Home > COMUNICATI STAMPA > Nota del Sindaco di Ferrara in merito alla situazione del Palaspecchi

Nota del Sindaco di Ferrara in merito alla situazione del Palaspecchi

Tempo di lettura: 4 minuti

da: ufficio stampa Portavoce del Sindaco di Ferrara

” Ho capito. La cosa che oggi più serve ad un amministratore onesto è la pazienza. Non la semplice pazienza del papà che imbocca il bimbo inappetente, piuttosto quella sovrumana che induce Giobbe alla sopportazione (Giobbe 16,12-14).

La serie di stupidaggini che ascolto in questo giorni rende il compito davvero arduo ma i cittadini devono sapere:

1. Che l’imprenditore Vittadello non è stato scelto dalla amministrazione, ma, insieme con CDP si è presentato ad una gara ad evidenza pubblica bandita da ACER. Sotto questo profili il M5S dice il falso

2. Che la strana coppia Lega Nord e M5S avesse previsto l’arresto di Vittadello – oppure solo ventilato problemi relativi a quel gruppo – è una pura menzogna. Nessuno ha mai sollevato alcun problema in queste settimane di dibattito, tutte incentrate sulle occupazioni abusive e sulle difficoltà del gruppo Parsitalia. Problemi mai nascosti ed affrontati sempre apertamente basta vedere gli show su canale 5 e Rete 4 del nostro Naomo per verificare se ho torto. Il lavoro di denuncia della Lega Nord dunque non ha mai toccato il problema sollevato dalle indagini su Anas, e, a meno che la Lega Nord non avesse accesso ad atti di indagine sulla impresa Vittadello (che escludiamo) la “sfera di cristallo” va intesa quale palla, sì, ma di carattere mediatico e non astrologico

3. Che poi il ricorso al TAR dell’ing. Mascellani fosse diretto più ad ostacolare il progetto che ha rivendicare un diritto era evidente, ci sorprende tuttavia non tanto l’azione contro il Comune per i profili urbanistici sui quali risponderemo nella sede giudiziale quanto che questo non scandalizzi la LN che anzi suggerisce proprio Darsena City ovvero il complesso immobiliare di questi come ipotetico alternativo sito di investimento

4. Il così detto piano “B” è quello da noi già anticipato settimane or sono: se la proprietà non sarà in grado di predisporre il cantiere rapidamente, come purtroppo pare oggi facilmente ipotizzabile, per le problematiche emerse si dovrà imporre la messa in sicurezza del fabbricato previa la sua liberazione da quelle poche persone che vi risiedono abusivamente. Quello che ci induceva ad attendere è che questo oggi rischia di pesare sulle casse comunali e di non essere definitivo senza un vero e proprio cantiere, nel tempo non c’è muro che non si superi , difficile comprendere perché larga parte della opposizione sottostimi questo problema e gridi addirittura vittoria: è una sconfitta per la città che rischia di portarsi dietro questo tema per molti altri anni.

5. Il piano “C” del binomio Mascellani – Lodi, con tutto l’affetto che meritano per la dedizione alla causa, quello in altri termini che prevede l’abbattimento del palazzo è invece irrealizzabile, vuoi perché il complesso di oltre 44.000 metri quadri co-progettato da Mascellani negli anni 80 andrebbe prima acquistato, vuoi perché il Comune ha un divieto normativo di acquisti di tale portata, vuoi perché tra l’acquisto e la demolizione andrebbero dissipate risorse destinate almeno per tre anni a scuole, strade, musei, piazze …. Il tutto per avere un bel piazzale sterrato da dedicare a chi in queste settimane ha fatto di tutto con la complicità di molti, per contribuire a mandare all’aria l’unica soluzione vera.

Poi, va detto, questa è l’Italia e la magistratura fa il suo dovere , Io tuttavia, pur predisponendo quanto necessario per l’oggi, continuo a lavorare per la soluzione completa e non per la “pezza” Cassa Depositi e Prestiti, Acer ed Investire sono ancora al tavolo. ”

Tiziano Tagliani, Sindaco di Ferrara

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi