Home > COMUNICATI STAMPA > Nuovi oneri (aumento Imu) sulle aziende del comparto Ricettivo: la preoccupazione di Federalberghi provinciale

Nuovi oneri (aumento Imu) sulle aziende del comparto Ricettivo: la preoccupazione di Federalberghi provinciale

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa Ascom Ferrara

“In un mercato turistico caratterizzato da una concorrenza spietata, il nostro territorio rischia di rimanere una terra da turismo mordi e fuggi – spiega in una nota il presidente provinciale di Federalberghi – Confcommercio, Alessandro Maglio – sopratutto se l’annunciata volontà ben chiara dell’Amministrazione Comunale di Ferrara di portare l’IMU dallo 0,9 all’1,02 si trasformerà in un ulteriore pesante fardello che colpirà la capacità di investimento dei nostri imprenditori rischiando di incidere oltre ogni misura sulla capacità di riqualificare le strutture ricettive che costituiscono un elemento fondamentale del pacchetto turistico.
In particolare di chi negli anni ha investito pesantemente nell’acquisto di strutture e che ora in questo quadro farà ancora più fatica a riqualificare sotto il piano della Qualità vista l’inasprirsi della pressione fiscale che rischia certamente di frenare gli investimenti. E senza strutture riqualificate sarà sempre più complesso attirare turisti alla ricerca dei più alti e raffinati standard di accoglienza internazionali. Negli anni il comparto già ha sopportato la tassa di soggiorno e la sua gestione (onerosa) tutta a carico degli albergatori.

Ed oggi a distanza di un paio di anni dalla sua introduzione ecco un nuovo carico da 90 – l’aumento per l’appunto dell’IMU – con il quale il Comune da un lato pensa già ai futuri introiti 2016 quando con tutta probabilità l’Imposta Municipale Unica sarà di esclusiva pertinenza ed incasso dei Comuni e dall’altra pensa a tamponare i buchi delle aziende a gestione comunale riversando sulle spalle degli imprenditori privati – quelli che ogni giorno alzano con coraggio la saracinesca delle loro attività ed investono soldi propri – i costi o peggio le inefficienze del Pubblico, alle prese con la necessità peraltro di arginare la spesa corrente comunale” conclude il presidente Maglio

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi