COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Mesola protagonista del videoclip “Gianna” di Rino Gaetano

Mesola protagonista del videoclip “Gianna” di Rino Gaetano

Shares

Da: GAL Delta Duemila – Progetto INNOCULTOUR

Mesola protagonista del videoclip “Gianna” di Rino Gaetano, presentato in anteprima mondiale al Festival Internazionale del Videoclip a Cesena

L’intramontabile “Gianna” di Rino Gaetano festeggia il 40esimo anno e, per celebrarla al meglio, è stato realizzato un videoclip ambientato nello scenario unico del Parco del Delta del Po, in due delle sue perle: Cervia, con le sue saline, il mare e il patrimonio storico del suo centro storico; e la metafisica Mesola, di cui rimane indelebile la presenza dei duchi estensi nel Castello e la bellezza e unicità del Bosco della Mesola.

Il video, opera del regista Stefano Salvati, è stato girato tra Mesola e Cervia, in Emilia Romagna, ed è sostenuto da DELTA 2000, capofila del progetto INNOCULTOUR, finanziato con il programma Interreg-V-A Italia Croazia.

L’unicità e la straordinarietà del video l’hanno fatto inserire di diritto nel programma di IMAGinACTION – Festival Internazionale del Videoclip, all’interno della rassegna “Capolavori immaginati”, che ospita videoclip di grandi successi della musica italiana che non hanno mai avuto un video ufficiale. In quest’ambito, il video è stato
presentato in anteprima mondiale sabato scorso al Teatro Bonci di Cesena, gremito di pubblico.

La scelta di realizzare un video clip nello scenario del Delta del Po con protagonista una delle canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana, nasce dalla proposta della Daimon Film di unire la tradizione di un patrimonio culturale ed ambientale come quello del Delta del Po, ad un brano musicale ancora oggi diffuso anche tra i giovani. L’idea di creare connubio tra industria creativa, arti musicali ed espressioni digitali intende raggiungere e parlare alle giovani generazioni, narrando con gli strumenti e le tecniche tanto note ai nativi digitali quelle che erano moderne poesie per i giovani – ora i loro genitori – negli anni Settanta.

“E’ una opportunità importante – sottolinea il presidente di DELTA 2000, Lorenzo Marchesini – per promuovere il territorio del Delta del Po attraverso le nuove modalità di comunicazione, brevi ma di forte intensità, che sono capaci di coniugare la storia che ci contraddistingue e un territorio unico come quello del Delta del Po, con le nuove tendenze della comunicazione, esaltando nel contempo artisti e brani musicali che ancora e sempre echeggiano nell’aria”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi