Home > MEMORABILE / RUBRICA > MEMORABILE
Tormento, poesia e anarchia

MEMORABILE
Tormento, poesia e anarchia

Come anticipato la settimana scorsa, eccoci a parlare dell’inconsueta silloge poetica ‘Tormento. Poesia e Anarchia’, di Virgilia d’Andrea (1890-1933), una poetessa dell’anarchia: scrive e canta perché sente e vuole, e perciò riesce più vera e più efficace di tanti poeti maggiori. Scrisse di lei l’anarchico Errico Malatesta: «Virgilia D’Andrea si serve della letteratura come di un’arma; e nel folto della battaglia, in mezzo alla folla e in faccia al nemico, o da una tetra cella di prigione, o da un rifugio amico che alla prigione la sottrae, lancia i suoi versi come una sfida ai prepotenti, uno sprone agli ignavi, un incoraggiamento ai compagni di lotta». È questa un’altra rara e preziosa chicca del catalogo Tiemme Edizioni Digitali (www.tiemme.onweb.it), distribuita in tutte le librerie on-line.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
La nuvola della libertà
PER CERTI VERSI
L’albo delle fotografie
PER CERTI VERSI
Il vuoto
PER CERTI VERSI
Il battito

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi