Home > PARTITI & DINTORNI > No alla svolta autoritaria che si prepara con l’Italicum elettorale e la riforma del senato

No alla svolta autoritaria che si prepara con l’Italicum elettorale e la riforma del senato

Tempo di lettura: 4 minuti

da: Gentedisinistra e Libertà e Giustizia

Appello di Gentedisinistra e Libertà e Giustizia alla Ferrara democratica

L’accordo politico-istituzionale tra Renzi e Berlusconi sta portando a modifiche della Costituzione e della legge elettorale in senso autoritario, con l’aggravante che, facendo parte dell’accordo anche il segretario del Pd, le riforme autoritarie che furono di Berlusconi oggi non trovano adeguata opposizione come se la cosa fosse meno grave secondo chi la compie.
Vogliono una legge elettorale che peggiora i vizi di incostituzionalità per cui la Corte Costituzionale ha annullato il ’porcellum’: assegna premi di maggioranza esorbitanti anche a forze minoritarie solo perché hanno un voto in più di altri, condannati al silenzio a causa di sbarramenti abnormi che escludono la rappresentanza per milioni di cittadini, con un’idea di stato in cui il premier la fa da padrone e dove non è ammesso il confronto tra diverse istanze sociali; la democrazia è considerata un inciampo e la sovranità popolare un ferro vecchio. Accanto a questo si prepara una riforma del senato che, al di la degli accenti populisti di chi la propone, lungi dall’armonizzare politiche locali e nazionali e dal rappresentare organo di garanzia e dei diritti, in realtà aumenta il peso dei partiti ed elimina quello degli elettori privati del diritto di votare i senatori, crea una camera di nominati dai partiti maggiori che, pur senza essere stata eletta dal popolo, potrà votare le leggi più importanti, cioè le leggi costituzionali e di modifica della Costituzione oltre a nominare gli organi di garanzia costituzionale. Un solo partito, grazie a premi di maggioranza e senatori nominati, potrebbe legiferare e cambiare la Costituzione a suo piacimento senza rappresentare la maggioranza del popolo. Questi gravi stravolgimenti si appresta a votarli un parlamento delegittimato perché eletto con una legge dichiarata incostituzionale, seguendo disegni politici di bottega. Non si è risposto nemmeno all’istanza di una maggiore eguaglianza tra uomini e donne nelle istituzioni ma, anche tale istanza, non può trovare veramente spazio in un’operazione complessivamente autoritaria: non è certo nell’interesse e nella storia del movimento delle donne avere qualche deputata in più in un contesto di affossamento della democrazia e della sovranità popolare. Si tratta quindi di leggi e riforme incostituzionali, contro i cittadini e contro la democrazia, imposte impedendo ogni reale dibattito. Chi cerca di riflettere e fare proposte serie, come il Presidente del Senato Grasso, viene arrogantemente tacciato di conservatorismo, la voce dei migliori costituzionalisti viene ignorata e irrisa. Noi non siamo contro le riforme, come vorrebbe la propaganda che sbandiera una mistica del cambiamento a prescindere dai contenuti: siamo per riforme serie tra cui il superamento del bicameralismo perfetto, ma chiediamo cambiamenti che aumentino la democrazia e la partecipazione dei cittadini mentre con le leggi ora in discussione si affossano le istituzioni democratiche.
Chiediamo ai parlamentari ferraresi di farsi portatori in parlamento di una luce di democrazia e buon senso per evitare questa svolta autoritaria , di bloccare questo attacco alla Costituzione ed alla democrazia, di impegnarsi a votare contro queste proposte.
Chiediamo che tutti i sindaci , i candidati sindaci e le liste che si presenteranno alle prossime elezioni amministrative ed europee, si esprimano contro questo scempio facendo pressione sui rispettivi partiti, dichiarino che chi si presenta alle elezioni per ottenere il voto dei cittadini, non può accettare che la rappresentanza sia svilita e impedita da simili leggi.
Lanciamo in modo forte e allarmato questo appello a tutti i sinceri democratici.
Movimenti, associazioni, singole personalità possono aderire nei prossimi giorni scrivendo a
vivacostituzione@yahoo.it
Gentedisinistra – Libertà e Giustizia
Prime adesioni: Alternativa laboratorio politico circolo di Ferrara, Ferrara Ecologista, Giuseppe Fornaro (candidato sindaco), Daniele Civolani, Loredana Bondi, prof. Luigi Pepe (università di Ferrara), Sergio Golinelli, Catullo Nalin, Liviana Zagagnoni, Daniela Comunalazzi, Franca mazzanti, Andrea Pinna, Antonuio castaldo, Bergamini M. Cristina, Cesare carrieri, Gianluca Nannetti, Oriano mascellani, Fertitta Vincenzo (delegato Fiom), Mario Rocca,Francesco pertegato, Edoardo Nannetti,…altre adesioni stanno arrivando

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi