25 Maggio 2015

NOTA A MARGINE
Sharing economy: dalla rete l’impulso alla cultura dello scambio e della condivisione

Monica Forti

Tempo di lettura: 5 minuti

couchsurfing

Non è un viaggio qualsiasi quello del video di Simone Chiesa e Anna Luciani, i due couchsurfer, che hanno scorrazzato in lungo e in largo per il Brasile usufruendo dell’ospitalità gratuita offerta dal network di raccordo tra ospiti e travellers di tutto il mondo [leggi]. Presente al festival Altroconsumo, il duo Chiesa-Luciani ha raccontato un modo di viaggiare poco turistico ma umanamente molto ricco: “Il couchsurfing, alla lettera surfare i divani, fa parte della cultura della condivisione. Stimolato dalla crisi economica, ha finito con il diventare sinonimo di apertura mentale e curiosità”, spiega Anna. “E’ diverso da un’esperienza interrail, ci si trasforma in viaggiatori, ci si misura con la quotidianità reale dei luoghi visitati”, dice Simone.

couchsurfing
I coachsurfers Anna Luciani e Simone Chiesa

I due hanno conosciuto le favelas, condiviso pavimenti e materassi con altri giovani incontrati lungo il cammino, si sono lavati con l’acqua di fonte, hanno mangiato lo stesso cibo dei padroni di casa. Insomma, hanno viaggiato davvero. E lo hanno fatto anche col cuore. “Ci sono realtà che spesso sfuggono al turista – racconta Simone – A Cuba, dove ho passato un lungo periodo, se anche vuoi preparare una cena per gli amici, fatichi a riuscirci. Vai al supermercato e gran parte di quanto serve a cucinare non riesci a trovarlo. Il cibo è per i turisti, per gli isolani le cose vanno diversamente”. Il couchsurfer va incontro al mondo così com’è, libero dalla vacanza organizzata e forte dell’ospitalità gratuita a misura di incontri, confronti e spesso amicizie. “Tutto si regge sulla fiducia reciproca – spiega Anna – i nostri ospiti non hanno mai avuto brutte esperienze. E’ un buon segno”. Qual è l’identikit di chi dà alloggio? “In realtà la cosa riguarda tutti i ceti, dal libero professionista al disoccupato. Sono tutte persone accomunate dalla curiosità, spesso non possono permettersi di spostarsi e così si mettono nelle condizioni di incontrare chi lo fa”, conclude Simone.

Il couchsurfing è una delle tante realtà di economia condivisa, sharing economy, che oggi in Italia vanta 138 piattaforme di servizi on line attive nei più differenti settori. La sharing economy alla quale “Dire, Fare, Cambiare”, il festival dell’associazione Altroconsumo ha dedicato uno dei tanti appuntamenti, è sbarcata in Italia nel 2012. E’ una realtà in divenire, rappresentativa di un cambiamento sociale cui ha fatto seguito l’insorgere di una domanda di consumo diversa, virtuosa, sostenibile, che economia tradizionale e politica faticano a intercettare e comprendere. “Eppure – sottolinea Marta Mainieri di www.collaboriamo.org – contenuti e servizi per un’economia collaborativa – una ricerca della Nielsen del 2013 ci identifica come il Paese più predisposto alla condivisione”. E’ una questione culturale, un’abitudine di vecchia data mai del tutto tramontata, solo che oggi a sostenerla nei contenuti quanto nella riscoperta di valori c’è la rete. “In Sardegna è stata creata una piattaforma, la Sardex, con cui le aziende si scambiano le eccedenze di personale”, spiega.

A fare la parte del leone tra le piattaforme esistenti sono quelle dedicate al crowdfounding (30 per cento), vengono utilizzate per finanziare progetti, un modo per tentare di aggirare la crisi da parte di ragazzi e adulti intenzionati a trovare un nuovo modo di vivere e lavorare. Ci sono poi esempi ormai affermati come BlaBla car, passaggi in auto low cost con spese e tempo condivisi. Tutto naturalmente si basa sulla fiducia, sulla certificazione on line e naturalmente sul taglio dei costi: “Un viaggio da 60 euro può essere fatto con 30 e per quanto riguarda la questione della fiducia, basta il mezzo giusto per farla emergere”, dice Andrea Saviane di BlaBla car, due anni di servizio gratuito, trecento addetti, ormai prossima a raccogliere profitti dal proprio lavoro. “La sharing economy tutto sommato esisteva già”, dice Gian Luca Ranno della community Gnammo. “Proponiamo eventi culinari e li condividiamo”, spiega. Che ne pensano i ristoratori? Il Alcuni hanno chiesto di lavorare con la piattaforma, altri la vivono come concorrenza. “La politica è in ritardo sul tema, le leggi esistenti sono nate prima della sharing economy perciò non rispondono all’attualità – conclude – Credo sia necessario costruire una legge condivisa con gli operatori del settore”. A denunciare i ritardi della politica ci pensa anche Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo, ma fa di più etichettando la recente levata di scudi di otto deputati dell’intero arco costituzionale a favore degli architetti, che a loro detta, sarebbero minacciati nella parcella da un network globale a cui un privato può rivolgersi, chiedere preventivi e scegliere quello più adatto alle proprie esigenze. “Ritenendo il job act una cosa nata vecchia, spero invece in uno sharing economy act – dice – la politica non deve ostacolare con regole vecchie, o proteggere degli interessi consolidati, questo non c’entra nulla con la tutela del consumatore. Piuttosto dovrebbe favorire il moltiplicarsi delle opportunità di lavoro”.

Nelle pagine di Ferraraitalia avevamo già parlato del couchsurfing e dell’esperienza di Anna Luciani e Simone Chiesa [leggi].



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Monica Forti

Monica Forti

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi