Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > Non c’è integrazione senza lavoro… anche a Ferrara

Non c’è integrazione senza lavoro… anche a Ferrara

immigrato
Tempo di lettura: 2 minuti

Bella foto, poetica: un uomo di colore si gode il sole splendente della mattina, appoggiato ad un muro pieno di graffiti colorati, guardando a sud.

Peccato che la realtà sia altra: siamo a Ferrara, l’uomo di colore è un vu cumprà che punta lo sguardo su chiunque si fermi per parcheggiare. E’ solo, è sperso.

Possibile che non ci siano lavoretti da proporre a queste persone, in modo che guadagnino qualcosa legalmente e si integrino con la cittadinanza? Camminando per le strade si vedono foglie secche ai lati delle strade, erbacce, cicche, bottiglie, per non parlare dei vicoli del centro che spesso olezzano di urina; in alcuni tratti delle Mura ci sono veri e propri mucchi di rifiuti: bottiglie, stracci, avanzi di cibo ed escrementi umani. Probabilmente gli spazzini e la nettezza urbana non riescono ad arrivare dappertutto, perché non mettere in campo alcuni immigrati senza lavoro e garantire loro una remunerazione seppur modesta?

Nella nostra città non ci sono grossi flussi migratori, intendo come avviene nelle grandi capitali, al sud e da qualche mese alle porte di Austria e Germania. Ma gli immigrati aumenteranno anche qui e noi, l’amministrazione innanzitutto, dovremo prepararci ad accoglierli e dare loro un lavoro dignitoso.

Provvedere conviene a tutti.

In foto: un vu cumprà appoggiato alle mura esterne dell’ex Ospedale Sant’Anna, a Ferrara

Immagini rappresentative di Ferrara in tutti i suoi molteplici aspetti, in tutte le sue varie sfaccettature. Foto o video di vita quotidiana, di ordinaria e straordinaria umanità, che raccontano la città, i suoi abitanti, le sue vicende, il paesaggio, la natura…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
CONTRO VERSO
Filastrocca delle lacrime e dei naufragi
NELL’ARIA C’E’ UN’ALTRA PANDEMIA:
L’indifferenza e l’isolamento socio-culturale
AI TEMPI DI UNA PANDEMIA NESSUNO È STRANIERO
DIARIO IN PUBBLICO
La fatica di vivere oggi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi