Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > Multo utile et humile et pretiosa et casta

Multo utile et humile et pretiosa et casta

Tempo di lettura: < 1 minuto

di Maria Luigia Giusto

In questa stagione di acqua che compare in diverse forme viene da domandarsi come potremmo viverne senza. L’acquazzone che inonda i marciapiedi e fa correre al riparo sotto i tetti sporgenti ne ricorda la potenza. La nebbia in strati di velo e di fumo placa e rallenta la frenesia quotidiana. La brina cristallina sui bordi fogliari disegna rilievi scolpiti nella natura delle cose fragili. Le goccioline che impregnano il labbro ad un complimento scaturiscono dal nostro pozzo interno. L’acqua siamo noi.

“Ma guardate l’idrogeno tacere nel mare, guardate l’ossigeno al suo fianco dormire. Soltanto una legge che io riesco a capire ha potuto sposarli senza farli scoppiare”
Fabrizio De Andrè

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
The Real Thing
(di Facebook, Coca-cola e altri accidenti)
FOGLI ERRANTI
La zucchina
Cernobil. Orto abbandonato
ČERNOBYL
una scodella abbandonata, un papavero sul cemento
PRESTO DI MATTINA
L’amicizia è metà della vita

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi