Home > COMUNICATI STAMPA > Nursing Up, De Palma «Dobbiamo prendere in mano il nostro futuro e diventarne protagonisti».

Nursing Up, De Palma «Dobbiamo prendere in mano il nostro futuro e diventarne protagonisti».

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Comunicato stampa Nursing Up.

Sanità, Infermieri Nursing Up, De Palma «Dobbiamo prendere in mano il nostro futuro e diventarne protagonisti. Alveo autonomo di contrattazione e vera libera professione: chi tiene alle professioni infermieristiche e sanitarie si batte per questo».

Quali prospettive di sviluppo per la professione infermieristica? Le riflessioni del Presidente De Palma nel vertice del 13 maggio con gli altri sindacati di categoria organizzato dalla Cnai. 

14 MAG 2021 – C’è qualcosa che non torna nel modo in cui la professione infermieristica rappresenta oggi le proprie complesse istanze alle istituzioni. E’ necessario che chi parla a nostro nome e per nostro conto, comprese le istanze pubbliche che rappresentano la professione ai vari livelli, dia conto ai professionisti del loro agire e soprattutto porti risultati tangibili.

Perchè la nostra professione sembra ferma al palo rispetto ai traguardi che potrebbe ottenere?

Non c’è una legge che impedisce di fatto agli infermieri di svolgere attività per così dire “innovative”, ovvero che non rientrano nello stretto perimetro di quelle funzioni che i nostri professionisti svolgono di prassi: per altro una delle norme principali di riferimento, la legge 42/1999, individua in modo specifico i criteri limite entro i quali il professionista si muove, e stabilisce che tutto ciò che fa parte del bagaglio formativo e curriculare che gli infermieri vantano, agito nel rispetto del codice deontologico e del profilo professionale, consente loro di assumersi specifiche responsabilità . Parliamo di responsabilità che vanno ben oltre quelle che agiamo nella nostra limitata quotidianità operativa e di discutibili modelli organizzativi, parliamo di prassi obsolete e medico centriche. 

Si signori, avete capito bene, non si tratta di un problema di leggi che mancano, ma bensì di lobbies, e questo va detto senza nascondersi: i medici riescono ad ottenere ciò che chiedono perchè sono stati in grado di esprimere referenti politici negli ambienti che contano, noi infermieri invece non siamo stati capaci di farlo, per lo meno non come avremmo potuto e/o dovuto.

Accade così, che ogni volta che legittimamente avanziamo ipotesi innovative di esercizio professionale, ne consegue una levata di scudi, con i medici che sollevano le armi e che gridano alla lesa maestà. 

Questo non è più accettabile. Ora tocca a noi, il futuro è a portata di mano, a patto di essere capaci di “dare corpo e sostanza alle norme che già esistono”. Ma per fare questo, le istanze rappresentative della professione, in particolare quelle che si confrontano ogni giorno con il Governo, dovranno avere, da un lato il coraggio e la forza necessari per sostenere fino in fondo la crescita e la valorizzazione della nostra categoria, dall’altro la determinazione e la competenza per opporsi alle apodittiche e precostituite posizioni delle lobbies.

Per quanto ci riguarda, come sindacato chiediamo al Governo di riconoscere la competenza infermieristica attraverso una valorizzazione contrattuale della categoria. Ci siamo confrontati con il Comitato di Settore per far sì che la struttura contrattuale degli infermieri sia uniformata a quella della dirigenza.

Chiediamo nelle piazze, e da mesi, un alveo autonomo di contrattazione. 

Che si chiami area o sezione per noi poco conta, purché si tratti di un ambito di trattativa riservata e finanziariamente autonoma, dove il personale delle professioni infermieristiche possa trattare in autonomia con la controparte pubblica. Ne hanno beneficiato già i medici, quando sono usciti dal calderone del comparto, accadrà di certo in positivo anche per noi.  

Per questo, lo ribadiamo, un contratto autonomo degli infermieri è doveroso e lotteremo strenuamente per ottenerlo. Auspichiamo che il nuovo contratto, finalmente, garantisca all’infermiere che combatte ogni giorno per la salute del cittadino, uno stipendio degno di tal nome e a tal riguardo, l’indennità di specificità infermieristica per la quale abbiamo lottato e che abbiamo ottenuto dovrà essere rimpinguata.

Non dimentichiamo poi quanto ci sta a cuore la necessità che la libera professione sia allargata a tutte le attività che gli infermieri possono svolgere e che non sia limitata alla sola realtà vaccinale del Covid. Così che si creerà, ad esempio, finalmente, un filo conduttore solido tra sanità pubblica e privata, permettendo agli infermieri dipendenti di andare in soccorso di quelle realtà private come le Rsa italiane, che negli ultimi mesi più che mai versano in difficoltà enormi per le fughe di personale sottopagato e costretto a turni massacranti».

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi