Home > COMUNICATI STAMPA > Maltempo dicembre 2013/marzo 2014: riconosciuto dal Governo lo stato d’emergenza

Maltempo dicembre 2013/marzo 2014: riconosciuto dal Governo lo stato d’emergenza

logo-regione-emilia-romagna
Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Assegnati 9 milioni e 700 mila euro per gli interventi di somma urgenza. La soddisfazione dell’assessore Gazzolo: “Le nostre richieste sono state ascoltate. Adesso al via il piano degli interventi”

Via libera dal Consiglio dei Ministri al riconoscimento dello stato d’emergenza per le province di Bologna, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Reggio-Emilia e Rimini, colpite tra dicembre 2013 e marzo 2014 da eccezionali avversità atmosferiche. Con la delibera approvata dal Governo il 30 giugno, all’Emilia-Romagna vengono assegnati 9 milioni e 700 mila euro per far fronte agli interventi di somma urgenza.
“Le nostre richieste sono state ascoltate – afferma l’assessore regionale alla Difesa del suolo Paola Gazzolo -. Si tratta di una risposta molto importante per un territorio così duramente colpito, nel tempo, da gravi calamità. Siamo molto soddisfatti della rapidità con cui il provvedimento è stato assunto”.
La dichiarazione dello stato d’emergenza giunge infatti a pochi giorni di distanza dalla conversione in legge del decreto 74/2014, che ha rifinanziato il Fondo per le emergenze nazionali con 100 milioni di euro. “È un provvedimento molto atteso – aggiunge Gazzolo -: i fondi messi a disposizione dell’Emilia-Romagna saranno impiegati per realizzare opere di somma urgenza per la sicurezza del territorio e delle popolazioni. Ora, assieme agli Enti locali, individueremo le priorità su cui agire immediatamente”.
A questo scopo nei prossimi giorni il capo del Dipartimento della Protezione civile, d’intesa con il presidente della Regione, emetterà un’ordinanza per consentire la definizione del piano degli interventi e la ricognizione dei danni a beni pubblici, privati e attività produttive. “Si tratta – conclude l’assessore – dell’ultimo passo necessario per il riconoscimento di ulteriori risorse da parte del Governo”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi