Home > ALTRI SGUARDI > NOTA A MARGINE
Dalla Chiesa: in Emilia contro la mafia bisogna alzare la guardia

NOTA A MARGINE
Dalla Chiesa: in Emilia contro la mafia bisogna alzare la guardia

scegliere-da-che-parte-stare
Tempo di lettura: 4 minuti

“Noi non siamo eroi perché ci hanno ucciso, noi siamo eroi perché abbiamo voluto accanitamente capire e conoscere, per questo siamo diventati pericolosi.”
Queste righe sono tratte da “Noi e loro”, dialogo immaginario fra Giovanni Falcone e Paolo Borsellino scritto dal magistrato Alessandra Camassa, collaboratrice di Borsellino a Marsala, messo in scena da diverse compagnie e divenuto popolare con il titolo “Giovanni e Paolo”. “Noi” e “loro” sono state anche le due espressioni più usate a Cento da Nando Dalla Chiesa, ospite del Coordinamento per la pace nel centopievese, per parlare di mafia e antimafia oggi. Un contributo prezioso perché il risultato di un lavoro teorico (come docente a Milano dell’unico corso di sociologia della criminalità organizzata in Italia), dell’esperienza sul campo (come ex componente della commissione parlamentare antimafia), giornalista e ora presidente del comitato antimafia voluto da Pisapia a Milano, e dell’impegno sul piano etico, come famigliare di una vittima di mafia e come presidente onorario di Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, l’associazione fondata da don Luigi Ciotti.

scegliere-da-che-parte-stare

Nando Dalla Chiesa

Le premesse non sono certo incoraggianti: “le organizzazioni mafiose sono arrivate molto vicino a mangiarsi l’Italia”, afferma lapidario Dalla Chiesa, “i successi giudiziari di oggi ci raccontano quanto in realtà è stata facile in questi anni la vita della criminalità organizzata, nonostante l’antimafia”, e il pensiero corre a Mafia capitale e all’operazione Aemilia. La responsabilità è anche di chi per 30 anni ha affermato che “la mafia da noi non c’è” rappresentando “una realtà infedele”, ma soprattutto “smobilitando l’attenzione dei cittadini”. Al contrario bisogna prendere atto che “il nemico c’è” e che “questa è una battaglia contro dei professionisti che pensano a fare bene i mafiosi tutti i giorni, 24 ore su 24”.
E se di una battaglia si tratta la prima regola è “studiare l’avversario”: uscire dai pregiudizi interessati sulla geografia e sull’identità del fenomeno mafioso, riconoscere le banalità sulle sue trasformazioni culturali o sui modi di penetrazione nella vita economica e sociale”. E aggiunge Dalla Chiesa, “Non è vero che la mafia al Nord fa soltanto riciclaggio: più che riciclare, conquistano territorio e controllo sociale e si impadroniscono di pezzi di economia”; senza contare che mettendo l’accento solo sui fattori economici dell’infiltrazione si rischia di insinuare l’idea perversa che sotto sotto in realtà portino ricchezza: la verità è che “prima arrivano i soldi, ma poi arrivano i loro metodi”.
Per questo noi “dobbiamo combattere la mafia sotto casa e ribellarci alle forme di presenza mafiosa che ci troviamo di fronte”, e per farlo dobbiamo capire “il loro modus operandi”, “dobbiamo entrare nella loro testa, pensare a cosa farebbero loro, studiare la loro mentalità”. Una cosa tutt’altro che facile da fare nella pratica soprattutto pensando al forte tasso di compenetrazione fra realtà legale e illegale nel nostro paese: quella famosa zona grigia in cui si creano le relazioni sociali che sono il loro vero capitale. “I nostri territori sono stati conquistati da persone con una sapienza infinita nella costruzione delle relazioni: sanno qual è l’assessore o il magistrato avvicinabile, quale il redattore coniglio e quale quello coraggioso”. Per questo Dalla Chiesa sottolinea con forza che noi dobbiamo renderci conto che “la vera forza della mafia sta fuori dalla mafia, in tutto ciò che loro riescono a ottenere dalla società non mafiosa”. Ecco perché i fronti dell’antimafia in realtà sono la connivenza e la corruzione, ed ecco perché l’antimafia è “un affare anche di chi non ha toghe e divise addosso”, una responsabilità di tutti e di ciascuno di “sentirci difensori della democrazia di questo paese e della sua Costituzione”.

In conclusione noi cosa possiamo fare? Informarci, conoscere, non accontentarci delle spiegazioni superficiali, ma prima di tutto “scegliere da che parte stare” fra “noi” e “loro”, è il monito di Nando Dalla Chiesa.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Castello estense recintato
La favola di Re Cinzione e del suo Can Cello
Elogio dell’edicola
il treno di margherita binario
Dalla tavola rotonda Cargofer:
“Un binario ecologico per ridurre l’impatto ambientale del traffico merci”
Colletti bianchi e coscienze nere
Carife: Ferrara porto delle nebbie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi