Home > COMUNICATI STAMPA > Mercati e fiere
Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Mauro Camattari, Comune di Comacchio

MERCATI E FIERE
PUBBLICATO L’AVVISO PER IL RINNOVO DELLE CONCESSIONI

Il Servizio Attività Produttive e Commercio del Comune di Comacchio, con pubblicazione di specifico
avviso ha avviato il procedimento d’ufficio per il rinnovo delle concessioni per l’esercizio delle attività
di commercio su aree pubbliche in scadenza entro il 31 dicembre 2020, in recepimento delle linee guida
adottate dal Ministero dello Sviluppo Economico con decreto del 25 novembre 2020 e nel rispetto delle
prescrizioni previste dalla deliberazione della Giunta Regione Emilia Romagna n. 1835 del 7dicembre
2020.
Il rinnovo si riferisce a tutti i posteggi dei mercati annuali e stagionali, a quelli di due fiere e ai posteggi
isolati presenti sul tutto il territorio comunale, per un numero complessivo di 631 posteggi.
Sono interessate dalla procedura di rinnovo le aziende titolari delle concessioni, sia che esercitino l’attività
direttamente, sia che l’abbiano conferita in gestione temporanea ad altre aziende.

Le aziende entro il 28 febbraio 2021 dovranno inviare al Comune una comunicazione, tramite modello
appositamente predisposto, contenente i dati necessari per l’effettuazione delle verifiche d’ufficio.
Il procedimento terminerà con il rinnovo delle concessioni entro il 30/06/2021.
Le nuove concessioni saranno efficaci fino al 31 dicembre 2032.
Il procedimento per il rilascio delle concessioni fa seguito alla mancata riassegnazione delle concessioni
per il commercio su aree pubbliche, prevista con un bando pubblicato dal Comune di Comacchio nel
dicembre 2016, in attuazione della c.d. direttiva Bolkestein, che prevedeva l’assegnazione di tali
concessioni mediante procedure selettive ad evidenza pubblica. Sebbene secondo le indicazioni
regionali il bando dovesse chiudersi entro il 2017, il Comune di Comacchio non ha mai portato a
termine il procedimento e non ha approvato alcuna graduatoria di assegnazione. Nel 2019 il panorama
normativo è quindi mutato e la materia del commercio su aree pubbliche è stata sottratta alla direttiva
Bolkestein, fatti salvi i casi di riassegnazione a seguito di bandi già conclusi.
Poiché il Comune di Comacchio non ha concluso il bando, tutti gli atti connessi a tale procedura sono
ora decaduti.

“Il Comune di Comacchio è uno dei pochissimi Comuni in Emilia Romagna”, evidenzia l’assessore al
Commercio Luca Bergonzi, “a non avere portato a termine il bando di assegnazione delle concessioni,
risalente, lo sottolineo, al 2016. II silenzio del Comune protratto per anni, ben oltre quindi il termine
entro il quale si sarebbe dovuto concludere il procedimento di assegnazione, non solo ha disorientato
gli operatori, gettando nell’incertezza centinaia di imprese, ma potrebbe in alcuni casi aver leso le
legittime aspettative di coloro che hanno fatto affidamento su un bando mai concluso e poi decaduto
per mutamento del quadro normativo.
Poiché la situazione che abbiamo ora accertato appare legata a condotte non comprensibili, in piena
trasparenza stiamo valutando l’opportunità di trasmettere gli atti alle competenti autorità di controllo,
affinché sia possibile verificare eventuali profili di responsabilità.
Il nostro impegno”, conclude l’Assessore, “è ora quello di portare ordine e fare finalmente chiarezza su
un settore rilevante dell’economia locale e fino ad oggi troppo trascurato, garantendo risposte certe in
tempi certi.”

L’avviso e tutte le informazioni necessarie per effettuare le comunicazioni di rinnovo delle concessioni
sono reperibili sulla home page del sito istituzionale del Comuna di Comacch

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi