COMUNICATI STAMPA
Home > ALTRI SGUARDI > Occhi aperti sulla ricostruzione post-terremoto

Occhi aperti sulla ricostruzione post-terremoto

Tempo di lettura: 4 minuti

Controllare l’avanzamento dei lavori della ricostruzione post terremoto, vigilare sulla trasparenza degli appalti, mappare i cantieri ancora aperti.
Sono tutte attività di competenza degli organi di controllo e della pubblica amministrazione, ma perché anche i cittadini non possono prendervi parte come osservatori attivi? E non stiamo parlando degli “umarells” a bordo scavo, ma di persone che si prendono la briga di studiare la legislazione in materia di appalti, fare sopralluoghi sistematici sui cantieri del sisma e far sentire alle istituzioni che la popolazione è presente, non solo per ricevere aiuti, ma anche per verificare come vengono usati.
Certo è uno sforzo in più, ma di questi tempi e in questo paese è tristemente necessario.
A chi pensa che “sarebbe bello, ma…”, diciamo che tutto questo è già stato fatto, e in più nella nostra provincia. Bondeno è infatti stato scelto dall’organizzazione internazionale Action Aid, assieme ad altri quattro comuni emiliani terremotati, per sperimentare il cosiddetto “monitoraggio civico”. Un team di operatori ha realizzato un progetto dal titolo Open Ricostruzione che ha previsto tre incontri nell’arco del semestre che si è appena concluso e ha realizzato attività con le scuole e i cittadini.
Per gli adulti sono stati fatti dei laboratori giuridici per conoscere i meccanismi di concessione degli appalti pubblici, prendendo come esempio il bando del nuovo polo scolastico di Scortichino: si è parlato di anti-mafia, subappalti e sicurezza nei cantieri. Poi sono stati fatti dei tour fotografici con gli Instagramers di Ferrara per immortalare a che punto sono i lavori di ricostruzione degli edifici pubblici danneggiati dal sisma.
Ai ragazzi delle scuole sono stati fatti dei corsi di data journalism, il giornalismo basato sui dati, che ha permesso, per esempio, di integrare il dataset regionale del Piano della Ricostruzione correggendo alcuni indirizzi e arricchendo con informazioni di prima mano la mappa dei cantieri (vedi i risultati del lavoro).
Ma perché Action Aid che normalmente opera nei Sud del mondo ha avviato attività in Italia?
“Qui, soprattutto dopo il terremoto – spiega Christian Quintili di Action Aid – ci sono problemi che ci rendono molto simili agli altri paesi in cui operiamo, e abbiamo sentito la necessità di promuovere interventi sul territorio attorno al concetto di accountability, ovvero responsabilità, trasparenza e partecipazione tra soggetti pubblici, privati e società civile.
Il 17 giugno 2013 la Regione Emilia-Romagna ha emanato un provvedimento nell’ambito della ricostruzione post terremoto. All’interno, ci sono 1502 interventi per un totale approssimativo di oltre 1,3 miliardi di euro (circa il 10% della stima totale dei danni). A Bondeno sono previsti 95 interventi. Noi vogliamo coinvolgere tutta la cittadinanza per comprendere meglio come e perché verranno finanziate le attività per la ricostruzione, chi userà questi fondi e a che cosa i fondi verranno destinati”.
Ed ora che il progetto si è concluso cosa resterà?
“Abbiamo lasciato degli strumenti per continuare il monitoraggio, soprattutto ai ragazzi che sono i più recettivi in ambito tecnologico. Abbiamo fornito testi informativi e nozioni giuridiche che permettono a chiunque di capire se c’è qualcosa di strano nelle procedure e di interagire con le pubbliche amministrazioni e i privati per chiedere chiarezza”.
Rispetto agli altri paesi coinvolti in Open Ricostruzione, i laboratori giuridici di Bondeno sono stati quelli con la minor affluenza, come leggere questo segnale?
“La sensazione è quella di svuotare il Titanic con una tazzina da caffé, ci sono prassi da invertire, il civismo è un muscolo che va allenato – dice speranzoso Quintili – se troveremo altri finanziamenti, ci piacerebbe tornare per proseguire il lavoro”.
“Io sono stato soddisfattissimo – afferma Gino Alberghini, bondenese che ha partecipato a tutti gli incontri – è troppo facile andare al bar e parlare senza sapere nulla. Dispiace la poca partecipazione, ma intanto questo è un inizio”.
Il seme è stato piantato, ora sta ai cittadini farlo crescere.

Vai al sito del progetto, vai al blog

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi