Home > AVVENIMENTI > Il senso per la neve di Sendai: giapponesi in tacchi a spillo e scarpe di cuoio sotto la bufera

Il senso per la neve di Sendai: giapponesi in tacchi a spillo e scarpe di cuoio sotto la bufera

Nevicata da medagli d'oro a Sendai!

Da SENDAI – Tre settimane fa è iniziato a nevicare e, dopo il primo giorno, la nevicata aveva già guadagnato la medaglia di bronzo fra le più intense nevicate degli ultimi 45 anni avvenute a Sendai, Giappone settentrionale. Poi ha continuato a nevicare, e giovedì 13 febbraio la nevicata ha finalmente guadagnato la medaglia d’oro come la più importante di sempre, raggiungendo “quota” 40!!! Andando sul particolare: i primi eventi hanno registrato neve ghiacciata e secca, poi neve umida e pesante, ultima nevicata con neve “saccarina”… non sto scherzando, è proprio il termine tecnico, anni fa feci un corso di nivologia, ossia scienza che studia le caratteristiche fisico-chimiche della neve.
Comunque, dopo l’evento i cittadini di Sendai ne andavano orgogliosi, tanto che associavano al giornaliero “SSSamui ne!!!” (“fa freddo eh!”) un sorriso ed uno sguardo orgoglioso, ma la città era andata in tilt. Alcuni giorni fa Yasu, il mio amico e collega universitario, aveva prenotato in un ristorantino tradizionale, gestito da una signora gentilissima che non può servire più di dieci coperti a serata. Yasu era tutto contento perché dalla signora si gustano piatti rari e ricercati, ma in particolare perché andare lì significa bere birra e sakè a volontà! Purtroppo però la copiosa nevicata ha di fatto paralizzato il traffico di Sendai, bloccato ogni attività e cancellato ogni appuntamento, tra cui la nostra “alcolica” cenetta.

sendai-grande-nevicata-13-febbraio-2014

Sendai, la grande nevicata del 13 febbraio

La città si trova al livello del mare, esiste anche il porto commerciale, mentre il campus universitario è su una collina alta un po’ più di 100 metri. I tre tornanti che portano dal campus universitario alla città rappresentano la via per l’inferno per i poveri giapponesi. Sono sufficienti infatti pochi centimetri di neve per creare tamponamenti o auto fuori strada. Infatti, quella sera il traffico sulla collina era completamente bloccato perché ci sono stati “molti incidenti”… forse tre o quattro, ma sufficienti per passare la notte al gelo, viste le lunghe procedure di valutazione dell’incidente (i giapponesi sono precisi).

La mattina dopo Sendai si è svegliata sotto un sole stupendo che illuminava il bianco candore della nevicata della sera precedente. Ma i giapponesi erano nel panico totale! Ho visto gente con catene montate che guidava ai 10 chilometri all’ora sui viali del centro, automobilisti con la testa fuori dal finestrino per meglio riconoscere le insidie della strade (ma c’è la neve non la nebbia!!!). Anche se la neve è lungo i bordi delle strade, i giapponesi montano le catene.

sendai-grande-nevicata-del-13-febbraio-2014

Sendai, la grande nevicata del 13 febbraio

I pedoni invece, abituati a sfrecciare camminando sui larghi marciapiedi, devono assumere il famigerato “passo da ghiaccio”: chinati su se stessi, concentrati a riconoscere qualsiasi piccola asperità del marciapiede innevato, si muovono con piccoli passi ad alta frequenza, ancheggiando con le braccia penzolanti lontane dal corpo per aumentare l’equilibrio! Se incroci il loro sguardo capisci che: “Lascia stare! Sono impegnatissimo! Non vedi che si può scivolare?”.

Ovviamente le ragazze portano tacchi a spillo e gli uomini (specialmente i business-men, quelli eternamente in giacca nera, cravatta e valigetta porta documenti) non possono fare a meno delle loro scarpe di pelle nera con suola rigorosamente liscia e rigida di cuoio. Le espressioni dei volti intenti in questi atti di generoso equilibrismo circense sono davvero strane. Mi sa che il teatro Kabuki sia stato proprio suggerito al suo fondatore dai gesti dei suoi concittadini durante una copiosa nevicata!

Morale: noi ferraresi non lamentiamoci troppo delle buche attorno ai marciapiedi del Castello, potrebbe sempre andar peggio… trovarsi sotto una copiosa nevicata su un largo marciapiede a Sendai! Ed incrociando lo sguardo con un giapponese intento nel suo passo da ghiaccio, esclamare: “Ehi! Fat’in là! Chi ass’ slissa c’am par d’essar in cusina ad mié muier quand la friz i grustal!”.

Davide Bassi è ricercatore e professore aggregato in Paleontologia e Paleoecologia del Dipartimento di Fisica e scienze della terra dell’Università degli studi di Ferrara. A Sendai è visiting professor presso la Tohoku University Museum (Institute of Geology and Paleontology, Graduate School of Science)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA VIGNETTA
Operai al fronte
Stranezze dal Giappone: c’è una bicicletta Bianchi in strada
Stranezze del Giappone: antica tradizione e moda occidentale a braccetto
Riflessioni sul ruolo del debito pubblico

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi