COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Mercoledì 9 marzo all’Ariostea verrà svelato un documento inedito sui Templari a Ferrara

Mercoledì 9 marzo all’Ariostea verrà svelato un documento inedito sui Templari a Ferrara

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa Faust Edizioni

Faust & friends
Presentazione di un saggio storico sui templari in Emilia-Romagna.
Verrà proiettato un documento inedito su un ‘mitico’ cavaliere ferrarese: si tratta della scoperta locale più importante, dopo la pergamena del ‘300 ritrovata da monsignor Samaritani.

Biblioteca Ariostea (Sala Agnelli)
Via delle Scienze 17 – Ferrara
Mercoledì 9 marzo 2016, ore 17

È in programma un nuovo appuntamento della rassegna letteraria “Faust & friends”, ideata dall’editore e promotore culturale ferrarese Fausto Bassini, la quale ha già visto protagonisti, la scorsa estate, scrittori di fama nazionale e internazionale come Eraldo Baldini, Fulvio Abbate, Roberto Pazzi e Gianfranco Stella.
Mercoledì 9 marzo alle ore 17, presso la Sala Agnelli della Biblioteca Ariostea, sarà ospite Evelin Leva, autrice del volume fresco di stampa L’Ordine del Tempio a Bologna e Modena: fra’ Pietro da Bologna, fra’ Pietro da Montecucco (edizioni Penne e Papiri, collana di Storia medievale).
Dopo molti anni di lavoro, iniziati con la stesura della tesi di laurea, ha preso vita una pubblicazione che vuole circoscrivere uno spaccato di vita dei ‘mitici’ Cavalieri Templari nelle città di Bologna e Modena tra il ‘200 e il ‘300. Questo lavoro, ricco di documenti inediti, riporta alla luce personaggi più o meno famosi, delineando la storia dell’Ordine del Tempio nel periodo di maggiore e fervente attività, ma anche di inesorabile declino.
Ne parlerà con l’autrice Paolo Bernardoni, vicepresidente dell’Accademia del Frignano “Lo Scoltenna”.
Con la partecipazione straordinaria di Paolo Sturla Avogadri, storico e saggista concittadino.
Saranno proiettate immagini sulla vita templare nelle nostre terre
Nel corso dell’evento, la studiosa svelerà il nome di un cavaliere templare della magione di Ferrara! Si tratta della scoperta archivistica più importante, sui Cavalieri Templari nelle nostra città, dopo la pergamena del 1376 rinvenuta oltre vent’anni fa da monsignor Antonio Samaritani, nella quale trovarono conferma le ipotesi già formulate da Paolo Sturla Avogadri.

EVELIN LEVA dal 2003 si occupa di studi archivistici sull’Ordine del Tempio. Laureata all’Università di Perugia con una tesi sui “Templari e Giovanniti in Emilia-Romagna”, prosegue le ricerche sull’argomento collaborando a riviste di settore.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi