Home > IL QUOTIDIANO > Né cattivi né primitivi: cronaca della criminalizzazione dei No Tav

Né cattivi né primitivi: cronaca della criminalizzazione dei No Tav

Shares

Complesso di ‘Nimby’, acronimo che sta per: Not In My Back Yard. Wikipedia lo descrive come “atteggiamento che si riscontra nelle proteste contro opere di interesse pubblico o non, che hanno, o si teme possano avere, effetti negativi sui territori in cui verranno costruite, come ad esempio grandi vie di comunicazione, cave, sviluppi insediativi o industriali, termovalorizzatori, discariche, depositi di sostanze pericolose, centrali elettriche e simili. L’atteggiamento consiste nel riconoscere come necessari, o comunque possibili, gli oggetti del contendere ma, contemporaneamente, nel non volerli nel proprio territorio a causa delle eventuali controindicazioni sull’ambiente locale”.

Naturale dunque che l’etichetta venga pregiudizialmente appiccicata al Movimento No Tav della Val di Susa dai critici di varia estrazione: sono montanari primitivi, nemici del progresso, che protestano perché non riescono a guardare al di là della propria valle. E attraverso questa de-politicizzazione della protesta si tenta, all’inizio, di renderla innocua. Poi però arrivano gli anni 2000, il movimento dà prova di capacità tutt’altro che primitive. Gli attivisti elaborano dati e acquisiscono elementi conoscitivi e quindi costruiscono un sapere differente: “i No Tav hanno ragione perché così dicono i risultati che hanno raggiunto gli studi tecnico-scientifici degli esperti”, una mole di lavori e di conoscenze che difficilmente si ritrova nelle altre esperienza di protesta sociale. Mettono in pratica un modello alternativo di progresso e portano avanti pratiche di partecipazione dal basso, facendosi sostenitori di una visione non convenzionale della democrazia. È quello che è accaduto con l’“acquisto collettivo dei terreni” nei pressi delle aree di cantiere o con la “Libera Repubblica della Maddalena”, il presidio permanente a Chiomonte: da maggio a giugno 2011, quando viene sgomberato dalle forze dell’ordine, è stata “un’esperienza importante di due mesi di autogestione”. E quindi bisogna cambiare strategia, non più il muro di gomma che finge di ignorare la protesta, ma la criminalizzazione e la creazione di un nemico, con la comparsa della categoria del ‘terrorismo’. Cattivi sono personaggi sovversivi, affiliati a gruppi insurrezionalisti variamente nominati – anarchici, black bloc, attivisti dei centri sociali – sempre pronti a fronteggiare lo Stato agendo attraverso forme illegittime: questi ‘professionisti della violenza’ sarebbero stati in grado di trascinare nelle loro modalità d’azione i valligiani più primitivi. Se non fosse che anche questa seconda narrazione viene neutralizzata, attraverso “la conoscenza reciproca e i processi di socializzazione e solidarietà” che il movimento mette in atto anche grazie alla sua intergenerazionalità.

A parlare mercoledì pomeriggio nella sala al terzo piano di Palazzo San Crispino – sede della libreria Ibs+Libraccio – è Alessandro Senaldi, autore di ‘Cattivi e primitivi. Il movimento No Tav tra discorso pubblico, controllo e pratiche di sottrazione’ (Ombre Corte, 2016), scritto nella doppia veste di ricercatore sociale e di militante, già nel Laboratorio Crash di Bologna e ora per lo più nella galassia dei movimenti per la casa. Sì perché per descrivere e analizzare un conflitto che dura ormai da più di venticinque anni l’autore adotta un approccio etnografico ed esplicitamente militante, facendo ricorso alla propria esperienza di attivista. “Ci sono due verità – continua Senaldi – quelli che considerano la Tav un’opera necessaria e i No Tav che sono contrari”. “Ho voluto dare spazio ai senza voce”, racconta il ricercatore, attraverso l’osservazione diretta, o meglio “partecipante”, delle forme organizzative e delle azioni del movimento e “una trentina di interviste”, che senza quella partecipazione e quindi la creazione di un rapporto di fiducia con gli attivisti sarebbero state difficili da realizzare. Insomma non aspettatevi un saggio accademico asettico e ‘politically correct’, ma un vero e proprio contro-discorso e una contro-narrazione dal punto di vista dei cattivi e primitivi montanari.

Il testo poi analizza anche “i processi di criminalizzazione e le tecniche di controllo”, quello che Foucault avrebbe chiamato “disciplinamento”, come spiega Senaldi, attraverso i quali i mezzi d’informazione e gli attori riconducibili a quella che l’autore nel testo definisce “compagine istituzionale” o “statale” (forze dell’ordine e magistratura) provano a screditare e delegittimare la mobilitazione valsusina. Ne risulta una narrazione della “dinamica fra il livello repressivo, le forme di resistenza messe in atto dal movimento e il cambiamento che tutto ciò comporta”.
A questo proposito Alessandro Senaldi parla di “diritto alla resistenza” e di “azioni radicali”: “non è lo stesso tipo di violenza di una rissa al bar, la violenza politica è diversa proprio perché c’è quell’aggettivo, ‘politica’. Proprio per questo si tenta di depoliticizzare il gesto in modo che rimanga solo la violenza”. E come attivista aggiunge che la sfida dei movimenti sociali è “riuscire a far capire che dietro ad azioni radicali c’è una struttura di valori e una possibilità di alternativa di società”.
Parole che al giorno d’oggi, nel tempo che ci è stato dato in sorte di vivere, ma forse non solo nel presente, impongono una grande consapevolezza della pericolosità dello strumento che si ritiene legittimo usare nell’agone politico e dunque un grande senso di responsabilità: in altre parole se si ammette la violenza come uno degli strumenti della politica, bisogna poi essere pronti ad affrontare le conseguenze delle azioni radicali messe in atto.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Una ragazzina di nome Greta
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Essere di parola
Le proteste antisistema che rigenerano il sistema
Su una panchina rossa, in bilico fra amore e violenza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi