COMUNICATI STAMPA
Tempo di lettura: 2 minuti

Vincenzo Salemme, in un noto film, diceva che è solo una questione di fortuna se a vincere la guerra fredda è stato il blocco occidentale ed a trionfare sia stata la visione capitalistica. Forse è vero. Una semplice congiunzione di atti che si sono susseguiti, ed hanno decretato un modello quale vincitore. O forse no. Forse in realtà a vincere è stato il modello che fa più comodo, quello deresponsabilizzante, quello che fa cedere persino la libertà di dover scegliere le proprie azioni. Una dittatura mascherata da urna elettorale. Chi ha ragione, non è dato sapersi, ma fa sempre bene ascoltare qualcuno del passato, per poter affacciarsi sul futuro…

“Se vi sono classi e individui privi dei mezzi di produzione e quindi dipendenti da chi quei mezzi ha monopolizzati, il cosiddetto regime democratico non può essere che una menzogna atta a ingannare e render docile la massa dei governati con una larva di supposta sovranità, e così salvare e consolidare il dominio della classe privilegiata e dominante. E tale è, ed è sempre stata, la democrazia in regime capitalistico qualunque sia la forma ch’essa prende, dal governo costituzionale monarchico al preteso governo diretto.”
Errico Malatesta

Commenta

Ti potrebbe interessare:
UN FANTASMA SI AGGIRA PER IL MONDO
Contro lo sterile e violento esercizio iconoclasta
BERLINO, 26 GIUGNO 1963. JOHN F. KENNEDY:
«promuovere la libertà ovunque, oltre il muro per un giorno di pace e giustizia»
cambiamento, natura
EPOCA DI GRANDI CAMBIAMENTI…
o un vero e proprio Cambiamento d’Epoca?
CAMMINIAMO INDIFESI VERSO LA GRANDE CRISI
Sotto il vecchio e inefficace ombrello di Colao e Confindustria

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi