16 Aprile 2020

Nostalgia di Ferrara. Nostalgia di Silvano e di quella Ferrara…

Daniele Lugli

Tempo di lettura: 6 minuti

Quando si potrà farò, con chi vorrà, un giro per la mia città, in visita ai luoghi dove, nell’immediato dopoguerra, si è lavorato alla costruzione della partecipazione e della democrazia.

boldini-de pisis

C’era chi pensava, in quelle difficile condizioni, a una convivenza migliore di quella sperimentata, di quella avuta poi e anche di quella che abbiamo ora. Sarà un Itinerario ai luoghi del Centro di Orientamento Sociale in Ferrara (1946-1948). Una visita esterna, salvo Casa Romei. Gli altri luoghi – da me amati e frequentati – sono chiusi o li sento estranei, quando non ostili.

Il promotore
Silvano Balboni è appena tornato dalla Svizzera a Ferrara, agosto del ’45, prende la bici e va a trovare Aldo Capitini a Perugia. La novità sono i COS. Il Centro di Orientamento Sociale inizia a Perugia il 17 luglio 1944, con una rassegna delle posizioni dei partiti ricostituiti, o di nuova costituzione. Si tengono periodiche discussioni aperte a tutti, su tutti i problemi amministrativi e sociali. “Un’iniziativa felice che convocava molta gente e le autorità (il prefetto e il sindaco…), molto desiderata da tutti per l’interesse ai temi e per la possibilità di ascoltare e parlare”. Mai più uno senza l’altro, diceva Capitini. Balboni ha fretta di cominciare Sul “Corriere del Po”, 31 ottobre 1945, illustra l’esperienza del Cos di Perugia. Il 9 dicembre scrive a Pio Baldelli, che con Capitini collabora, annunciando la prossima apertura del Cos a Ferrara, con modalità analoghe. Ai programmi dei partiti esposti nell’incontro perugino Balboni aggiungerebbe quelli federalisti e degli anarchici. Ci vorrà più tempo del previsto.

1946 Auditorium comunale lunedì 4 marzo 1946 alle ore 18,15.
Prima riunione: i temi trattati sono diversi da quelli previsti. Ormai i partiti si sono visti. Lo spazio è alle domande. Nelle scatole di latte evaporato UNRRA si nota un foro stagnato, c’è manomissione? L’autolettiga della Cri funziona male. C’è responsabilità? Il mangime per i polli è troppo caro e così la crusca venduta ai Consorzi agrari. L’assistenza sanitaria è troppo frazionata (Eca, Onmi, assistenza bellica, antitubercolare, reduci) e i furbi ne approfittano. Perché idraulici, fumisti e stagnini non vengono a casa quando li chiami e costano così caro? Il problema delle strisce spartitraffico nel centro. Quali sono le prospettive dello stabilimento della Gomma sintetica?”.

Balboni spiega senso e finalità del COS: strumento di orientamento per le autorità, sulle esigenze del popolo, e per il popolo, per conoscere le possibilità di intervento, luogo di coagulo per importanti attività di cooperazione. C’è l’esempio del COS di Arezzo: ha promosso un prestito cittadino (90 milioni). Il successo del primo incontro è notevole. La gente è venuta ad una riunione non più solo per ascoltare ma ha parlato. Ha posto all’ordine del giorno una serie di temi, prendendo l’impegno di affrontarli. Balboni si preoccupa di dare immediata continuità ed una sede stabile all’iniziativa. La sede viene messa a disposizione.

Castello Estense, Sala del Consiglio, CLN provinciale, dal 12 marzo al 16 luglio alle 18.45
A tutte le domande poste viene data risposta convocando esperti e responsabili in incontri settimanali, sui quali i giornali riferiscono. Agli incontri Balboni, divenuto assessore comunale, porta il questionario che la Costituente invia ai Comuni e diffonde l’esperienza del Cos nelle delegazioni. Di rilievo la questione della ricostruzione di Pontelagoscuro. Il COS cambia sede e orario, con un recapito anche telefonico presso l’Assessorato.

Salone del Municipio 30 luglio 21.30 fino a dicembre
Si affrontano temi di grande interesse, come la riapertura del Teatro comunale, il Piano regolatore, il divorzio… Balboni, in costante contatto con Capitini, si appassiona a alla riforma religiosa. È stato al primo convegno perugino nell’ottobre, collabora all’organizzazione del secondo a Bologna e dedica gli incontri del Cos al Convegno Ferrarese sul problema religioso moderno.

Salone sopra il Teatro Nuovo: 17 dicembre 1946 – 11 marzo 1947
Allora, il Salone del Teatro Nuovo era sede dell’Università popolare, ma anche baladùr dei repubblicani. Vengono presentate 16 relazioni. Segue la discussione una media di 200 persone (molti i giovani e le donne). Il convegno desta attenzione e curiosità. Ne vengono date notizie sulla stampa. Del convegno Balboni cura e stampa un resoconto, diffuso in vari ambienti. Silvano, poiché Capitini non può intervenire nella data prevista, ne illustra il pensiero. Conclusa questa fase particolare riprendono i “normali” incontri nella sede istituzionale.

Salone del Municipio per tutto il ’47
In una lettera a Capitini del 3 maggio ´47 Silvano annota: “Il COS raggiunge la 50° seduta per la città e conta di affermarsi per essere ineliminabile anche dopo le prossime elezioni amministrative”.Vari temi di interesse cittadino e no vengono affrontati: burocrazia, toponomastica, riforma dell’esame di maturità, democratizzazione del Touring. Si segnala in particolare il tema dell’obiezione di coscienza, trattato da Andrè Trocmé, portato pure in diverse fabbriche cittadine e al Comune di Cento. Bisognerà attendere il 1972 per avere una legge la riguardo. Nonostante gli sforzi congiunti di Capitini e Balboni, che ha sostituito nel compito Baldelli, i Cos stentano a reggere e a diffondersi.

Teatro Comunale per le riunioni del ’48
Nel 1948 gli incontri, di preferenza al Teatro Comunale (ora intitolato al grande maestro Claudio Abbado, ndr.) si faranno più radi. Rilevanti il 6 febbraio la commemorazione di Gandhi tenuta da Silvano, il 23 maggio Giorgio Spini su Savonarola, il 23 settembre la quacchera Leta Cromwell sulla pace nel mondo. Siamo ormai in pieno clima elettorale. Nota Capitini nel suo scritto testamentario “Attraverso due terzi del secolo: “Non lo Stato antifascista, ma molto meno quello che seguì al 1948, erano in grado di valersi dei C.O.S. ed inserirli nella struttura pubblica italiana, ad integrazione della limitata democrazia rappresentativa del parlamento e dei consigli comunali e provinciali. Né le forze dell’opposizione di sinistra, tese nella speranza di una presa del potere, si curarono di apprestare uno strumento così elementare per la convocazione della popolazione e dell’opinione pubblica.”.

Il Convegno Nazionale a Casa Romei nel maggio del 1948

Nostalgia di Silvano

Dal 6 all’ 8 maggio del ’48, nella splendida Casa Romei, si svolge a cura del COS di Ferrara, Il più riuscito convegno nazionale di rinnovamento religioso.
Silvano Balboni muore a 26 anni il 7 novembre del 1948. Il COS, con la miglior democrazia prefigurata, non gli sopravvive.

Questo articolo è apparso anche sull’edizione online della storica rivista del Movimento Nonviolento [www.azionenonviolenta.it]

 



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Daniele Lugli

Daniele Lugli (Suzzara, 1941), amico e collaboratore di Aldo Capitini, dal 1962 lo affianca nella costituzione del Movimento Nonviolento di cui sarà presidente nazionale dal 1996 al 2010, e con Pietro Pinna è nel Gruppo di Azione Nonviolenta per la prima legge sull’obiezione di coscienza. La passione per la politica lo ha guidato in molteplici esperienze: funzionario pubblico, Assessore alla Pubblica Istruzione a Codigoro e a Ferrara, docente di Sociologia dell’Educazione all’Università, sindacalista, insegnante e consulente su materie giuridiche, sociali, sanitarie, ambientali – argomenti sui quali è intervenuto in diverse pubblicazioni – e molto altro ancora fino all’incarico più recente, come Difensore civico della Regione Emilia-Romagna dal 2008 al 2013. È attivo da sempre nel Terzo settore per promuovere una società civile degna dell’aggettivo ed è e un riferimento per le persone e i gruppi che si occupano di pace e nonviolenza, diritti umani, integrazione sociale e culturale, difesa dell’ambiente. Nel 2017 pubblica con CSA Editore il suo studio su Silvano Balboni, giovane antifascista e nonviolento di Ferrara, collaboratore fidato di Aldo Capitini, scomparso prematuramente a 26 anni nel 1948.
Daniele Lugli

Ti potrebbe interessare:

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • Vertenza ex Gkn.
    Tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

  • Gli azzeccagarbugli servi dei padroni dell’energia

  • conchiglie mare sabbia

    PRESTO DI MATTINA
    Il pellegrino e la conchiglia

  • CHI TOCCA UNA TOCCA TUTTE

  • CI SIAMO ANCHE NOI …
    Save The Park, dove migliaia di uccelli hanno la loro casa

  • Cos’è la destra, cos’è la sinistra
    Il boomer, il ragazzo e il bambino senza memoria

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi