Home > COMUNICATI STAMPA > Nelle ex-Industrie Caproni di Predappio (Fc) inaugurato “Ciclope” il laboratorio per misurare la turbolenza

Nelle ex-Industrie Caproni di Predappio (Fc) inaugurato “Ciclope” il laboratorio per misurare la turbolenza

Tempo di lettura: 4 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Ricerca, inaugurato oggi “Ciclope” il laboratorio per svelare i segreti della turbolenza realizzato alle ex-Industrie Caproni di Predappio (Fc). Il presidente della Regione Stefano Bonaccini: “Questo laboratorio è la dimostrazione di come si possa stare all’avanguardia della ricerca nel mondo. Ne siamo orgogliosi”

«Questo laboratorio è la dimostrazione di come si possa stare all’avanguardia della ricerca nel mondo. Anche per questo siamo orgogliosi di questo progetto e di essere qui. E dall’Emilia-Romagna vogliamo contribuire ad andare fieri di questo Paese che, purtroppo, si rappresenta spesso peggio di come è in realtà. Oggi l’alternativa è tra due Italie: una che protesta e si piange addosso e quella che c’è qui che, invece, si rimbocca le maniche e punta sul proprio sudore e le proprie intelligenze, per costruire speranza e futuro».
Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini all’inaugurazione, di questa mattina a Predappio (Fc) del laboratorio Ciclope (Centre for International Cooperation in Long Pipe Experiments), realizzato alle ex-industrie Caproni di Predappio e progettato per misurare, per la prima volta al mondo con la necessaria precisione, tutte le quantità rilevanti per descrivere i flussi turbolenti vicino alla parete. Con Bonaccini, tra gli altri, il rettore dell’Università dio Bologna Ivano Dionigi e l’assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi.
Bonaccini – ricordando l’inaugurazione della risonanza magnetica nucleare dell’Irst di Meldola (che completa l’offerta di strumentazioni per la diagnostica ad alta specializzazione, diventando così una realtà all’avanguardia in Italia e in Europa nel campo della cura, della ricerca e della formazione in campo oncologico) e il via libera della Commissione europea al commercio del primo farmaco al mondo a base di cellule staminali prodotto in Emilia-Romagna da Holostem (uno spin off del Centro di medicina rigenerativa dell’Università di Modena e Reggio Emilia) – ha aggiunto che «l’affermazione della capacità innovativa del sistema della ricerca regionale fonda i suoi successi anche di livello mondiale proprio sulle partnership virtuose pubblico-privato. Proprio come questo laboratorio che da l’idea dell’altezza, ciclopica, delle cose che facciamo. Dimostrando come si possa eccellere non solo a livello territoriale, ma anche a livello internazionale».
Inoltre ha concluso il presidente della Regione Stefano Bonaccini «dagli investimenti in ricerca e innovazione possono essere poste le basi per creare anche nuova e buona occupazione, la qualità dei prodotti e dei processi. Ciò passa anche dalla capacità di attrarre e spendere bene i fondi europei e di una maggior propensione, delle imprese, ad aggregarsi e internazionalizzarsi».
L’assessore regionale Palma Costi ha evidenziato « l’importanza del laboratorio Ciclope nell’ambito dello sviluppo dell’industria aerospaziale in Emilia-Romagna. Inoltre rimane fondamentale il ruolo della Regione che, attraverso Por-Fesr, garantisce 140 milioni di euro per la ricerca e l’innovazione, settori è in grado di creare occupazione e attrarre imprese e capitali».
Il laboratorio – che fornisce una piattaforma sperimentale, unica al mondo per precisione e qualità dei dati, per lo studio della turbolenza ad alti numeri di Reynolds – è stato realizzato all’interno dei tunnel delle ex-industrie Caproni a Predappio, concessi in comodato gratuito all’Università di Bologna dall’Aeronautica Militare Italiana. Le risorse per il progetto sono state messe in campo dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito dei programmi europei Obiettivo 2 e Por-Fesr e dall’Università di Bologna. Dimensioni dei tunnel, stabilità delle caratteristiche ambientali e ‘assenza di disturbi esterni, permetterà a Ciclope di ospitare attrezzature capaci di riprodurre le fenomenologie tipiche dei flussi reali garantendo un’estrema qualità dei dati misurati.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi