Home > COMUNICATI STAMPA > Manufactory Festival 2019

Da: Organizzatori
Manufactory Project

Torna a Comacchio il festival dedicato alla Street Art, dal 14 al 16 giugno 2019!!

con Man O ‘Matic, Sfhir, Solo, Diamond, Kikiskipi, Luca Ledda, Luogo Comune, Giulio Vesprini, Riccardo Buonafede e tanti altri

Torna a Comacchio per il secondo anno consecutivo Manufactory Project, il festival dedicato all’arte urbana ed al suo carattere camaleontico, con un programma ricco di nuovi interventi artistici e la realizzazione di vere e proprie opere d’arte pubblica a cura di grandi nomi del panorama internazionale.

3 giorni, 3 luoghi, 27 gli artisti coinvolti per la seconda edizione del festival, che in un solo weekend, dal 14 al 16 giugno, vedrà importanti esponenti della scena contemporanea marcare con la propria cifra stilistica muri ed edifici della piccola città lagunare, arricchendo di nuovi capolavori la Street Art comacchiese.

Comacchio e le sue valli, un territorio ricco di di storia, tradizione e natura, mostra ancora una volta il suo volto poliedrico ospitando Manufactory Project, un’occasione unica per unire arte contemporanea urbana con un meraviglioso territorio accogliente e pronto ad assorbire tutta l’energia dei 27 artisti che animeranno il prossimo fine weekend!

In questi giorni, grazie al prezioso lavoro dell’Associazione di promozione sociale Spazio Marconi, gestore del FabLab MakeInCo di Comacchio, si stanno pitturando le basi i prossimi interventi artistici presso lo Stadio Raibosola, il mercato ittico di Porto Garibaldi ed in via Cagliari, in prossimità della SS. 309 Romea a Lido degli Estensi. Già al lavoro anche Riccardo Buonafede, artista comacchiese che anche per quest’anno propone all’Amministrazione Comunale di dipingere alcuni muri di edifici ed opere pubbliche degradati, con lo scopo di riqualificare aree dismesse e abbandonate.

Diverse le collaborazioni a livello internazionale che vedono protagonista Buonafede. L’ultima, solo in ordine di tempo, è quella stretta con gli artisti Simone Carraro, Giulia Noeyes e Federico Manzone che insieme hanno realizzato l’opera “Stornelli d’Esilio”, con la collaborazione del Comune di Milano e l’Associazione “Bjcem” (foto in allegato). “Stornelli d’esilio” è solo un assaggio di quello che sarà realizzato a Lido degli Estensi, location di lavoro per Buonafede & Co. Insieme all’artista comacchiese lavoreranno all’opera anche gli stessi Carraro e Noeyes.

Da: Organizzatori

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi