12 Gennaio 2016

“Mein Kampf”, ovvero i dilemmi della ripubblicazione

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 4 minuti

di Carl Macke

Negli anni Cinquanta e Sessanta, gli anni della mia infanzia e gioventù, tutti i vecchi, dagli ex nazisti (tantissimi), agli antifascisti (pochi), arrivando fino agli indifferenti (la maggioranza), hanno sempre parlato del libro “Mein Kampf” (La mia battaglia) di Adolf Hitler come di un capolavoro letterario, anche se in verità lo dicevano sottovoce. In realtà quasi nessuno l’ha letto per davvero “Mein Kampf”, semplicemente perché è un libro terribilmente noioso e assai faticoso da leggere.
Devo confessare che quel brodo ideologico sulle razze e la razza germanica, sugli ebrei e “das deutsche Herrenvolk” (i tedeschi come signori del mondo) e così via non mi ha mai interessato granché. Erano cose ormai estranee in quegli anni, gli anni della modernizzazione della Germania del dopoguerra. E nemmeno la nuova edizione del libro, con il commento critico di storici e specialisti dell’epoca nazista, non è servita a stimolarmi alcun interesse.
Ora mi chiedo: per quale motivo, con un ritardo di settant’anni, qualcuno dovrebbe mettersi a leggere un libro di quasi duemila pagine come “Mein Kampf”? Il 31 dicembre 2015, trascorsi settant’anni dalla morte del Führer e a novant’anni dalla prima edizione, sono scaduti i diritti d’autore del libro. Nel ’45, dopo la capitolazione tedesca, gli Alleati avevano assegnato per competenza al Land della Baviera, che ne vietò la riedizione, la custodia dei diritti del “Mein Kampf”. Ma anche durante il periodo di clandestinità della sua pubblicazione tutti gli storici hanno parlato e discusso liberamente il suo contenuto sia nei dibattiti pubblici che nelle università. Si trattava sempre di discussioni serie e mai di glorificazioni di Hitler o del suo libro, un libro, va detto, noioso, confuso, fumoso e scritto male.
Ma al di fuori dei dibattiti seri e ufficiali, rimaneva sempre anche una grande curiosità, soprattutto da parte dei gruppi neonazisti, in fondo si trattava del manifesto del loro idolo Adolf Hitler. Tuttavia, ho il sospetto che nemmeno loro abbiano mai letto “Mein Kampf” fino in fondo. Per loro era sufficiente citare due o tre frasi di Hitler per legittimare, almeno a fior di labbra, l’odierna lotta contro il complotto globale degli ebrei o di altri presunti nemici della “vera cultura tedesca”.
Mi pare comunque giusta e doverosa la ripubblicazione del libro integrata da una corposa annotazione filologica con i commenti degli storici sulle bugie e l’odio di Hitler verso tutti i non appartenenti ai “veri germanici”. Non credo che questa nuova edizione possa creare pericoli politici o culturali di sorta nella Germania di oggi. Ma è anche vero che il contesto politico della pubblicazione, in questi giorni, non è affatto piacevole. Si sente dappertutto, e non solo nell’ex Germania dell’Est, un fortissimo vento populista ostile verso i profughi, soprattutto di fede islamica. L’antieuropeismo di oggi è un po’ come l’anticomunismo di una volta, ma ancora più feroce e aggressivo, fortemente contrario ai valori di un’Europa come quella sognata a Ventotene dopo il fascismo.
Con tutto ciò, una conservatrice protestante come Angela Merkel è diventata per la Destra tedesca, inclusi alcuni esponenti del suo stesso partito CDU, il “diavolo in persona” perché ha aperto le porte della Germania verso la “valanga straniera” che distrugge il “Modello Tedesco”. In questi giorni siamo testimoni della nascita di una strana alleanza politica “anti-Angela” tra l’ultra Sinistra e l’estrema Destra tedesca, unite insieme contro l’europeista e la “falsa buonista” Merkel. Forse stiamo assistendo alla nascita di una nuova Germania, spaccata in due tra l’apertura all’Europa e alla globalizzazione, e la chiusura, talvolta venata di razzismo, verso quelle culture extraeuropee che ora più di prima bussano alle sue porte.
Ma, in Germania, questa allarmante crescita populista di destra non può essere di certo influenzata dalla nuova pubblicazione dell’orrendo libro “Mein Kampf” di Hitler. Oggi il contesto storico è molto diverso, e non si può paragonare uno stato totalmente autoritario come quello del nazismo con uno stato democratico robusto come quello della Germania attuale, dotata di un fondamento costituzionale inequivocabilmente antifascista e antitotalitario.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Colloqui di Dobbiaco 2022
    Etica Animale e Cambiamenti Climatici nel piatto

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

  • rondini

    Per certi versi / La partenza delle rondini

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • IRAN: Dopo la morte di Mahsa Amini
    si riaccende in tutto il paese la rivolta delle donne

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi