi ho imparato molto dalla esperienza azionista d’allora, del Dopoguerra.

La cultura politica italiana ha avuto e ancora suscita in me una certa attrazione, nonostante i fenomeni oscuri ‘all’italiana’, molto conosciuti in tutto il mondo. Cito solo una forza importante, la presenza di un forte volontariato, proprio dentro la crisi della democrazia rappresentativa e del cosiddetto Welfare State: forse il volontariato è politicamente un po’ incerto ma ha una grande volontà di fare qualcosa, sia a livello locale sia a livello mondiale. Per questo la forte presenza degli italiani negli NGO-Networks in tutto il mondo è un segno significativo e confortante.

Ma forse anch’io sbaglio in tutto…
Non erro
per proteggermi dalle illusioni.
Preferisco persone
che limitatamente solo comprendo.
Incomprensioni,
una più bella dell’altra
quasi fossero arie musicali…



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Carl Wilhelm Macke

È nato nel 1950 a Cloppenburg in Bassa Sassonia nel nord-ovest della Germania. Oggi vive a Monaco di Baviera e il piu possibile anche a Ferrara. Lavora come scrittore e giornalista. E’ Segretario generale della rete globale “Giornalisti aiutano Giornalisti (www.journalistenhelfen.org) in zone di guerra e di crisi, e curatore dell’antologia “Bologna e l’Emilia Romagna”, Berlino, 2009. Amante della pianura.
Carl Wilhelm Macke

Ti potrebbe interessare:

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

  • lotus

    Parole a capo /
    Giovanni Drogo: Haiku di vita quotidiana

  • Addio Sandy!

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi