Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > Nobel agli infermieri, una pausa per fumare
Tempo di lettura: < 1 minuto

Lo svedese Alfred Nobel lavorava nella fabbrica di armi di suo padre. Giocava al piccolo chimico, fino a che, nel 1864, un’esplosione mortale uccise accidentalmente suo fratello minore. Profondamente colpito, Nobel studiò un modo per creare un esplosivo più sicuro: la dinamite. Alfred Nobel usò la fortuna accumulata per ideare i premi Nobel, che divennero famosi perché avrebbero rappresentato, da allora in poi, le assegnazioni dei più grandi successi in tutto il mondo.

Il fatto che l’inventore della dinamite dia il nome al più famoso premio per la pace contiene già una affascinante contraddizione. Forse è per questo vizio d’origine che ha potuto essere assegnato anche a Henry Kissinger. Scopriamo oggi che i medici e infermieri italiani sono candidati a prendere il Nobel per la Pace 2020 per l’abnegazione dimostrata nella crisi da Covid-19. Potrebbe essere il gancio per esigere un aumento, anche se somiglia più alla medaglia per non rompere i coglioni.

“L’unica cosa utile da sapere di una premiazione è quando ci sarà una pausa per fumare”.

Stephen Daldry

Commenta

Ti potrebbe interessare:
frattale complessità
Uscire dalla dualità giusto-sbagliato:
lo scontro sul green pass e la lezione della complessità.
Il marcio su Roma
giovani-lavoro
Non governare la globalizzazione: quando le persone diventano cose
scuola professore docente
Firma ché ti Pass!
La costrizione vaccinale per i lavoratori della scuola

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi