COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Museo Civico Di storia Naturale Apertura Straordinaria

Museo Civico Di storia Naturale Apertura Straordinaria

Tempo di lettura: 5 minuti
Da: Museo Civico Di Storia Naturale
StoriaNaturaleNews n.226, dicembre 2018
Dettaglio albero di Natale 2018Mercoledì 26 dicembre 2018:
apertura straordinaria

In occasione delle festività di fine anno, il Museo sarà aperto al pubblico in via straordinaria nel pomeriggio di mercoledì 26 dicembre, dalle ore 13.00 alle 18.00.

*******

Vacanze al Museo… esplorando la Natura!
Logo Vacanze invernali al museoPer il secondo anno consecutivo, l’Associazione Didò in collaborazione con il Museo di Storia Naturale di Ferrara organizza dei campi invernali per trascorrere le vacanze natalizie con divertenti laboratori scientifici, giochi e percorsi di esplorazione nelle sale museali: ogni giorno un tema diverso e la possibilità di portare a casa un ricordo delle attività svolte.

Tra le varie proposte:
VULCANI – UNA GIORNATA PREISTORICA – DINOSAURI – MONDO AL MICROSCOPIO – GLI ANIMALI DEL MUSEO

Iscrizioni entro il 22 dicembre 2018.
I campi saranno attivi il 27 e il 28 dicembre e dal 2 al 4 gennaio.
L’orario sarà DALLE 09.00 ALLE 17.00 con possibilità di estensione. Si rivolge a ragazze e ragazzi dai 6 ai 12 anni. Quota giornaliera € 30,00 (sconti per fratelli, prenotazioni multiple o iscrizione per mezza giornata).
Per informazioni e prenotazioni: dido.storianaturale@gmail.com, 338.8927787 / 339.3065696, fax 0532.210508.

IL CAMPUS SARÀ ATTIVATO CON UN MINIMO DI 10 ISCRITTI
Per partecipare, compilare i moduli allegati ed inviarli a Didò:
campi-invernali-2018-19-volantino.pdf
programma-regolamento-campi-invernali-2018.pdf
modulo-iscrizione-campus-invernale-2018.pdf

*******

Biodiversità: buone notizie dal Bosco della Mesola

Nell’augurarvi Buone Feste per questo fine anno 2018 e l’inizio del 2019, desideriamo allietarvi con una bella notizia.
Un gruppo di ricercatori collegati al Museo di Storia Naturale di Ferrara ha ritrovato nel Boscone della Mesola l’Acinopo delle sabbie (Acinopus ammophilus), un coleottero che a Mesola non si vedeva da venticinque anni, nonostante gli studi sulla fauna del Bosco non si siano mai interrotti.
L’acinopo appartiene alla famiglia dei Carabidi, un gruppo indicatore dello stato di conservazione della biodiversità. E’ lungo due-tre centimetri e vive all’interno di gallerie caratteristiche, scavate nella sabbia; si nutre dei semi di una leguminosa particolare, Medicago minima. L’azione di trasporto ed accumulo dei semi nelle tane contribuisce alla ridistribuzione della pianta sul terreno.
Acinopus ammophilus
In Italia l’Acinopo delle sabbie è molto raro: sembra essere rimasto solamente in Emilia-Romagna e Basilicata e, nella nostra regione, l’unica stazione segnalata da tempo è appunto quella del Bosco della Mesola. La popolazione era quasi scomparsa a causa del pascolo eccessivo e del calpestio troppo intenso in particolare dei daini, che negli scorsi decenni avevano raggiunto punte di 600 esemplari. Il nuovo ritrovamento del coleottero è probabilmente legato al successo dei piani di contenimento dei daini, che hanno consentito la ripresa della popolazione.
L’acinopo è stato trovato nella grande radura chiamata Parco delle Duchesse: la popolazione è presente solo in quella radura e, ora che i daini non sono più una minaccia, il coleottero va difeso dalla predazione eccessiva da parte di tassi e volpi che scavano nella sabbia per snidare l’insetto.
La specie è protetta dalla legge regionale sulla fauna minore.
La ricerca è stata pubblicata nel numero 6 della rivista scientifica “Quaderni del Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara”, http://storianaturale.comune.fe.it/92.
Foto di Daniele Maccapani.

**********

Nanomondo: Viaggio nel mondo fino alla -9, dal 27 Ottobre 2018 al 16 Giugno 2019

Tutti riconosciamo l’esistenza di un mondo molto più grande di quello a misura d’uomo, popolato da pianeti, stelle, buchi neri, e sappiamo come osservarlo: attraverso un telescopio. Ma esiste anche un mondo infinitamente piccolo e anch’esso si può osservare!​​ Ma come? Attraverso un microscopio elettronico.

La mostra è compresa nel percorso del Museo, visibile senza costi aggiuntivi.

OFFERTA DIDATTICA
In occasione della mostra, l’associazione Didò, in collaborazione con il Museo di Storia Naturale, propone visite guidate e laboratori tematici.
Per maggiori informazioni consultare il seguente materiale informativo locandina-nanomndo.pdfbrochure-nanomondo-esterno.pdf brochure-nanomondo-interno.pdf

**********

Indagine sugli utenti del Museo

Lavoro al pc

Il Museo di Storia Naturale è un istituto antico. Molte sono le vicende che ha attraversato nella sua storia e molti sono stati i cambiamenti avvenuti nelle conoscenze scientifiche e nel modo di comunicare la scienza.

Stiamo realizzando una ricerca per valutare l’indice di gradimento e le esigenze del pubblico del Museo Civico di Storia naturale.

Le saremmo pertanto grati se volesse dedicare pochi minuti del suo tempo per rispondere al seguente questionario online.

Le informazioni che ci fornirete ci saranno d’aiuto, in vista dei prossimi aggiornamenti del percorso espositivo e del nostro sito web.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi