Home > PARTITI & DINTORNI > Nota di Renato Finco su corsi arabo

Nota di Renato Finco su corsi arabo

Tempo di lettura: 2 minuti

Da Unione Comunale PD Ferrara

Quando si inforcano  gli occhiali dell’estremismo ideologico o peggio ancora dell’integralismo militante portiamo il cervello all’ammasso. Purtroppo non sono in grado di escludere nessuno con questa affermazione: né coloro che si professano di sinistra che gridano al razzismo anche di fronte alle  segnalazioni di comportamenti riprovevoli agiti da un “soggetto immigrato”. Né la destra che ad ogni evento di cronaca locale addebita la colpa agli immigrati, invocando la militarizzazione. Ci scordiamo che ormai, solo a Ferrara, gli immigrati che lavorano nelle nostre imprese o addirittura nelle nostre case sono quasi ventimila.
Tuttavia questi contrapposti atteggiamenti, entrambi ideologizzati e sconnessi con la realtà e che fanno parte, se volete, di una fase storica e sociale che sta attraversando il nostro Paese e la nostra città, col tempo a mio avviso potranno anche trovare un loro equilibrio e una loro mediazione culturale. Invece, gli  “ignoranti patentati”, quelli che volutamente scambiano “lucciole per lanterne” e le propinano a piena voce al popolo come fosse “la verità”, o meglio l’unica verità saranno superati dai fatti e dalla storia.
Queste persone sono coloro che non saranno mai in grado di cambiare opinione anche di fronte all’evidenza. Mi chiedo cosa c’entra una proposta di corso di arabo, in orario post scolastico,  con l’idea di sottomissione culturale, allora anche l’Università Popolare di Ferrara va censurata perché ormai da anni propone un corso di lingua araba?  Sottomessi agli Arabi? E un corso di inglese? Vuol dire sottomissione alla “perfida Albione”? Oppure imparare una lingua straniera significa compiacere gli stranieri?
Purtroppo agli “ignoranti patentati” non si possono chiedere spiegazioni perché non ne hanno. Quello diventa lo slogan, la sparata. Ed è proprio per questo atteggiamento, queste dichiarazioni  sparate sui giornali   che creano false verità,  non voglio restare indifferente ma dire avanti con più cultura, più corsi di integrazione e scambio culturale perché anche così si crea conoscenza e condivisione di valori tra le diverse persone.

Renato Finco segretario Unione Comunale PD Ferrara

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi